Tuesday, May. 22, 2018

Poker Online

Scritto da:

|

il 20 Apr 2018

|

 

Lasciare il poker all’apice della carriera? Ecco cinque giocatori che lo hanno fatto

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

Lasciare il poker all’apice della carriera? Ecco cinque giocatori che lo hanno fatto

Area

Vuoi approfondire?

Per un giocatore o uno sportivo dire addio è sempre difficile. Lasciar perdere quello in cui si è sempre stati bravi per intraprendere una nuova strada non è qualcosa che si fa a cuor leggero.

Eppure esistono diversi esempi di grandi poker pro che hanno mollato tutto quando sembrava che fossero destinati a dominare le scene ancora per molti anni.

Parliamo di gente che ha vinto milioni e milioni di dollari grazie al poker, per poi salutare all’apice della loro carriera e dedicarsi ad altro.

Inutile dire che per molti di loro il Black Friday del 2011 ha avuto un ruolo importante nella scelta di ‘appendere le carte al chiodo’.

Andiamo ad approfondire allora un’interessante carrellata proposta dal sito Highstakesdb, specializzato nel tracciare i risultati degli high stakes online.

Il portale ha individuato cinque personaggi che hanno fatto faville ai tavoli online (e non solo) per poi sparire completamente o farsi vedere solo di tanto in tanto. Alcuni di loro non sono famosissimi, ma hanno scritto la storia del nostro amato gioco! Ecco chi sono…

 

Niklas ‘ragen70’ Heinecker

Nato ad Amburgo nel 1984, il pro tedesco Sven Niklas Heinecker ha scalato i livelli nel NLHE ed è stato sponsorizzato da Full Tilt con il nickname ‘NiklasHeinecker’ dal 2010 fino al Black Friday. È tornato al suo nick storico ‘ragen70’ nel 2012 quando Full Tilt ha riaperto i battenti. Anche su PokerStars si chiamava ‘ragen70’.

Niklas si distingueva negli heads-up NLHE e nei six-max. Ha vinto 2.120.000$ tra il febbraio del 2011 e il gennaio del 2014 su PS ai tavoli 50/100$ e 200/400$. Su FT ha vinto 2.160.000$ tra il giugno e l’ottobre del 2013 ai tavoli 400/800$ NL. Tra agosto 2013 e novembre 2014 ha vinto 5.400.000$ ai tavoli 2/4k$ di Triple Draw.

Niklas ha giocato poco dal vivo ma nel giugno 2013 è riuscito a incassare 4.456.885$ agli Asia Millions di Macao.

Nonostante i 10 milioni incassati online tra il 2012 e il 2014, Niklas ha deciso di smettere. Ora si autodefinisce un investitore.

 

I fratelli Dang

Di Dang e suo fratello minore Hac hanno iniziato a giocare insieme, arrivando a condividere un bankroll enorme negli high stakes (con account separati). Nei quattro anni precedenti al Black Friday hanno vinto 13,5 milioni di dollari in due. In totale hanno vinto 17 milioni insieme. Nel 2011 Hac Dang è tornato in azione vincendo altri 3 milioni tra Full Tilt e Pokerstars ma nel 2014 anche lui ha smesso definitivamente.

Di ‘Urindanger‘ Dang può vantare oltre 6 milioni vinti ai tavoli PLO di Full Tilt e 2 milioni al NLHE, per un profit totale di 6,4 milioni. Nel 2011 ha vinto altri 685.000$ su PS con il nick ‘ilvdnfl’.

Hac ha vinto 4,4 milioni su Full Tilt con il nick ‘trex313‘, giocando PLO/NL mix. Vanno aggiunti 2,43 milioni col NLHE e 1,46 milioni col solo PLO. Va detto anche che ha perso 2 milioncini con il Triple Draw e l’8-Game. Comunque il suo conto complessivo è di +6,58 milioni su Full Tilt. Nel suo ritorno su PS ha vinto oltre 2 milioni con il nick ‘1ll|1ll|1ll|’ quasi esclusivamente ai tavoli PLO.

I due fratelli hanno avuto successo soprattutto nell’era d’oro degli high stakes online, tra il 2007 e il 2011. Ai tavoli 500/1000$ di NLHE e PLO sfidavano gente come Dwan, Hansen, Galfond, Laliberte e Blom.

Di ‘Urindanger’ Dang può vantare uno dei piatti più ricchi mai vinti online. Con AA si è meritato un pot da 723.941$ contro KK di Tom ‘durrrr’ Dwan.

Di Dang si è visto l’ultima volta nel 2015 a Macao, quando ha incassato 587.754$ grazie a un 11° posto in un Super High Roller. A quanto pare i due fratelli sono impegnati ora nel business della ristorazione in Virginia.

 

Mark Vos

La storia di Vos è davvero incredibile. La sua specialità era il gioco short-stack negli high stakes, pratica derisa da molti e paragonata agli hit’n’run. Tra il 2007 e il 2011 con questa tecnica Vos ha vinto 2.970.233 dollari su Full Tilt.

Nel 2006 ha vinto 803.000$ e un bel braccialetto alle WSOP. Nel curriculum può vantare anche una marea di insulti ricevuti da gente come ilari ‘Ziigmund’ Sahamies che lo ha definito “il più grande scherzo del business del poker” e gli ha augurato anche la morte in chat.

Vos è tornato a giocare per un po’ nel 2013 su Full Tilt e Pokerstars ma ha dichiarato: “Ci ho riprovato per sei mesi ma con scarso successo. I miei avversari hanno imparato a giocare contro di me e perdere mi frustrava. Non avevo più motivazioni o desiderio di migliorare. Per me era finita“.

Nel 2017 lo abbiamo rivisto agli Aussie Millions a causa di un po’ di nostalgia. Per la cronaca, ha incassato 70.000$ grazie a un 18° posto nel Main Event.

 

Taylor Caby

Purtroppo il sito HighstakesDB non ha a disposizione molti dati recenti su Caby, che vinceva già negli anni tra il 2004 e il 2006. Sappiamo però che era un grandissimo degli heads-up NLHE. Pensate che in una settimana vinse 600.000$ su Ultimate Bet contro Prahlad ‘mahatma’ Friedman.

Caby diventò milionario grazie al poker ancor prima di finire il college. Nel 2005 ha fondato Cardrunnners.com insieme al suo compagno di stanza Andrew Wiggins. Più tardi creò anche Hold’em Manager. Ha lasciato il mondo del poker nel 2008, quando i Cardrunner sono stati sponsorizzati da Full Tilt.

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari