Monday, Dec. 11, 2017

Storie

Scritto da:

|

il 4 Ott 2016

|

 

Federico Butteroni devolve il 20% della vincita del Sunday Special in beneficenza: “Felice di dare un contributo!”

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

Federico Butteroni devolve il 20% della vincita del Sunday Special in beneficenza: “Felice di dare un contributo!”

Area

Vuoi approfondire?

Un pizzico di rammarico c’è, perché bustare un torneo e assistere pochi istanti dopo al deal dei player rimasti in gioco non può certo far piacere, ma Federico ci ha abituato a prendere sempre tutto col sorriso.

E in fondo, per un former november 9, il Sunday Special può a tutti gli effetti considerarsi una ‘parrocchietta’.

Ma il rispetto per la somma vinta, equiparabile a 5 mesi di stipendio di un under 30 medio, c’è sempre e comunque. E viene prima di tutto.

E dei 5.051€ incassati, Butteroni ha deciso di aderire all’iniziativa di Cristiano ‘crisbus’ Guerra – alla quale hanno partecipato, tra gli altri, anche Dario Sammartino e Mustapha Kanit – in favore delle popolazioni terremotate di Amatrice e frazioni, devolvendo il 20% (1.010€) della vincita.

“Sono molto contento del risultato ottenuto. L’amarezza è dovuta solo ed esclusivamente al corrispettivo della percentuale destinata in beneficenza, che sarebbe potuta essere più corposa. Ma in fondo poteva andare anche peggio: 1.000€ sono comunque una cifra impostante. L’idea è nata a fine day1, essendo messo bene nel count: avevo letto su Facebook di questa campagna pro sisma e anche io volevo dare il mio contributo. Avevo già provato a fare qualcosa del genere in occasione del Main Event WSOP Circuit a Campione, ma l’asta per la vendita del mio 15% non aveva avuto seguito. Ci ero rimasto un po’ male, perché son cose fatte con il cuore e dispiace non vederle andare in porto. Ho dunque contattato Cristiano, una persona squisita, per far partire un’asta su una percentuale del mio torneo. Alla fine, anche per questioni organizzative, non c’è stata il tempo di farla partire, ma ho comunque deciso di mettermi ‘in proprio’ e devolvere il 20% dell’incasso finale.”

guer

Butteroni si è detto particolarmente toccato per quanto accaduto nel comune laziale, confessando di conoscere una persona che ha perso casa e amici:

“Ho conosciuto un ragazzo di Amatrice non appena tornato dalle World Series. Sono stato colpito nel profondo e non potevo non dare un apporto a questa causa. Noi siamo bravi a parlare, ma non ci rendiamo conto come una cosa del genere possa stravolgere la vita di una persona da un giorno all’altro”.

Il 26enne romano ha in ultimo affrontato il discorso poker-beneficenza tout court:

“Probabilmente i pokeristi italiani potrebbero fare qualcosa di più. Vero, non è una gara, ma ci sono sicuramente altri Paesi che sono sempre in prima linea. Quest’estate ho partecipato ad un evento organizzato da Maria Ho in favore della ‘One Step Closer Foundation’ che cerca di aiutare le persone colpite da paralisi cerebrale. Ad ogni modo spero che altre persone possano seguire questo esempio, donando anche solo un 5-10% della vincita di un torneo. Non raggiungere il deal è stato un peccato visto che avrei sicuramente provato a chiedere agli altri player di donare qualcosa, e magari ci sarei anche riuscito!”

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari