Tuesday, Oct. 23, 2018

Strategia

Scritto da:

|

il 15 Mar 2017

|

 

Sono più forti i giocatori di MTT o i player di cash-game?

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

Sono più forti i giocatori di MTT o i player di cash-game?

Area

Vuoi approfondire?

S’ì fosse foco arderei ‘l mondo…

Non ce ne voglia Cecco Angiolieri, tuttavia seppur con minor enfasi letteraria la veemenza con la quale cash-gamers e MTTers solgono beccarsi negli ultimi tempi potrebbe avere qualche attinenza col poeta toscano.

Se giocassi MTT farei una strage” attacca il player cash fomentato dall’ultimo video di Doug Polk; “Se fossi davvero in grado di giocarli non ti consumeresti le dita al NL 50” risponde impettito il player MTT. Insomma, un’autentica gara di ‘celodurismo’ che sfocia inevitabilmente in una querelle senza fine, come accaduto recentemente nei commenti postati dagli utenti in merito a un nostro recente articolo.

Ma è davvero necessario stabilire chi è più bravo dell’altro paragonando due discipline profondamente diverse che in comune hanno solo la base del gioco? Lo abbiamo chiesto ai regular delle room ‘punto it’, nel tentativo di capire quali siano pregi e difetti di ciascuna categoria. Ecco cosa ci hanno risposto:

Andrea 'ANTIREGS87' Crobu

Il giocatore MTT sicuramente ha molto più mindset di un giocatore cash perché, ad esempio, perdere uno showdown 6 left al million dove vinci 7K uscendo sesto e 100K uscendo primo è qualcosa che sposta un’intera carriera, dato che sul ‘punto it” uno shot di quelle dimensioni è davvero raro. D’altro canto un giocatore cash ha più skill postflop, mentre un MTTer ha una migliore conoscenza preflop per quanto concerne i range, con la grande differenza però che se un player MTT va a giocare cash game vince al massimo una o due sessioni, ma non risulterà mai vincente nel long term a meno che non si trovi a giocare sempre contro fish. Al contrario invece, un cash gamer non avrà troppe difficoltà a fare soldi negli MTT, pur commettendo diversi errori anche in momenti cruciali specie in fase short stack. Magari non vincerà 100K all’anno ma può comunque vincere dei soldi.

Erion 'Erionis' Islamay

Beh la risposta è abbastanza semplice a mio parere: nel cash game è fondamentale avere una solida base teorica nel gioco postflop 100x. Altrimenti si viene divorati in poco tempo dagli errori sistematici che si commettono. Negli MTT questi errori non vengono puniti a sufficienza perchè la modalità torneo è molto meno sistematica. Saper giocare perfettamente 100x negli mtt non è richiesto, così come non è richiesto saper giocare perfettamente 10x nel cash game. Sono due giochi diversi che richiedono capacità/livelli di preparazione differenti.

Federico 'Cirillofe' Cirillo

Per come la vedo io credo che buona parte dell’edge il cash gamer ce l’abbia nei primi livelli, dove avere edge sposta molto poco. Ovviamente nelle situazioni deep stack avrà un vantaggio, ma in generale penso anche che se tutti se la menassero di meno e facessero il loro sarebbe meglio…Anche perché cercando di far vedere quanto siano più scarsi gli altri non si guadagnano soldi, e in questo gioco i soldi sono l’unica cosa che conta. Io cerco sempre di partire dal presupposto che se uno qualunque vince con costanza sicuramente non è un idiota. Magari può succedere che faccia delle cose che non concepisco, magari ogni tanto gli vedo fare robe completamente assurde, come posso farle io stesso agli occhi di altri. Tuttavia quello stesso giocatore farà altre cose che exploitano il field totalmente diverse da quelle che faccio io. E questo è un discorso che vale pure tra MTTer che giudicano i loro simili. Quindi in sostanza se un cashgamer è più bravo di me nel postflop a me frega molto poco, cioè cerco di capire cosa sbaglio…Poi, che gli MTTer non sappiano giocare deepstack rispetto ai cashgamer è un dato di fatto, ma che alcuni cashgamer che vincono (forse poco) lowstakes si mettano a dire che gente che vince soldi da anni sia super scarsa ecc. fa sicuramente sorridere. In sostanza se ti chiami Doug Polk puoi dire e fare ciò che ti pare, se sei pincopallino03 e giochi il NL5…puoi sempre farlo, ma tanto alla fine l’unica cosa che conta è vincere più soldi!

Alessandro 'Deneb' Pichierri

Nei tornei ci vuole altro. È un gioco di adattamento, di strategia, che può variare di mano in mano. È un gioco di sopravvivenza, dove l’intuito la fa da padrone…Puoi studiare quanto ti pare ma se non hai delle caratteristiche ben precise non ce la farai mai. Negli MTT ci sono infiniti modi di interpretare una mano e tu devi individuare quali sono i migliori in quel singolo spot, mentre nel cash game tutto questo non esiste…loro sanno che se in uno spot devono fare X fanno X, quindi direi che principalmente le caratteristiche di un MTTer sono intuito, istinto di sopravvivenza, talento, voglia di prevalere e arrivare. Quelle di un cash gamer, oltre ovviamente a sapere giocare meglio post flop con 100x, sono studiare tanto e riuscire a mettere in pratica quello che si è imparato. D’altronde non mi sembra che ci siano molti casi di cash gamers vincenti che sono venuti a vincere MTT…come non ci sono molti MTTers vincenti che riescono a fare bene nel cash game. Mi ricordo che quando giochicchiavo cash, contro alcuni player sentivo di non avere alcuna possibilità di vincere, poi quando mi son ritrovato gli stessi nei tornei sono stato io a prenderli a pallonate in ogni spot…Insomma, si tratta semplicemente due giochi diversi!

Karim 'Karimm92' Radani

Tralasciando il fatto che a me non importa cosa fa uno o cosa fa l’altro…Non capisco questo astio che molti cash gamers hanno per gli MTTer: credo che si dovrebbero fa 2 domande perché sono due giochi molto diversi. Effettivamente hanno ragione a sostenere che postflop in situazioni deep stack sono più bravi degli MTTer e ci mancherebbe…Il loro game si basa su quello, se fossero più scarsi degli MTTer con 100x dovrebbero farsi altre due domande! Poi sinceramente io non gioco solo per i soldi: gli MTT a livello emotivo, a livello di importanza ecc. danno molto di più del cash game. Comunque i cash gamers studiano il gioco ben più dei torneisti perché in fondo si tratta di teoria applicata al gioco, quindi uno non deve far altro che mettere in pratica i propri studi. Come già detto i reg cash game hanno una migliore cognizione generale del gioco postflop (anche preflop 100x) ma queste sono skill che servono in misura minore giocando un MTT, visto che gli stack sono spesso ridotti. Una skill importante di alcuni reg MTT credo sia riuscire a capire quando mettere maggior pressione agli avversari in certe fasi del torneo, deviando dallo standard.

Riguardo a chi dice cose tipo “se siete bravi a fare spicci al nl50 perché non giocate mtt e fate 100k all’anno” rispondo che sul ‘punto it’ l’anno scorso solo il top winner ha raggiunto quella cifra (vincendo il 90% in un solo evento) e questo la dice lunga sulla varianzta degli MTT. Meno di 15 player hanno fatto più di 50k di profit l’anno scorso e penso che l’atteso del reg medio MTT (sempre sul .it) si attesti tra i 25k-50k anno. Un reg del NL50 in base a skill/run può guadagnare dai 20k ai 40k circa, quindi è un expected simile a ciò che potrebbe vincere in un anno un reg medio MTT.

Inoltre credo di essere la prova vivente di quanto sposti la fortuna negli MTT, visto che l’anno scorso goodrunnando ho vinto quasi 60k in circa 400 games. Sicuramente preferisco il cash game, gioco che ritengo più meritocratico e a varianza più bassa. Negli MTT qualsiasi giocatore può arrivare fino in fondo se accompagnato dalla giusta run, nel cash game se non sei skillato rispetto al field è molto improbabile riuscire a fare un buon profit per un lungo periodo. Basti pensare alle waiting list che si creano sul .com quando ai tavoli high stakes sono seduti alcuni reg MTT (top player nella loro specialità) o quando anche qua sul .it certi reg MTT shippano e vengono a ‘regalare’ i soldi al cash game. In conclusione ritengo che ognuno sia libero di giocare cosa vuole senza doversi preoccupare dei giudizi altrui, bisogna rendere conto solo a se stessi ed è una cosa che molti player non hanno capito!

Eugenio 'Eugol' Sanchioni

Sono due giochi completamente diversi con dinamiche completamente diverse. In MTT per dire, se uno spot fa +0,5bb puoi anche non prendertelo se devi giocarti lo stack, a cash te lo prendi invece perché se perdi ricarichi e GG. Negli MTT invece, ogni volta che sbagli uno spot per tutto lo stack, sei out.

 

E voi cosa ne pensate a riguardo? Scriveteci le vostre opinioni sulla nostra Fanpage!

 

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari