Tuesday, Oct. 23, 2018

Poker Live

Scritto da:

|

il 25 Ott 2017

|

 

Carlo Savinelli quarto al Monster Stack WSOPE: “Bilancio positivo ma quello stallo a 11 left mi ha penalizzato!”

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

Carlo Savinelli quarto al Monster Stack WSOPE: “Bilancio positivo ma quello stallo a 11 left mi ha penalizzato!”

Area

Vuoi approfondire?

La bottiglia del Monster Stack WSOPE? Mezza piena, non mezza vuota.

Il bilancio di Carlo Savinelli del quarto posto che gli è valso 34.869€ è “molto positivo”, e pace se all’ inizio del Final Day era chipleader e alla fine il braccialetto davvero a un passo:

“Credo di aver giocato davvero bene – spiega il campano – nelle precedenti giornate di gioco sono stato fortunato, peccato aver finito la benzina (run) sul più bello! 😂

Carlo ritiene di aver affrontato il torneo in uno stato di forma smagliante:

“Ero molto confident perché mi sentivo in forma e tutto stava andando come doveva andare. Non ho mai seriamente pensato di mettermi in tasca il braccialetto, ma mi sentivo molto in forma”

A precisa domanda, se non creda di essere stato un po’ penalizzato dalla giocabilità del torneo nelle fasi conclusive – bassa almeno per quanto concerne un evento Monster Stack, Savinelli risponde affermativo. E ne spiega così le ragioni:

“Gli avversari ovefoldavono alle 3bet e gli stack problems continuavano ad aprire mani che non avrebbero dovuto aprire se non volevano farsi exploitare, visto che non avevano range di 4bet shove in bluff”.

Ma per Carlo la bassa giocabilità del Tavolo Finale, più che dalla struttura del torneo in se, è dipesa da una lunghissima fase di stallo dei giochi:

“Credo che più che la struttura il problema sia stato la fase 10/11 left, che è durata tantissimo!”

Ciononostante Carlo crede di aver giocato gli spot migliori della sua giornata proprio in bolla Final Table:

“Non ci sono state mani particolarmente eclatanti anche perché non avevo mai niente 😂 . Però ho giocato tanti spot belli in bolla FT, specie in blind war riuscendo sempre a massimizzare la foldequity”

Sulla compresenza di Walter Treccarichi al Tavolo Finale, Savinelli lo vede come un ulteriore segnale della crescita del poker italiano:

“Fa sempre piacere quando qualche italiano va avanti in un torneo. Ho giocato spesso con Walter , ha fatto quello che ha potuto visto il suo stack , è sempre stato short ma credo abbia fatto il massimo che poteva fare. Il poker italiano sta crescendo tanto e sono convinto che diventerà sempre più protagonista è meno spettatore agli eventi che contano”.

Proprio come Walter, anche Carlo per il prosieguo delle WSOP Europe ha intenzione di giocare tutti gli eventi, con il beneficio del dubbio dovuto alla location:

“Dipende molto da quanto tempo riesco a resistere qui , visto che non si fa altro che dormire , giocare e mangiare. Però in teoria vorrei ritornare una settimana a casa magari per fare IPO per poi risalire a Rozvadov. Però fin quando starò qui credo di giocare tutti gli eventi”.

Del resto la trasferta del giocatore di Maddaloni ha preso la piega giusta non solo coi tornei ma anche ai tavoli cash:

“A cash sta andando molto bene, di solito sto giocando una 10/25 o 10/25/50 a seconda dei giocatori presenti. Anche se ho shottato, quando non era un VIP private table ,la 50/100 o la 100/100/ con metà tavolo che metteva 200 fisso. Mi ero prefissato di non giocarle in teoria ma qui davvero c’è tanta azione con dei business man che fanno partire sempre tavoli altissimi”.

L’action cash a Rozvadov è completamente diversa da quella trovata a Carlo nella precedente trasferta a Barcellona:

“A differenza di Barcellona qui l’azione è molto violenta pre-flop quindi l’amatore medio è in grado di metterti tanta pressione. Ovviamente ci sono dei pro e contro però per il momento sta andando bene quindi credo di rigiocarle. Era mie intenzione giocare di più omaha perchè ha partite più belle ed ormai prende il mio 70% di studio post game ma avrò tempo per recuperare perché la trasferta in teoria è lunga , anche se dipende da quanto riesco a stare qui 😉”

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari