Sunday, Aug. 19, 2018

Poker Live

Scritto da:

|

il 15 Mag 2018

|

 

Bendinelli sullo spot che ha compromesso il suo EPT Montecarlo: “Lo shot clock non ha aiutato…”

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

Bendinelli sullo spot che ha compromesso il suo EPT Montecarlo: “Lo shot clock non ha aiutato…”

Area

Vuoi approfondire?

Step back. Nel recente EPT di Montecarlo vinto, un po’ a sorpresa, dal francese Nicolas Dumont, il miglior alfiere azzurro è stato Davor Lanini, 14° per 35.500€.

Oltre alla superlativa performance dell’emiliano, sugli scudi anche Federico Petruzzelli (18° e on fire per l’intera trasferta), Francesco Grieco (30°) e il buon Giuliano Bendinelli, 56° per 11.900€.

Il cammino del ‘Giulianone nazionale’ si è sostanzialmente interrotto al TV table, quando il genovese ha foldato la mano migliore sulla triple barrell del canadese Mark Demirdjan.

Ripercorriamo l’action e proviamo a capire quali ragioni hanno indotto Bendinelli a mettere sotto: blinds 3.000/6.000, con big blind ante 6.000. 57 left.

Demirdjan (stack 1.093.000) apre da early position a 13.000. Call per Maxim Panyak (345.000) da cutoff, chiama anche Giuliano da big blind con A7 e uno stack da 177.000 chips.

Il flop recita: 310A.

Check Bendinelli, c-bet 19.000 per Demirdjan, fold Panyak, call Bendinelli.

Sul 6 turn, l’action si ripete: Giuliano check/calla la bet 48.000 del suo avversario.

A questo punto il pot è di 182.000 chips e Giuliano gioca per 105.000.

8 river.

Check Bendinelli, all-in Demirdjan. Giuli va in the tank, utilizza i suoi ultimi due extra time bank e passa all’ultimo secondo disponibile:

“Non avevo particolari info sul mio avversario. Aveva bluffato due volte contro Peters, una volta in tribettato, una volta in raisato suo, ma tenendo in entrambi i casi una linea bet, check, bet. Pur non avendo la faccia da top reg, sembrava dunque abbastanza sensato. Preflop, flop e turn, non credo di avere troppe scelte: penso che il check/call sia l’unica cosa io possa fare. Ovviamente, check/callando turn e restando con una mezza psb river, sono convinto di riuscire a scoraggiare tanti bluff visto che quando chiamo turn sto chiamando quasi sempre anche al river. Quando shova ha sicuramente diverse combo di bluff, tutte le broadway suited a cuori e fiori (6), ma purtroppo per me ha anche tanto valore: tutti i set, A-T, A-6, A-8, A-K e probabilmente A-Q. A occhio e croce sono circa una trentina, indi per cui ho preferito passare la mia mano. Mai mi sarei aspettato una combo random come 5-5, considerando anche che il colpo si è sviluppato 3-way.”

Giuliano spente l’Extra 30-seconds TimeBank

Non solo il bet, bet, shove avversario, Bendinelli si è ritrovato di fronte un ostacolo extra in una situazione così delicata:

“Lo shot clock non mi ha sicuramente aiutato. Quando rifletto sugli spot mi isolo dal mondo esterno e analizzo tutte le combo ipotetiche del mio avversario. 90 secondi per una decisione così complessa sembrano tanti, ma sono davvero pochi. Ho cercato di focalizzarmi sullo spot dal punto di vista tecnico/matematico e non ho avuto il tempo materiale per scrutare eventuali tell, che probabilmente, ha pure concesso. Probabilmente, in un torneo normale, avrei tankato almeno 6-7 minuti; non dico che avrei fatto al 100% questo call, ma sicuramente avrei avuto più elementi a disposizione per valutare quale fosse la cosa migliore da fare. Dal punto di vista meramente strategico resto comunque convinto che sia assolutamente ok foldare questa combo poiché rientra nel bottom range con cui arrivo al river. Per come costruisco il range ho molte mani migliori con cui callare.”

Persa l’occasione per tornare a 70bb, Giuliano abbandonerà la truppa pochi minuti dopo perdendo A-Q contro A-K. Rimasto con appena 5bb, Bendi shova con A-6, trova J-J e Good Game… 🙂

La CLIP VIDEO!

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari