Sunday, Aug. 19, 2018

Poker Live

Scritto da:

|

il 10 Ago 2018

|

 

Shehadeh prepara i botti per un fine anno stellare: “Live gioco al 100%, non swapperei neanche con Musta…”

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

Shehadeh prepara i botti per un fine anno stellare: “Live gioco al 100%, non swapperei neanche con Musta…”

Area

Vuoi approfondire?

Giovane, talentuoso e vincente: con questi presupposti sognare in grande non è affatto un tabù e Andrea Shehadeh lo ha capito da un pezzo.

Dopo un 2017 da favola e un 2018 ancora in sordina, il grinder lombardo si prepara ad affrontare una schedule live piuttosto impegnativa, a caccia di un altro bel trofeo da mettere in bacheca dopo l’IPO, il Main di 888 e il Barracudas:

A partire dal prossimo EPT di Barcellona comincerà un mini tour de force – ci ha raccontato Andrea nel pomeriggio – Dal PartyPoker Million a Nottingham alle WSOPE a Rozvadov le trasferte sono una appresso all’altra e ora che sono abbastanza rollato potrò affrontarle con molta più serenità rispetto al passato.

Prima di Barcellona però, tappa in Sardegna per qualche giorno di relax con gli amici, poi si fa sul serio: “Il Main sarebbe un sogno, specie coi numeri che fa registrare questa tappa, ma anche l’Estrellas da 1.100€ non è affatto male.

Un po’ in controtendenza con le mode del momento, Andrea confessa di non essere un amante dello ‘swap’:

Molti miei colleghi sono convinti che scambiarsi delle quote sia essenziale per mantenere un ROI positivo live. In un certo senso potrei anche essere d’accordo ma ciò che fa la differenza nel live è giocare o meno al massimo delle proprie potenzialità. In questo momento mi sento confindent e sono rollato, prima di cominciare non scambierei quote con nessuno, poi magari arrivo al Day4 assieme a qualche amico se ne può parlare…

E se te lo chiedesse Musta rifiuteresti lo stesso? 

Mah, magari un 2.5/5 % potremmo scambiarlo anche se onestamente non so a chi converrebbe di più…🙂Mi spiego: lui è indubbiamente il migliore in circolazione e sicuramente è anche più preparato di me, ma essendo abituato a giocare tornei ben più grossi non avrebbe la mia stessa ‘fame’, che di tornei da 5mila ne giocherò 10/15 l’anno. Insomma, non è soltanto una questione di skill ma di motivazione a raggiungere certi obiettivi e penso che Musta abbia poco da dimostrare a sé stesso.”

Scambiarsi delle percentuali ha anche dei lati positivi, come ammette lui stesso:

Il fatto di avere gli amici attorno che fanno il tifo per te, la possibilità di confrontarsi subito con qualcuno dopo aver ricevuto una bad beat o aver fatto un errore: queste sono cose essenziali tanto quanto cercare di limitare le spese di trasferta, perché ti aiutano a fare sempre il massimo.”

Se dovessi indicare un giocatore live su cui puntare forte per il futuro chi ti viene in mente?

Di giovani italiani che stanno facendo bene, e faranno ancora meglio in futuro, ce ne sono tanti. Siamo un bel gruppo, quasi tutti amici e nominarne uno equivarrebbe a far torto a qualcun’altro. Ma dato che mi costringete a tirarne fuori uno direi ‘Scellone’Domenic Gala ndr., qui la sua reg identikit, è molto preparato e se la cava benissimo sia live che online. Lo vedi sempre chiudere i Day1 con un milione di chip, al tavolo sà il fatto suo e non mi stupirei se fosse lui il prossimo a centrare un bel risultato in un torneo importante.

 

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari