Saturday, Oct. 21, 2017

Storie

Scritto da:

|

il 23 Gen 2012

|

con Like

Giulio “Gi01” Astarita, in bilico tra poker player e poker manager!

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Giulio “Gi01” Astarita, in bilico tra poker player e poker manager!

Area

Vuoi approfondire?

Argomenti correlati

E’ stata davvero un’ottima serata per Giulio “Gi01” Astarita, Poker Manager di PokerStars.it, che ha deciso di cimentarsi con i tornei domenicali, portando a casa una vittoria da più di 20.000 € nel Super Sunday di People’s Poker! Ma come fa uno come lui, sommerso ogni giorno da un impegnativo lavoro nel mondo del poker, a trovare il tempo, la voglia e il mindset per giocare? Per scoprirlo, lo abbiamo intervistato!

Ciao Giulio, innanzitutto vogliamo sapere di più sulla tua carriera da giocatore di poker, prima che iniziassi a fare il Manager per GD prima e PokerStars poi.

Prima, ma anche dopo essere diventato manager, giocavo Sit and Go. Prima ancora, ai tempi in cui non c’erano le room italiane, giocavo Sit e MTT su PokerStars.com e Full Tilt. Nell’ultimo anno in cui ho giocato MTT seriamente, il 2008, ero arrivato nella top 0,5 % su Official Poker Rankings.

E nell’ultimo periodo? Riesci ancora a trovare il tempo di giocare?

Allora, il tempo di giocare dipende sostanzialmente dalla quantità di lavoro da fare. Se sono ucciso a fine giornata mettermi ad un tavolo Cash Game (errore, per la cronaca, che ho fatto e ri-fatto) è il metodo migliore per regalare soldi ai miei avversari. Inoltre la stanchezza, e questo prescinde dall’essere poker manager, pro o studente o che, è uno dei maggiori “trigger” del tilt. Insomma trasformavo sessioni potenzialmente +EV facendole diventare break-even e poi disastrose. Idem per Sit and Go e MTT: se non mantengo la concentrazione, sono carne morta, come chiunque.

In genere, col lavoro che faccio, sempre pieno di tornei e poker da tutte le parti, se gioco “troppo” entro in saturazione e gioco malissimo. Quindi posso giocare con relativa continuità, ma è bene staccare al minimo accenno di B game. Infatti, dopo un periodo estivo nel quale avevo giocato un po’, aiutato dall’avere meno lavoro post cash, non ho giocato per tre mesi!

Ieri sera hai giocato soltanto il torneo su People’s o hai fatto una sessione “completa” di tornei domenicali?

Ho fatto i domenicali da 100 € e nient’altro, 4-tablavo. Prima che tu me lo chieda: al Deep Sunday Master ero messo bene poi ho giocato uno spot malissimo 3-way dove, grazie alla presenza di un fish che overvaluava le mani e chiamava committed, ho dovuto mettere da peggio e non è andata benissimo. All’Eldorado ho foldato 5 ore per poi farmi scoppiare un 70-30 e un flip (pre obv). Al Gran Domenica avevo giocato un bellissimo torneo… poi AKs<AQo, un flip e a 15 dai premi KK<AA (e facciamo colore entrambi).

Come ti fa sentire stare “dall’altra parte del monitor”, ovvero dalla parte dei giocatori? Come valuti i tornei e il software delle altre piattaforme?

Mi fa arrabbiare la situazione degli MTT. Il software è a parte, si sa da dove vengo, quello di PokerStars è sempre stato il migliore al mondo e non l’ho mai messo lontanamente in discussione. Però migliorare la struttura di alcuni tornei sarebbe banalissimo! Non darò assolutamente suggerimenti alla concorrenza quindi purtroppo mi fermo qui, se non per dire che fare i satelliti non è un reato (non per me: per la gente che vuole giocare)!

Il tuo non giocare su PokerStars ti viene imposto dalla legge, dalla direzione, o è una scelta tua?

Me lo vietano sia la legge italiana che la policy interna, e mio malgrado mi trovo d’accordo. Io sono una persona onesta e non ho mai fatto nulla che possa essere a mio vantaggio, ma è chiaro che lavorando in azienda potrebbero esserci problemi di trasparenza. Pensa, per esempio, ad una persona poco onesta che vede quanto ha un giocatore “fish” sul conto e lo satta ininterrottamente.

Di certo non si vedono le carte altrui, questa leggenda metropolitana sfatiamola subito! Centinaia di persone hanno visto il mio client PokerStars ed è identico a quello di tutti gli altri.. tante volte “railbirdando” qualche tavolo finale importante avrei voluto vedere le carte dei giocatori!

Per concludere, ti tocca rispondere alla “solita” domanda: che sorprese ci riserverà PokerStars nel 2012?

Il 2012 è già iniziato alla grande con il Mobile Poker, e non è un segreto che sta arrivando un poker molto… veloce: posso dire che è già in test, e non da poco tempo. Ci saranno molte promo dedicate al Cash Game, alcune totalmente nuove per il mercato, e un po’ di sorprese su cui non posso sbilanciarmi!

 

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari