Storie

Scritto da:

|

il 13 set 2011

|

con 38 Like

“Non Raccontarmi la Tua Mano!” – Campagna di IPC anti Whinatori!

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

“Non Raccontarmi la Tua Mano!” – Campagna di IPC anti Whinatori!

Area

ItaliaPokerClub promuove la prima campagna per la salvaguardia dei giocatori assediati della specie dei “Whinatori Folli”, quella specie di pokeristi che costantemente raccontano ovunque le loro mani ai tavoli da gioco. Aderite numerosi condividendo su FB e sui vostri social network questa iniziativa.

Per farlo dobbiamo impedire la diffusione di questa loro mania folle di raccontare a raffica tutte le bad beat subite, e dirgli immediatamente “NON RACCONTARMI LA TUA MANO!”.Insieme possiamo farcela!!! :)

Come direbbe il Piero Angela di una volta, nel continente dei pokeristi, esiste una specie estremamente comune quella dei “senti qua…”: I rappresentanti di questa specie sono diffusi praticamente ovunque, affollano i luoghi dove si svolgono tornei, ma anche ambienti virtuali e telematici. Hanno un linguaggio comune, con locuzioni che spesso si scambiano tra di loro quali “non ci puoi credere“, “se te la racconto non ci credi“, “ma lo sai che ha fatto quello?“, e tante altre che li identificano, condite spesso da imprecazioni infamanti.

Tra di loro si riconoscono poi alcune sottospecie che hanno approcci differenti con i loro interlocutori. Un gruppo di loro, attua una strategia molto sofisticata, cominciando con la negazione assoluta. “No, meglio che non ti dico niente va…“, “lascia perdere dai, non parliamone neanche“. Ma poi subdolamente e con studiata lentezza, piano piano riportano ogni argomento qualunque ad una scusa per partire a fiume con la loro mano appena scoppiata. “Scusa sai che ore sono?” “Sono quasi le sette. Ecco, il flop era proprio Sette Kappa e Jack e non puoi credere a cosa a fatto quello!“. Poi ripartono con il loro canto principale, il famoso Rituale di “sCoppiamento”.

Un altro gruppo, decisamente più sociale, corre direttamente dagli amici più fidati prima e racconta a raffica ogni piccolo dettaglio l’ha portato a perdere quella mano, cominciando dall’inizio dei tempi, fin da quando la mattina si sono alzati dalla parte errata del letto, o quando dieci ore prima si erano abbottonati la camicia saltando un asola.

Finiti gli amici rimasti, sono particolarmente difficili da gestire anche per gli sconosciuti che incrociano, specie se in ambienti chiusi o in luoghi dove non ci sono vie immediate di fuga, come i Bar non appena avete ordinato cappuccio e pasta, i ristoranti in cui appaiono come fantasmi non appena il cameriere vi ha consegnato la pizza calda (che mangerete di malavoglia solo dopo le due ore di racconto, ormai ghiacciata).

L’ultimo gruppo di questa specie è forse il peggiore. Sono i Whiner Negazionisti. Quelli che quando non sono in compagnia della loro specie la disprezzano e ne prendono assolutamente le distanze. “Ma come fanno a parlare solo di poker tutto il tempo!“, oppure “possibile che non si rendano conto che quelle cose capitano a tutti!“.

A prima vista si confondono bene nel mondo reale, ma non appena seduti ai tavoli da gioco, subiscono una bad beat (vera o presunta), la loro mente si ferma, fino alla successiva vittoria WSOP (mai), a narrare a ripetizione infinita quella o quell’altra mano. Non c’è verso di distrarli dalla convinzione assoluta di essere stati vittima di un raggiro mondiale, di aver subito la peggiore delle ingiustizie. Ovviamente non sono soggetti ad altri whinatori, visto che sono i soli ad avere la convinzione di essere stati scoppiati.

Nonostante la diffusione di questa specie, l’unico modo per salvarne la continuazione è negargli definitivamente la possibilità di raccontare le loro mani di poker, in modo da riuscire pian piano a stabilizzarne l’esistenza.

Aderite alla nostra campagna “NON RACCONTARMI LA TUA MANO!”

Condividi questo messagio su tutti i social Network, salviamo la specie e solleviamo il mondo dai Whinatori Folli ! :)

Ogni volta che un tuo contatto Whina su Facebook, mostra sotto la sua badbeat: “NON RACCONTARMI LA TUA MANO!”

Persino uno dei più noti esponenti di questa specie, il maschio alpha “Visdiabuli” Martinez è riuscito a convertirsi proprio ultimamente dimostrando che la salvezza è possibile. Ricordiamo le sue parole apparse su FaceBook, che hanno dato nuova speranza a tutta la specie :

“Massimiliano Martinez Non pubblicherò + nulla quello che riguarda bad beat/bad run/sculate/shippaments o altro sulla mia bacheca. Devo diventare totalmente distaccato dall’andamento del gioco e giocare solamente. Nel bene e nel male. E se poi vado broke c’è sempre un semaforo all’angolo lol. (si escludono solo brag o resoconto x i live event e come brag Ftops/Master/Special/Icoop).”.

Noi siamo con te Visdiabuli, ora convinciamo anche tutti gli altri. “NON RACCONTARMI LA TUA MANO!”, una campagna di ItaliaPokerClub.com per la salvezza della specie.

Condividi anche tu su FB!

Diventa nostro fan su Facebook, e ricevi i nostri aggiornamenti!

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari