Tuesday, Jul. 25, 2017

Strategia

Scritto da:

|

il 15 Set 2016

|

con Like

Hand Of The Day by Alec Torelli – Come giocare punti forti nei primi livelli di un MTT

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Hand Of The Day by Alec Torelli – Come giocare punti forti nei primi livelli di un MTT

Area

Vuoi approfondire?

Tornano le Hand Of The Day di Alec Torelli!

Il grande campione di origini italiane questa volta sceglie di prendere in esame uno spot giocato in MTT.

Anche questa volta gli argomenti trattati sono i più disparati: analisi dei range degli avversari, betting size e la strategia per giocare mani forti nei primi livelli di un torneo.

Andiamo subito a vedere la situazione:

Blinds 75/150, Hero (16.000) è di CO con QQ e rilancia 350, Small Blind (12.900), giocatore solido che non ha mai 3-bettato prima, rilancia a 1.050 e Hero call.

“Questo è un chiaro call, molti potrebbero parlare di 4-bet ma perderemmo tutto il nostro vantaggio posizionale restituendo la parola al nostro avversario, e ci troveremmo in difficoltà se andasse in all in. Dovremmo chiamare o è il tipo di player che lo fa solo con A-A, K-K? Senza queste info preferisco chiamare, quando metto tutti i miei soldi nel piatto devo sapere che oppo può bluffare o avere punti peggiori. Nei tornei abbiamo una vita sola, non sprechiamola.” 

Flop: KQ7 [Pot 2.250] – SB bet 1.050, Hero call.

“Flop buono per noi, flop pericoloso per noi. Molta gente, quando l’avversario punta, rilancia per prendere una linea aggressiva, diciamo proteggere i loro set, ma che mani peggiori della nostra chiameranno? Ricordiamo che oppo è molto chiuso, avrà un range molto stretto di mani. Quindi le uniche mani che chiamerà saranno AKx, AAx, colori o set. Non ci sono mani che dominiamo assolutamente e può anche darsi che l’avversario non metterà tutti i suoi soldi con AKx. Direi che è meglio chiamare e vedere come si sviluppa il colpo.”

Turn 5 [Pot 4.450] – SB check, Hero punta 1.600, SB raise 4.000, Hero call

“La size di Hero è buona perché non è uno spot dove il nostro avversario vorrà mettere molti soldi nel piatto, e così ci chiameranno anche mani peggiori, flush draw, coppie di Assi o Kappa. Quando checka credo che abbia air o mani con showdown value che non vogliono ingrandire il piatto, appunto come A-A, A-K, o K-J se mai la 3-betta preflop. Quando SB rilancia mi coglie un po’ di sorpresa, ma dopo averci ragionato sopra a lungo credo di foldare. So che suona assurdo, ma dovete chiedervi se oppo è capace di bluffare. Qui non rilancerà mai per valore con mani come Assi o Kappa, quindi il suo range di value ci distrugge (K-K o colore). Se sapesse bluffare allora ci dovremmo pensare, ma a dire la verità non è uno spot molto buono per un bluff. Credo che se avesse voluto bluffare avrebbe puntato al turn, è anche l’aggressore nel colpo, perché checkare?”

River: 6 [Pot 12.450] – SB checka, Hero check behind e perde contro i KK dell’avversario. 

“Ora l’avversario checka, e credo che con il nuts punterebbe sempre. Perché dovrebbe sperare che noi bluffiamo e rischiare di non vincere una bet al river? Quindi credo che abbia mani con showdown value non nuts. In ogni caso è uno spot dove credo che Hero rappresenta un punto molto forte, possiamo checkare dietro e vincere contro -non so- K-Q, 7-7, ma non ci sono tante mani che effettivamente battiamo in questo spot, quindi anche se fosse capace di bluffare, magari potrebbe girare un J-T con un cuori e noi piangeremmo allo showdown, ma sono abbastanza sicuro che se andassimo all in folderebbe sempre. Se checkassimo vinceremmo qualche volta, con un push credo quasi sempre, quindi io as played andrei in all in per rappresentare il nuts. Alla fine Hero checka back e oppo mostra K-K per un overset.”

Articoli correlati

Diventa nostro fan su Facebook, e ricevi i nostri aggiornamenti!

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari