Wednesday, Nov. 22, 2017

Storie

Scritto da:

|

il 20 Ott 2017

|

 

Scopriamo il Match Poker, lo skill game puro che sogna di diventare sport olimpico!

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

Scopriamo il Match Poker, lo skill game puro che sogna di diventare sport olimpico!

Area

Vuoi approfondire?

Il poker può davvero diventare in futuro uno sport olimpico?

La domanda ogni tanto torna d’attualità anche se il discorso sembra sempre un po’ utopico. Se ci pensate, è già difficile definire il nostro amato gioco uno sport a tutti gli effetti…

Per adesso dobbiamo accontentarci quindi delle Mind Sports Olympiad inglesi, che non equivalgono certo al vero appuntamento olimpico. Eppure qualcosa si muove.

Nelle ultime settimane infatti si è di nuovo parlato del poker in ottica olimpica. Attenzione però, nello specifico la disciplina che ha qualche speranza di raggiungere il prestigioso traguardo è il Match Poker!

Non ne avete mai sentito parlare? Si tratta di un particolare format pokeristico che mira a cancellare la componente aleatoria dal gioco, rendendolo al 100% uno skill game.

Come funziona? Ve lo spieghiamo subito. Prima di tutto vi avvisiamo che servono delle squadre per giocare a Match Poker e possibilmente anche un capitano o un coach.

I membri dei team vengono poi distribuiti su vari tavoli. In ogni tavolo ci sarà un solo rappresentate seduto per ogni team, ma questo rappresentante non avrà mai lo stesso seat dei suoi compagni. Guardate l’esempio in grafica:

 

 

A questo punto cosa succede? Si gioca su ogni tavolo lo stesso numero pre-determinato di mani con un dettaglio importante: ad ogni tavolo vengono distribuite le stesse carte degli altri tavoli!

Nel senso che tutti i giocatori al posto 1, per esempio, riceveranno la stessa starting hand. Ciò avviene grazie all’utilizzo di dispositivi mobile come tablet e smartphone, sui quali i giocatori vedono le loro carte. Anche i dealer sono dotati di un dispositivo apposito per inserire le azioni effettuate.

 

 

L’ammontare delle chips vinte e perse dai team viene calcolato dopo ogni mano e vengono assegnati dei punti alle squadre. Alla fine delle mani gli stack vengono resettati e rimessi in pari fra tutti i giocatori!

Le chips sono reali e il gioco segue in pratica le stesse regole del Texas Hold’em con una eccezione: il preflop si gioca con Pot Limit.

Alla fine della partita il team che avrà vinto più chips verrà decretato vincitore! Date un’occhiata a questo video se siete confusi o incuriositi:

 

 

Come ha fatto il Match Poker a diventare un ‘papabile’ sport olimpico? Esiste da anni ma l’inizio del suo percorso a cinque cerchi possiamo farlo risalire al 2016, quando lo svizzero Patrick Baumann è diventato presidente di SportAccord, organizzazione no-profit che raggruppa tutte le federazioni sportive, olimpiche e non olimpiche.

Baumann nel 2017 ha annunciato l’ingresso di sette nuove federazioni nello status di ‘GAISF observer’, ovvero ‘osservatori’.

Tra di esse c’è appunto anche la federazione internazionale del (Match) Poker insieme ad altre discipline particolari come il braccio di ferro, il dodgeball, il footgolf, la pole dance e il ‘biliardino’. Ecco l’elenco completo:

 

1) World Armwrestling Federation (WAF)
2) World Dodgeball Association (WDA)
3) Federation for International Footgolf (FIFG)
4) International Union of Kettlebell Lifting (IUKL)
5) International Federation of Match Poker (IFMP)
6) International Pole Sports Federation (IPSF)
7) International Table Soccer Federation (ITSF)

 

Sentiamo allora cosa promette Baumann: “Questo è un momento emozionante, faremo di tutto nell’ambito del nostro mandato per aiutare le federazioni a realizzare il loro pieno potenziale come Federazioni Internazionali all’interno della famiglia di sport globale. Un giorno, forse, diventeranno parte del programma olimpico“.

Il presidente Baumann ha aggiunto: “I nuovi sport che debutteranno a Tokyo 2020 sono la prova che il percorso è giusto“. Saranno quattro i debutti assoluti alle prossime Olimpiadi giapponesi: surf, alpinismo sportivo, karate e skateboard. Torneranno inoltre baseball e softball, apparsi l’ultima volta a Pechino 2008.

Patrick Nally, presidente della International Federation of Match Poker, ha dichiarato: “Vogliamo ringraziare il Presidente GAISF, Patrick Baumann, e la Membership Commission di GAISF presieduta da Antonio Espinos insieme ai Vice Presidenti del Dott. Raffaele Chiulli e Stephan Fox, la cui visione ha reso tutto possibile.

Il riconoscimento da parte della famiglia sportiva internazionale con la concessione di GAISF Observer Status è un punto di svolta per il nostro sport. Legittima Match Poker ovunque ci sia un Comitato Olimpico Nazionale, consente di istituire nuove Federazioni Internazionali, leghe e competizioni in tutto il mondo. Questo è l’inizio di qualcosa di grande e veramente emozionante.

Possiamo andare avanti con fiducia nel costruire la nostra base di giocatori e introdurre milioni di persone in tutto il mondo all’emozione della competizione, ai benefici sociali e educativi, al divertimento dello sport“.

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari