Wednesday, Nov. 22, 2017

Poker Live

Scritto da:

|

il 13 Nov 2017

|

 

“Basta tanking!” Negreanu, Perkins e Sontheimer fanno blocco per lo shot-clock nei tornei High-Roller

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

“Basta tanking!” Negreanu, Perkins e Sontheimer fanno blocco per lo shot-clock nei tornei High-Roller

Area

Vuoi approfondire?

Il poker riesce a dimostrare sempre il suo bisogno di progredire, evolversi. A volte in maniera immediata e palese, altre volte con processi molto più lunghi, che spesso si accompagnano a dibattiti accesi fra i poker players.

In questo caso il nodo del contendere prevede due estremi: da una parte chi dice di voler salvaguardare lo spettacolo e la giocabilità, dall’altra chi intende proteggere la “sacralità” del gioco nella sua versione live.

Ovvero: introdurre in maniera omogenea lo shotclock in tutti i tornei oppure continuare con la linea tollerante nei confronti di chi vuole prendere il suo tempo prima di annunciare l’azione?

Da quanto si legge, tra i top players la prima alternativa sembra essere la prediletta: i lunghi tank non piacciono alla maggior parte dei giocatori, molto probabilmente anche agli stessi organizzatori che devono vendere il prodotto “poker”, e in più l’idea di velocizzare il gioco amplificherebbe l’effetto divertimento.

Come al solito, personaggi influenti e top reg del mondo del poker non hanno perso l’occasione per dire la propria via social.

Il primo è stato il campione del Poker Master Steffen Sontheimer, che con un ‘cinguettio’ ha mostrato tutta la sua frustrazione per le eccessive attese ai tavoli verdi live:

“Shotclocks… ne abbiamo bisogno in ogni torneo high roller. Tutto questo tanking sta ammazzando il gioco.”

Altro nemico affermato del tanking è il pro di PokerStars Daniel Negreanu, che ha scritto sul suo blog il seguente pensiero:

“Non trovo più divertimento nel giocare tornei No-Limit Hold’em senza shotclock; in ogni evento di questo tipo prenderò il vantaggio dell’orologio contro i tankers abituali.”

Celere la risposta di KidPoker a sostegno dell’amico Steffen.

Si inserisce nel dibattito anche Bill Perkins, habitué delle partite high stakes, lanciando l’hashtag #MakePokerFunAgain:

“Mi impegno a non giocare tornei high roller senza shotclock; una pacifica protesta che spero tutti possano condividere.”

Poiché sia WPT che PokerStars hanno già introdotto gli shotclocks per i tornei con buy-in più alti (anche se non nella loro totalità), la pressione cadrà ora sulle WSOP.

Le regole consentono ai giocatori di chiamare l’orologio su altri concorrenti molto più velocemente, e i supervisori del torneo hanno lo stesso diritto sostituendosi a qualsiasi giocatore deliberatamente bloccato.

Tuttavia, questa regola non sembra aver limitato l’eccessivo tanking nei tornei high roller: secondo voi questa presa di posizione diretta di Negreanu & co. porterà a qualche cambiamento?

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari