Friday, Apr. 20, 2018

Storie

Scritto da:

|

il 14 Dic 2017

|

 

De Toffoli porta il poker a scuola: “Non è un gioco d’azzardo e vi dimostro il perché”

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

De Toffoli porta il poker a scuola: “Non è un gioco d’azzardo e vi dimostro il perché”

Area

Vuoi approfondire?

Una lezione di poker a scuola? Si può fare!

Ci ha pensato Dario De Toffoli stamattina a istruire alcuni studenti friulani sulla differenza tra il Texas Hold’em e i giochi d’azzardo.

Il veneziano De Toffoli, autore di importanti libri sul poker e regular delle ISOP di Nova Gorica, è costantemente impegnato nella divulgazione del gioco intelligente e riesce sempre a trovare spazio per il suo amato poker.

Non si è tirato indietro nemmeno durante la conferenza intitolata ‘Il lato oscuro del gioco: come non cadere nelle trappole dell’azzardo‘.

L’incontro si è tenuto in data 14 dicembre all’istituto tecnico Malignani di Udine, città dove De Toffoli ha dato vita da qualche mese all’Archivio Italiano dei Giochi, progetto ambizioso e unico nel suo genere a livello nazionale.

Davanti agli studenti delle superiori, De Toffoli ha inzialmente raccontato l’origine dei più popolari giochi d’azzardo, come i dadi, la lotteria e le slot.

Tra le altre cose ha spiegato: “Un tempo forse c’era più consapevolezza sulla componente aleatoria dei vari giochi. Si sapeva distinguere tra giochi di pura abilità (come gli scacchi), giochi di pura fortuna (come i dadi) e giochi ibridi“.

De Toffoli giustamente si è poi concentrato sull’aspetto matematico di questi giochi e ha chiarito il concetto di rendimento facendo degli esempi:

La classica roulette da casinò è un gioco quasi ‘onesto’ nell’offerta generale. Trattiene mediamente il 3% delle giocate e restituisce il 97% al cliente. Dopo un tot di giocate però si perde tutto come negli altri giochi, solo che ciò avviene un po’ più lentamente.

Il black jack è un caso molto particolare, perché trattiene solo lo 0,5% e può diventare addirittura un gioco vantaggioso se si contano le carte come nel film 21. La pratica però non è ben vista dai casinò“.

De Toffoli ha anche proposto agli studenti il famoso problema di Monty Hall, ripreso dal programma americano Let’s Make a Deal.

Si è parlato poi della piaga delle slot: “Non so neanche se si possano definire dei veri e propri giochi. A me annoiano terribilmente. Una volta almeno si tirava la leva, oggi si preme solo un bottone e non si fa niente altro.

Le slot restituiscono il 70% dei soldi ai loro giocatori. Un dato che le rende clamorosamente svantaggiose, se paragonate per esempio ai classici giochi da casinò.

Eppure tanti spendono i loro stipendi e le loro pensioni nelle macchinette dei bar, rapiti da quei suoni e da quelle luci. Si isolano dal resto del mondo, si lasciano trasportare dal ‘flow’ studiato a dovere da team di psicologi“.

Alla fine si è parlato finalmente di poker, che l’esperto De Toffoli difende a spada tratta: “Spesso è inserito erroneamente tra i giochi d’azzardo perché anche nel poker si scommettono i soldi. Nel poker però c’è una componente matematica (insieme a quella psicologica) che lo rende uno skill game“.

Agli studenti De Toffoli ha spiegato i punti e le regole di base del Texas Hold’em, per poi passare a qualche quiz molto stimolante.

 

 

De Toffoli ha sottoposto al pubblico udinese dei test che forse avrebbero messo in difficoltà anche grinder esperti. Qua sotto potete leggere un esempio.

Il board è 3AA A. Alex ha in mano 54, Bea ha 106 e Carlo è avanti con K8. Voi quale mano vorreste avere, considerando che deve ancora scendere il river?

De Toffoli ha spiegato che bisogna contare quante carte sono favorevoli a ciascun giocatore tra le 42 rimaste nel mazzo. Gli studenti si sono rivelati in gamba, azzeccando spesso il numero degli ‘out’.

Nell’esempio citato ovviamente Bea è la sfavorita, mentre Carlo è nella situazione migliore. Alex può chiudere colore o scala oppure può semplicemente hittare un 4 o un 5, ma non ha abbastanza carte utili per essere considerato il favorito dalle percentuali.

 

 

Per la precisione Bea ha solo 6 carte (tutti i 10 e i 6) che le darebbero il pot con full house, Alex ne ha 14 e Carlo 19. Il totale però fa 39…

Questo perché c’è anche la possibilità dello split! Se cascasse un 3 al river infatti tutti si dividerebbero il piatto con il full di assi e tre.

Con questo tipo di esempi De Toffoli ha voluto far capire che il poker richiede capacità di calcolo e ragionamento e gli studenti hanno decisamente colto il messaggio, apprezzando soprattutto questo ultimo spezzone di conferenza.

Non è la prima volta che il poker si ritaglia uno spazio nella scuola italiana, ma di certo non è una cosa che capita tutti i giorni!

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari