Tuesday, May. 22, 2018

Storie

Scritto da:

|

il 22 Feb 2018

|

 

L’Italia insegna l’Hold’em! De Toffoli presenta The Big Book of Poker: “Una bella soddisfazione”

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

L’Italia insegna l’Hold’em! De Toffoli presenta The Big Book of Poker: “Una bella soddisfazione”

Area

Vuoi approfondire?

I libri sul poker sono ormai un prodotto superato?

Non si direbbe proprio, a giudicare dall’ultima fatica letteraria del veneziano Dario De Toffoli, dal titolo The Big Book of Poker.

Un libro in inglese? Proprio così. E non si tratta di una semplice traduzione… Ci ha spiegato tutto De Toffoli in persona:

Non è la prima volta che un mio libro sul poker viene venduto all’estero. In passato per esempio il Grande Libro del Poker è stato tradotto perfino in portoghese. Questa però è il mio primo libro scritto appositamente in inglese e non semplicemente tradotto dall’italiano.

In verità si tratta di un collage tra due libri italiani esistenti che sono Il Grande Libro del Poker e Superpoker. Abbiamo creato un giusto mix adatto a tutti“.

De Toffoli ci spiega che il progetto ha avuto origine a Londra, che lui visita ogni estate per giocare le Olimpiadi degli Sport della Mente:

Praticamente questi libri li aveva visti Etan Ilfeld, organizzatore delle Mind Sports Olympiad alle quali io partecipo dal 1997 e dove ho imparato a giocare a poker nel 1998. Ilfeld è un appassionato giocatore e imprenditore.

In mezzo alle sue ultime imprese, ha rilevato la casa editrice Watkins e cercava nuove idee editoriali. Mi ha chiesto di pubblicare il libro e da lì è partito tutto. Abbiamo deciso grosso modo formato, pagine e tutto il resto.

Ho deciso di unire due miei testi per prendere il meglio da entrambi. Il Grande Libro del Poker ha avuto più successo perché è più vario, contiene racconti e curiosità; Superpoker è un po’ più tecnico. Abbiamo combinato dunque le due cose.

Nella traduzione mi ha aiutato Nicola Pagano, fratello di Luca. La grafica mi piace molto“. Ecco come appare la copertina del libro che uscirà presto (il mese prossimo):

 

 

De Toffoli ci svela qualche altro dettaglio sul libro: “Il lavoro è stato fatto con calma. I primi contatti sono avvenuti due anni fa circa, mentre un anno fa abbiamo firmato il contratto.

Il libro contiene tutto quello che serve per diventare un giocatore decente. Se uno invece vuol diventare un pro, ci sono infiniti libri adatti nel mercato in lingua inglese.

Il mercato americano è affollatissimo. Ci sono tanti libri scritti (teoricamente) da giocatori famosi, che dispensano consigli. Ne ho una bella collezione ma sono tutti orrendi dal punto di vista grafico. Il mio invece è bello anche graficamente. Siamo partiti dalla grafica italiana che è carina, colorata e piacevole.

Per quanto riguarda i contenuti, diciamo che il libro copre un ampio raggio. C’è un po’ di tutto dentro. Un neofita può apprezzarlo, un principiante può sfruttarlo per diventare un buon giocatore. Ci sono insomma gli strumenti di base per capire come studiare il poker. Ho indugiato un po’ sugli aspetti matematici, che sono una mia passione. 

Insomma non credo che esistesse già un libro così. Esce a inizio marzo e dal punto di vista commerciale è una scommessa. Mi dà soddisfazione vederlo pubblicato, però non ho idea del reale successo che avrà. In ogni caso sono contento di aver firmato un libro ben realizzato e ben promosso, con tanto di lusinghiero comunicato stampa.

Non so se sarà più letto del Grande Libro del Poker, che ha avuto una 20ina tra ristampe e riedizioni vendendo quasi 100mila copie vendute. Numeri da best seller, enormi per l’Italia. Farei la firma per un risultato del genere“.

De Toffoli non è pessimista sul futuro del mercato dei libri: “Oggi su internet c’è tanto materiale anche gratuito per migliorare nel poker. Il libro però è una cosa che compri e prendi in mano perché ti dà piacere leggere dalla carta stampata e non da un tablet o da un altro schermo“.

Per la cronaca The Big Book of Poker riporta in copertina un prezzo di 14.99 sterline, 16.95 dollari americani e 18.95 dollari canadesi.

Non è finita qui. De Toffoli si sbilancia: “Credo che arriverà anche in Australia“. Insomma, l’Italia esporta i suoi autori di poker e ciò ci rende orgogliosi.

Se volete complimentarvi di persona con De Toffoli, lo trovate praticamente ogni mese impegnato all’ISOP Championship di Nova Gorica, in Slovenia. Lì al Perla, tra l’altro, presenterà a breve un suo nuovo libro in italiano, dedicato stavolta alle varianti…

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari