Tuesday, Nov. 13, 2018

Storie

Scritto da:

|

il 22 Feb 2018

|

 

Polk spara a zero su Negreanu: “Ipocrita e imbarazzante”. Kid Poker si difende: “Lo fa per le views”

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

Polk spara a zero su Negreanu: “Ipocrita e imbarazzante”. Kid Poker si difende: “Lo fa per le views”

Area

Vuoi approfondire?

Ci stavamo quasi preoccupando ultimamente per la mancanza di un bel flame tra qualche giocatore famoso.

Per fortuna ci pensano due pezzi da novanta come Daniel Negreanu e Doug Polk e riscaldare gli animi in rete e non solo.

I due poker pro americani sono davvero ai ferri corti. Tutto è iniziato una decina di giorni fa quando Polk ha registrato un podcast con l’amico e collega youtuber Joe Ingram, entrando ad un certo punto a gamba tesa su Negreanu.

Ecco cosa ha detto Polk, ribadendo alcuni vecchi concetti già espressi: “Le azioni parlano più delle parole. Negreanu è rimasto seduto su un divano a spiegare come una rake più alta può far del bene al poker; è stato uno spettacolo patetico. Si è messo sulle ginocchia per la sua room PokerStars, sostenendo che se PS guadagna di più con una rake più alta allora tutto il mondo del poker ci guadagna. Non ho mai visto nulla del genere. La sua tesi ovviamente è falsa e poi ha cercato di ritrattarla. Assurdo. Non puoi dire certe cose sul poker. Bisogna essere onesti. Negreanu è ipocrita e imbarazzante. Viene pagato milioni di dollari per fare l’ipocrita e poi fa finta di essere un bravo ragazzo“.

Polk si riferisce, tra le altre cose, ad alcune dichiarazioni di Negreanu che ha promesso recentemente di restare un giocatore di poker a vita, dichiarando amore incondizionato al nostro gioco.

 

 

Non si è fatta attendere troppo la risposta di Negreanu, che ha parlato in pratica in un suo podcast personale realizzato insieme a Eric ‘Popcorn’ Wasserson.

Negreanu non è tornato sulla questione spinosa della rake, però si è espresso così su Polk: “Penso che sia un personaggio negativo per il poker. Cerca di creare sempre polemiche per infangare gli altri. Vuole solamente ottenere views per i suoi video e i suoi canali“.

Negreanu sicuramente non è contento di vedere il nome di Polk inserito (insieme al proprio) tra le nomination per il premio ‘Poker’s Biggest Influencer‘ agli American Poker Awards.

Ci permettiamo di aggiungere che forse Kid Poker è anche un po’ geloso dei risultati che Polk ottiene online. Negli ultimi tempi infatti Polk ha anche aperto un canale YouTube dedicato alle cryptovalute, ottenendo subito grandi numeri.

In questi  giorni Polk ha braggato suoi social un fatto alquanto incredibile: il suo canale Doug Polk Crypto ha superato quello del poker per quanto riguarda il numero di iscritto! Sono serviti solo 40 video in due mesi e mezzo per il sorpasso.

 

 

Polk ha risposto a sua volta su Twitter a Negreanu: “La gente dovrebbe comportarsi eticamente e non rimproverare gli altri. Se una compagnia non rispetta i suoi giocatori, va detto.

Io voglio ovviamente che la gente guardi i miei contenuti. Ma mi sembra ridicolo essere accusato per questo da chi non fa niente per comportarsi eticamente“.

 

 

Voi da che parte state? Il popolo del web sinceramente sembra più affezionato a Polk piuttosto che a Negreanu, nonostante Kid Poker sia il player più vincente di sempre negli MTT live.

Comunque vedere due campioni del genere litigare in rete fa un po’ tristezza. Speriamo che la smettano o almeno che si sfidino presto a un tavolo verde! Quello sì che farebbe notizia…

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari