Sunday, Aug. 19, 2018

Storie

Scritto da:

|

il 17 Mag 2018

|

 

“Così ho trasformato i fratelli Staples in un anno” Parla Mike Vacanti il personal trainer della prop-bet da 150.000$

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

“Così ho trasformato i fratelli Staples in un anno” Parla Mike Vacanti il personal trainer della prop-bet da 150.000$

Area

Vuoi approfondire?

La prop bet sul peso dei fratelli Staples è stata una delle più seguite e commentate degli ultimi tempi nel mondo del poker.

I due alla fine sono riusciti a vincere 150.000$ dalle casse di Bill Perkins partendo da due condizioni completamente diverse e arrivando a far indicare alla bilancia dei pesi molto simili.

Come ci sono riusciti? Il loro segreto si chiama Mike Vacanti. Il personal trainer newyorkese ha raccontato al blog di PokerStars tutti i retroscena dell’ultimo anno.

All’inizio perfino lui era pessimista: “Ho pensato subito che la sfida fosse troppo assurda. Ho visto le foto dei due fratelli e mi sono chiesto se si potesse davvero fare in un anno. Mi sono dunque immaginato dei range nei quali avrebbero dovuto rientrare alla fine e mi sono detto che l’impresa in realtà era fattibile. Poi ci siamo semplicemente messi a lavorare un pound alla volta.

Prima della sfida non conoscevo nessuno dei protagonisti personalmente, quindi non sapevo cosa aspettarmi di preciso. Due mesi dopo però ho capito che le odds decise da Perkins (50 a 1) erano decisamente errate. La probabilità di riuscita era circa del 50%“.

Tutto è andato per il meglio alla fine. Mike spiega cosa è successo: “Jaime ha perso davvero tanto peso mentre Matt non ha mai pesato così tanto in vita sua.

Matt doveva sollevare pesi per 90 minuti al giorno, per cinque o sei giorni alla settimana. Jaime doveva invece correre almeno un paio di ore al giorno, in aggiunta a un po’ di allenamento uno o due giorni a settimana.

Le diete dei ragazzi ovviamente erano molto diverse. Jaime ha consumato soprattutto proteine. Ha ingerito davvero poche calorie rispetto a un’altra persona con il suo peso. Il suo scopo era perdere 3 pounds alla settimana.

Matt invece mangiava di tutto. Sicuramente è stato più facile per lui. Mangiare in pratica è diventato il suo lavoro negli ultimi tre-sei mesi della bet. Ci siamo assicurati che ingerisse abbastanza proteine (necessarie per i muscoli) insieme a frutta e vegetali (per ragioni di salute). Poi poteva mangiare tutto quello che voleva, tipo pasta, panini o qualunque altra cosa.

Abbiamo affrontato i problemi in maniera pratica. All’inizio Jaime soffriva tantissimo perché lo chef preparava una pizza buonissima a Matt. Allora lo chef ha smesso di fare pizza, optando per una maggiore quantità di carne e verdure“.

 

 

Un’esperienza come questa può stimolare altre persone secondo Mike: “Se qualcuno come te ce la fa, allora ce la puoi fare anche tu. Questa è la prova. Il viaggio non sarà più facile, ma almeno sai che è possibile. Io aiuto la gente a fare ogni giorno quello di cui ha bisogno. Il presente è ciò che possiamo controllare. Compiendo una azione alla volta possiamo raggiungere i nostri obiettivi.

Ci sono tante informazioni errate in giro sulle diete. In realtà è semplice. Bisogna mangiare in maniera sana, bruciando più calorie di quelle che si consumano ogni giorno. E bisogna essere onesti con noi stessi. Non si può sgarrare nel weekend. E non si possono ottenere addominali scolpiti in 30 giorni“.

Adesso i fratelli Staples devono preparasi a una seconda bet, ovvero scendere sotto il 10% del grasso corporeo. Mike non è più preoccupato: “La seconda sfida è un po’ più facile della prima. Poche persone tuttavia riescono ad andare sotto il 10%. Servirà un altro anno di disciplina, allenamento e nutrizione giusta. Alla fine diventeranno entrambi magri e muscolosi“.

Chiudiamo con qualche consiglio per tutti i pokeristi: “I giocatori di poker online devono organizzarsi per bene con il cibo. Non possono mettersi a grindare la domenica e poi divorare qualcosa a caso nelle pause perché muoiono di fame. Non va bene fiondarsi su un barattolo di noccioline o un sacchetto di patatine.

Anche i giocatori live devono stare attenti, preparandosi il pranzo a casa o scegliendo bene dal menu delle poker room. Del pollo con abbondanti verdure è sicuramente meglio di un doppio cheeseburger con patatine fritte“.

Ultimo consiglio valido per tutti: “Fate esercizio fisico almeno tre giorni alla settimana; 30 minuti per tre volte alla settimana è il minimo“.

Volete approdondire? Cliccate sul video qui sotto per ascoltare l’intervento di Mike Vacanti in un recente podcast con lo youtuber Joe Ingram:

 

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari