Sunday, Aug. 19, 2018

Storie

Scritto da:

|

il 1 Ago 2018

|

 

Doppi sensi

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

Doppi sensi

Area

“Il poker è un po’ come il sesso. Tutti pensano di essere bravi, ma la maggior parte non sa nemmeno cosa sta facendo.”

Questa frase accomuna in poche parole le due più grandi passioni dei maschi italiani: pulsione sessuale e voglia di vincere a poker riescono infatti a scatenare tutti i nostri istinti. Pare davvero che chiunque, almeno a parole, possa essere il maestro della disciplina. Ecco perchè!

Da qualche anno, ormai, gran parte del mercato si è spostato sull’online, e proprio sul web è facile riuscire a divertirsi molto quando, magari dopo una giornata di lavoro, troviamo il tempo per un po’ di intimità davanti al pc, magari mentre la moglie dorme.

Proprio grazie a queste ore, usate per guardare video dimostrativi gratis o a pagamento, gli aspiranti pro recuperano idee per migliorare le proprie skill: oltre a studiare a come adattarsi a varie tipologie di avversari ci si concentra molto sul gioco di posizione, che sappiamo essere fondamentale.

Video dopo video si capisce che con l’allenamento diventiamo più aggressivi e pronti a sparare un secondo e magari anche un terzo proiettile.

Certo, a volte guardando, i veri professionisti si può rimanere un po’ impressionati dalle dimensioni dello stack: regola però sempre valida, tanto da diventare la giustificazione di chi è “short”, è che non è davvero importante quanto sia grosso lo stack ma piuttosto l’utilizzo che se ne fa.

Pratica rischiosa è quella dell’account sharing, che può causare davvero grossi problemi se poi vengono smascherati gli altarini: può essere sicuramente eccitante fare qualche partita con l’account del vostro amico, ma è sempre meglio farlo di nascosto e non farsi scoprire.

Occhio però a non passare troppe ore al monitor del pc perchè è risaputo che la troppa pratica può causare problemi alla vista: allora forse è molto meglio passare a giocare “live”, magari in qualche casino dove abbonda l’offerta a tutte le ore e a qualsiasi buy in.

Il live difficilmente permette, a meno di rari e fortunati casi, di “multitablare”: c’è quindi da stare molto più concentrati sul singolo avversario.

Pare però sia un gioco molto più divertente anche se va specificato che bisogna giocare sempre in bankroll perchè se si esagera questa passione costa veramente tanti soldi. Ci si può anche rovinare il conto in banca per cercare di chiudere dei progetti “a colore”.

Anche dal vivo meglio non andare troppo oltre, anche se il tavolo televisivo sembra essere il sogno di molti: giocare però sotto le luci della telecamera può causare grosso imbarazzo e calo delle capacità: chi però non è timido può però farla diventare una professione. Quando lo si fa per soldi però diventa meno divertente!

Mi sfugge se sto parlando di una o dell’altra passione, ma alla fine importa poco perchè nel sesso come nel poker non sono importante tutte queste skill… Spesso basta anche solo una buona mano!

 

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari