Sunday, Aug. 19, 2018

Poker Live

Scritto da:

|

il 7 Ago 2018

|

 

Poker After Dark review – Adelstein floppa nuts, Peters gambla il combo draw a metà…

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

Poker After Dark review – Adelstein floppa nuts, Peters gambla il combo draw a metà…

Area

Vuoi approfondire?

Dopo avervi riproposto un croccante spot 3-way di qualche tempo fa, la nostra review sul Poker After Dark ha preso in esame una mano giocata martedì scorso in occasione dello show ‘Solve for Hollywood’, che ha visto protagonisti Matt Berkey, Tracy Nguyen, Farah Galfond, Jacky Wang, Garrett Adelstein e Dave Peters.

Ed è proprio tra questi ultimi due che, sul finire di una sessione da oltre 10 ore, accade l’imponderabile.

Blinds 100/200$, no straddle. Ecco l’action in grafica.

Preflop ineccepibile l’open di Adelstein, onesto anche il flat di Peters, che giocando con oltre 2.000 (avete capito bene, duemila) blinds può permettersi di giocare da bottone anche con due biglietti del tram.

L’action si sviluppa dunque con la tribet di Jacky Wang a 9.000$ che ha AQ da small. Fold per Farah Galfond da bb e call sia per Garrett sia per Peters. Sin qui, poco da aggiungere…

Ecco dunque uno dei più classici ‘action flop’! Garrett floppa addirittura il nuts, Peters una combo draw (double belly più flush draw). Wang decide saggiamente di missare la c-bet, intuendo che su questa texture in 3-way oop c’è poco da fare.

Garrett non può far altro che puntare e opta per un importo pari a 2/3 pot. Ecco dunque che Peters si ritrova di fronte a una scelta delicatissima: call o raise? Nonostante il classico profilo da tight/old school player, Peters opta per la seconda opzione e alza la posta a 44.000$. A onor del vero pare complicato biasimare questa scelta, visto che prendendo in mano l’action (e blockerando il nuts), Dave metterebbe tantissime in difficoltà praticamente tutte le combo di value di Adelstein. Vero però che in caso di tribet del suo avversario Peters si troverebbe invischiato in uno spot potenzialmente devastante, considerando i 1.400bb effettivi per cui si gioca.

Dopo il fold di Wang, arriva puntuale il raise a 124.000$ di Adelstein. Nuovo quesito: che fare a questo punto? Il fold pare una soluzione troppo tight, ma probabilmente rischia di essere la migliore. Il raise all-in sarebbe una gamblata davvero epocale, il just call rischia di essere una move davvero pessima, considerando che in linea teorica non esistono implied odds in questo spot.

Fatto sta che Peters, dovendo investire 80.000$ per un pot da 276.000$, sarebbe ancora teoricamente in odds pure qualora hittasse flush. Ed è questo che lo induce a chiamare.

Il turn, ahilui, è un pleonastico 3 e Adelstein non è certo player da commettere errori e regalare free cards in questo spot. All-in per 149.000$!

A questo punto le odds si sono volatilizzate. Peters lo sa e decide di foldare rapidamente.

Che ne pensate di questa condotta? Investire 133.000$ per giocarsi una combo draw solo a metà? Aspettiamo i vostri pareri su Facebook! 😉

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari