Saturday, Feb. 23, 2019

Poker Live

Scritto da:

|

il 29 Gen 2019

|

 

E’ possibile vivere di poker giocando 1-2$ live?

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

E’ possibile vivere di poker giocando 1-2$ live?

Area

Vuoi approfondire?

In tanti ci provano, in pochi ci riescono.

Per vivere di poker servono pazienza, tenacia, passione e un superbo mindset. Le skill, per assurdo, passano decisamente in secondo piano. Online i più preparati riescono a emergere senza problemi, specie giocando cash game. Ma anche chi massa MTT e ha un’ottima preparazione di base può senza ombra di dubbio ambire a fare del profitto.

Spostando invece il focus sul poker live, il discorso cambia. Tralasciando i tornei, nei quali potrebbe non bastare una vita intera per vedere realizzato il proprio expected, ci siamo concentrati quest’oggi sul cash game, prendendo spunto da una provocazione del coach americano Nathan ‘blackrain79’ Williams.

In uno degli ultimi post sul suo blog, Williams si pone un quesito, che abbiamo ripreso pari pari come titolo per questo articolo: “E’ possibile vivere di poker giocando la 1-2$ live?”.

La short answer di Williams è concisa:

“Vivere di poker giocando la 1/2$ è complesso. Tuttavia, per una piccola quantità di persone con la giusta disciplina ed etica del lavoro, sarebbe possibile guadagnarsi da vivere giocando questa partita al casinò. A certi limiti è però quasi impossibile vivere esclusivamente di poker; la maggior parte delle persone dovrebbe tenere il proprio lavoro di giorno per poi giocare la sera.”

Approfondendo il discorso, Williams argomenta la sua teoria:

“Ci sono molti altri fattori in gioco, come ad esempio dove vivi, le tue spese, il tuo bankroll e altro ancora. La prima cosa che è importante se si vuole prendere in considerazione l’idea di giocare a poker dal vivo ‘for living’ è trovare action. Direi che questo probabilmente non sarà un grosso problema se vivi vicino a una grande città in America, in Canada o in Europa. Tuttavia, se sei seriamente intenzionato a giocare a 1/2$, potresti prendere in considerazione di trasferirti in un posto come Las Vegas dove puoi trovare un buon gioco di poker a bassa posta in qualsiasi ora del giorno.”

Trovata la location ideale bisogna dunque concentrarsi sull’hourly rating da tenere:

“I migliori giocatori 1/2 dal vivo in genere fanno solo circa 20$ all’ora. Potrebbe essere possibile fare un po ‘più di questo in alcuni partite super deep con fish ubriachi, ma non possiamo illuderci accadrà così spesso. Vincendo con costanza in queste partite il tuo obiettivo dovrebbe essere quello di passare a limiti più alti quali 2/5$, 5/10$ e 10/25$. In questi giochi puoi fare molto di più, $ 50 all’ora, $ 100 all’ora o più. E qui sì che cambia la storia. Quindi questo è il motivo per cui in genere suggerisco che la maggior parte delle persone che stanno ancora combattendo ai tavoli 1/2 dovrebbero semplicemente mantenere il loro lavoro giornaliero. Non vale la pena rinunciare a quella paga fissa per un salario così basso. Ma se si riesce a fare level up allora è giusto prendere in considerazione l’idea di fare il poker player professionista”.

Williams mette in evidenza un altro fattore chiave da considerare per chi intende guadagnare soldi in questo modo:

Hai una moglie? E i bambini? Hai già una carriera ben consolidata con un reddito solido? Se hai risposto sì a una di queste domande, ti consiglio vivamente di non diventare un giocatore professionista di poker, specialmente a limiti così bassi. Nella maggior parte dei casi sarà troppo difficile fornire il reddito costante e la stabilità che la tua famiglia merita. Inoltre, se hai già una solida carriera e un buon stipendio sarà difficile rimpiazzare quei soldi con il poker. Le uniche persone a cui suggerisco di prendere in considerazione per giocare a poker professionalmente con limiti a 1/2 $ sono ragazzi più giovani, di 20 o di 30 anni, che sono single, o hanno una fidanzata al massimo, e non hanno alcuna carriera in corso. Non sto dicendo che non puoi essere un professionista del poker se hai 40 anni con i bambini, ma penso che per la maggior parte delle persone in questa situazione, il loro costo opportunità sarà troppo alto.”

Addentrandosi nella sua disamina, ‘blackrain79’ sottolinea un altro importante aspetto:

“Molte persone fanno ancora il tentativo di diventare un professionista del poker online o un professionista del poker dal vivo quando non sono ancora diventati dei vincitori! Pazzesco lo so, ma lo vedo sempre. Come spesso dico, occorrono circa 100k di mani prima che tu possa arrivare a conclusioni reali sui tuoi risultati nel poker. Ora, se giochi a poker online, puoi giocare questa quantità di mani in un mese se fai molti tavoli multipli. Ma con il poker dal vivo è una storia molto diversa. Il meglio che spererai nel poker live è in media di 30 mani all’ora. Ciò significa che ci vorrebbe più di un anno per gocare 100.000 mani anche se giochi 8 ore ogni singolo giorno! E a differenza della maggior parte degli altri posti di lavoro là fuori non si viene pagati nel poker solo per presentarsi. Il poker è basato sul rendimento al 100%. In altre parole, vieni pagato solo se vinci.”

Strategia

Come battere la 1/2$?

“Giocare tight/aggressive preflop, prestando molta attenzione alla tua posizione al tavolo. In una tipica partita 1/2$ a 9 o 10 giocatori dovresti giocare circa il 20% delle tue mani. Tutte le pair, gli Assi buoni, tutte le broadway, la maggior parte degli assi suited e dei suited connectors, qualche one gapper. E la maggior parte di questi – rimarca Williams – dovrebbe essere giocata mentre sei in posizione. Dovresti anche identificare immediatamente i giocatori più deboli e isolarli più e più volte. I bluff vanno centellinati e non si va oltre la c-bet e qualche rara 2-barrell contro avversari timidi. Un approccio rigoroso e disciplinato è l’unico modo per sconfiggere questi giocatori. Semplicemente non puoi bluffarli.”

Come sottolineavamo in apertura, Nathan non dimentica in ultimo l’importanza del mindset:

“Una cosa di cui avrai bisogno se stai pensando di giocare a 1/2$ per vivere è il controllo emotivo. Alcuni giorni faranno davvero schifo, a volte intere settimane o addirittura mesi saranno terribili con innumerevoli suckout e bad beat. Questa è semplicemente la natura del gioco. Perché chiunque può sembrare un genio ai tavoli da poker quando cadono le tue e cooleri A-A contro K-K.  Ma per ogni cosa c’è uno yang nel poker. E alla fine oscillerà pesantemente su di te nella direzione opposta al punto in cui sembra che non vincerai mai più una mano.”

Considerazioni finali

Per la conclusione, riprendiamo la palla noi. Il Williams-pensiero, difatti, non fa una grinza. Ma come ammesso da egli stesso in queste righe, è impensabile ‘campare’ giocando solo questo limite. Negli ultimi anni, diversi grinder italiani hanno messo da parte l’online per vestire gli abiti da rounder: alcuni, come Nicolò Audannio, sono a Barcellona, altri, vedi Luca Sebastiani, si fanno ciclicamente dei trimestri in quel di Las Vegas. Ma tutti quelli che conosciamo, avendo come unico introito il Texas Hold’em, giocano come minimo la 2/5$ (€). Il livello di questa partita, nei casinò europei e americani, è assolutamente accessibile e anche un grinder online del NL10 può ambire a fare profitto, specie se rispetta alcune delle ‘regole non scritte’ sopra citate.

Proprio pochi giorni fa anche Domenico ‘sonnykelevra’ Di Paola è partito per quest’avventura!

Per chiunque voglia provarci – il sottoscritto ci sta facendo un pensiero – un super Good Luck! 😉

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari