Wednesday, Nov. 22, 2017

Strategia

Scritto da:

|

il 20 Ott 2017

|

 

Come la rigiochi oggi? Luca Paschetta e una blind war di 1000 giorni fa…

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

Come la rigiochi oggi? Luca Paschetta e una blind war di 1000 giorni fa…

Area

Vuoi approfondire?

Avevamo preso in esame questo spot per la nostra rubrica “Cash Game Analysis“.

A distanza di circa 1000 giorni da allora, siamo andati a ripescarlo, riproponendolo al diretto interessato. Le dinamiche di cash game sono difatti in continua evoluzione e un player come Luca ‘PervisPaske’ Paschetta – così come ogni professionista che si rispetti – non può restare ancorato al 2014 se vuole ambire ad essere ancora vincente.

Proprio per questo una blind war all’apparenza banale può offrire spunti di riflessioni interessanti se rivista a distanza di migliaia di click… Avrebbe giocato allo stesso modo?

Prima di ascoltare il Paske-pensiero, vi riproponiamo l’action: tavolo 0.50/1€. Apertura di small blind (stack 103€) a 3€, Luca difende con Q9 e uno stack da 105x.

Flop K93. Small blind c-betta 3.50€ e Luca chiama.

Turn: 10. Small blind ribarrella a 8.60€, Luca rilancia 23€, oppo chiama.

River:  7. Checka small blind, all-in per ‘PervisPaske’, passa oppo.

La prima cosa che balza agli occhi è il sagace utilizzo del blocker, arma ormai implementata dalla quasi totalità dei player a certi livelli, ma non esattamente standard nel settembre di 3 anni fa.

Ciò su cui c’interessava porre l’accento è la condotta turn, certamente la street più insolita di questo spot. Luca tenderebbe a seguire una condotta del genere ancora oggi?

“A rivederla direi che la mano è ok. Se ho seguito questa linea è probabilmente dovuto più che altro alle info su oppo piuttosto alle tendenze che c’erano in blind war allora. La frequency di ribarell turn di oppo e il suo range di open suo da small blind sono determinanti ai fini delle mie valutazioni post flop. A occhio direi che al turn si può splittare tra calle e raise proprio in base a ciò che ci suggerisce Hold’em Manager. L’unica certezza è che qualora oggi decidessi di flattare turn, su check o blocking bet di oppo al river, andrei sempre e comunque all-in!”

 

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari