Thursday, Jan. 17, 2019

Poker Online

Scritto da:

|

il 28 Dic 2018

|

 

Andrea Crobu e il bluff catch di Natale: “Il mio TP ricalca quello di Fedor Holz!”

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

Andrea Crobu e il bluff catch di Natale: “Il mio TP ricalca quello di Fedor Holz!”

Area

Vuoi approfondire?

Provocatorio, ma non blasfemo.

Andrea Crobu e Fedor Holz viaggiano decisamente su pianeti diversi. Eppure esistono dinamiche di gioco che la GTO interpreta universalmente alla stessa maniera. Eventuali deviazioni e sfumature possono prendere talvolta pieghe che vanno sorprendentemente a combaciare.

In uno degli ultimo spot che ha visto protagonista il grinder sardo, scrutiamo infatti venature di una mano giocata e analizzata dal mitico maghetto tedesco. E il primo a concordare è lo stesso Andrea, che prima di dispensarci il TP integrale ha effettuato il collegamento in maniera spontanea:

“Ho letto quell’articolo e questo spot sembra poter esser spiegato allo stesso modo! Quello era un single raised, questo è un tribettato, ma il concetto di fondo non cambia.”

Tavolo NL200 di PokerStars.it. Heads-up.

Andrea gioca con 430€, il suo avversario ne ha 170€ (85bb). Andrea apre il gioco a 5.80€ con AJ, oppo tribetta a 21€, ‘ANTIREGS87’ chiama.

Il flop recita 926

Big blind c-betta 22.22€, Andrea chiama.

Il turn è una Q

Big blind second barrella a 44.44€, Andrea chiama ancora.

Il river è un 2.

Big blind va all-in per 82.76€, Andrea clicca per la quarta volta consecutiva il tasto call e si assicura il piatto alla vista dell’810 del suo avversario.

Ascoltiamo dunque il Thinking Process e i nobili riferimenti del grinder di Abbasanta:

“Sarà che in quello spot preso in esame da Fedor lui aveva proprio A-J e il suo avversario una combo draw di quadri al turn. In quella circostanza però il river favorì oppo, qui il 2 è la più bella del mazzo su cui chiamare perché si sono veramente bucate tantissime cose. Con A-J blockero buona parte del suo value e quasi nessun bluff. Preflop mi limito al call perché penso di avere tante volte la best hand, motivo per cui preferisco flattare e giocare ip. Al flop non posso praticamente mai foldare su 962 per ovvie ragioni. Il turn è la street cruciale: qui oppo ha ancora una buona parte di valore come K-Q, Q-T, K-K, al contempo però blockeriamo Q-J, A-A e A-Q. Il concetto però resta lo stesso identico di Holz: qui ci sono una marea di draw e in sostanza credo più combo di bluff rispetto a combo di valore. E in questo caso poco importa la sua size scelta al turn; io ho una mano con cui penso di dover chiamare anche in quarta! In questo spot oppo fa size un po’ storte al punto da lasciarsi una size da meno di half pot river, il che mi porterebbe forse a bluff catchare più del dovuto, ma ovviametne ci sono river su cui penso di foldare: direi su 5, 7, 8, 10. E forse, per quanto possa sembrare strano, anche sul J. Come detto prima, su quel 2 non posso proprio esimermi!”

Che ne pensate? Nice call o a chiamare in queste situazioni si rischia troppe volte di muckare? Commentate senza remore sulla nostra pagina Facebook!

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari