Wednesday, Jul. 23, 2014

Strategia

Scritto da:

|

il 5 ott 2012

|

con 22 Like

Bankroll Management: vedo la gente broke!

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Bankroll Management: vedo la gente broke!

Area

Argomenti correlati

Ci sono i grinder disciplinati, detti anche “bankroll nits” che non si sognerebbero mai di fare level up prima di avere il roll necessario ED essere assolutamente sicuri di battere il livello e di avere buone possibilità di battere il successivo fin da subito.

Ci sono i grinder indisciplinati, che si lasciano prendere dall’emozione del momento e aggrediscono tavoli (o tornei) completamente fuori dalla loro portata economica, rischiando di perdere i massimi per i più svariati motivi: adrenalina, ingordigia, tilt da perdita, tilt da vincita, convinzione di essere +EV anche senza il roll adeguato.

Ma il poker è un gioco fatto di swing, di fortuna e sfortuna, e molto (troppo) spesso questi ultimi finiscono per incontrare sulla loro strada una sessione particolarmente negativa, un salasso per le finanze che li costringe a scendere anche di due o tre livelli per ricostruire il roll, o li lascia addirittura senza un soldo nell’account. Tempo sprecato, denaro sprecato, mindset sotto i piedi e voglia di mollare tutto per colpa di una sola serata sconsiderata.

Insomma, bisogna imparare quello che in gergo si chiama “bankroll management”, gestione del patrimonio.

Un metodo che, nel mio personalissimo caso, ha funzionato molto bene per smettere di “shottare” i limiti troppo alti per il mio bankroll è quello di leggere i forum americani. Aprendo le sezioni dedicate alle “bad beat” e ai “whine” si trova una quantità impressionante di thread che iniziano tutti allo stesso modo:

“Ero in HU contro un fish, con tutto il mio roll sul tavolo, quando…”

“Ho chiuso una sessione NL200 a +10 stack, allora ho deciso di festeggiare facendo qualche mano al 10$ / 20$, e poi…”

“Ho 1000 $ sul conto e grindo NL10, ma al Pot Limit Omaha 3$ / 6$ c’era un tavolo pieno di fish, non potevo lasciarmelo scappare…”

“Ero tiltatissimo per aver perso un piatto da 600bb, allora ho deciso di aprire un Heads Up SNG da 1000 $ e…”

“Ho perso i miei ultimi 500 dollari e ora non so come fare a pagare l’affitto di questo mese!

Qui in Italia non sono così diffuse queste esternazioni. Un po’ per la minor popolazione dei forum, ma soprattutto perché noi italiani, quando facciamo queste ca…volate, non abbiamo per niente voglia di farci giudicare dalla gente. Teniamo la bocca cucita, ricarichiamo il conto gioco e nessuno ne saprà mai nulla.

Ma i “whinatori” americani non si fanno troppi problemi ad ammettere di aver messo tutti i propri soldi sul tavolo da poker, compresi quelli per le bollette, la spesa, le rate della macchina. Vengono derisi e insultati dagli altri utenti, ma non demordono: potete scommetterci che la prossima volta che decideranno di giocare un torneo con i soldi del mutuo e perderanno un 80/20, un minuto dopo apriranno un thread per piangersi addosso.

Per questo leggere i loro sfoghi è così istruttivo: troverete dei perfetti cattivi esempi da non imitare mai!

Articoli correlati

Diventa nostro fan su Facebook, e ricevi i nostri aggiornamenti!

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari