Monday, Apr. 23, 2018

Strategia

Scritto da:

|

il 16 Apr 2018

|

 

35 accorgimenti per giocare a poker nel 2018

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

35 accorgimenti per giocare a poker nel 2018

Area

Vuoi approfondire?

Il poker è un gioco d’abilità in continua evoluzione.

I professionisti più forti stravolgono di anno in anno la propria strategia per continuare ad essere vincenti ed imprevedibili e recuperare informazioni nuove per eccellere nelle varie discipline.

Ma come sarebbe ripartire da zeroNathan Williams, poker pro e coach da oltre 15 anni, ha spiegato il suo punto di vista nel suo blog personale.

Armatevi di carta e penna: ecco i 35 accorgimenti per giocare a poker nel 2018 secondo ‘BlackRain79’.

1 - Giocare tight

La prima cosa che devi imparare se vuoi vincere è giocare tight. Come regola generale dovresti entrare in azione col 15% delle tue mani in un gioco full ring (9 o 10 giocatori) e col 20% in un tavolo 6-max.

2 - Imparare ad essere aggressivo

In alcune situazioni l’aggressività paga. C’è sicuramente un tempo e un luogo per chiamare o controllare, ma se provi ad avere l’iniziativa più spesso sarà più facile vincere un numero maggiore di piatti.

3 - Interpretare la posizione

Un vecchio proverbio pokeristico dice che il ‘denaro scorre verso il bottone’, e non c’è nulla di più vero! Imparare a giocare più combinazioni in posizione aumenterà enormemente i tuoi guadagni.

4 - Sviluppare una strategia preflop

Non esiste un sistema ottimale per ogni scenario al tavolo ma è possibile creare una sorta di processo decisionale per il preflop. Flattare o 3bettare devono essere azioni automatiche.

5 - Imparare a pianificare il postflop

Come per il preflop, non esiste il plan perfetto per ogni spot ma è possibile studiare una strategia in base a texture e tipo di avversario. Tutto ciò viene anche con l’esperienza; il poker è molto più facile da giocare quando non devi pensare ad ogni singolo dettaglio.

6 - Conoscere le categorie dei giocatori

Classificare il gioco dei players vuol dire conoscerne anche i punti di forza e di debolezza. Con queste informazioni puoi imparare e creare strategie per battere chiunque.

7 - Eliminare pensieri superstiziosi

Molti giocatori hanno una mano preferita che puntualmente viene dominata da combinazioni più forti. Il poker è matematica, probabilità, statistica: elimina le superstizioni dal tuo gioco!

8 - Partire dal basso

Oggi il livello medio del giocatore online è visibilmente migliorato. Non sopravvalutare le tue abilità: se i microlimiti sono troppo facili per te potrai uscirne rapidamente, non c’è fretta.

9 - Selezionare i tavoli

La scelta dei tavoli migliori deve essere un pilastro della tua strategia. Se vuoi vincere di più devi giocare con avversari meno preparati di te.

10 - Selezionare i siti

Anche la scelta dei siti è fondamentale. Bonus e rakeback sono incentivi importantissimi quando ci si avvicina al poker per la prima volta.

11 - Gestire il bankroll

L’ammontare di denaro che hai a disposizione per giocare a poker è il dettaglio più importante della parte gestionale. Il consiglio è di avere almeno 30 buy-in per livello, gli swing sono più comuni al giorno d’oggi.

12 - Ignorare i tavoli play money

Alcune persone potrebbero pensare di esercitarsi ai tavoli gratuiti per migliorare. Quello NON è poker! Quando nel piatto c’è denaro reale il gioco cambia completamente.

13 - Regolarizzare gli orari

Per vincere è necessario giocare regolarmente e imparare dagli errori commessi. Regolarizzare gli orari di gioco è il primo passo verso un guadagno maggiore.

14 - Studiare il gioco

Lo studio del gioco è un altro aspetto strategico fondamentale. Cosa significa studiare poker? Leggere, seguire video corsi, fare review, utilizzare i software.

15 - Evitare il bluff

Può sembrare folle, ma bluffare all’inizio del tuo percorso ai tavoli microstakes non è il massimo. Aggredisci il tuo avversario ma con intelligenza.

16 - Estrarre valore

I microlimiti sono pieni di occasionali pronti ad arrivare a tutti i costi allo showdown. Non aver paura di puntare per ottenere anche il minimo profitto contro questi giocatori.

17 - Evitare lo slow play

Un grande errore che capita frequentemente agli inizi è quello di sopravvalutare gli avversari. Nella stragrande maggioranza dei casi assegniamo agli altri thinking process che esistono solo nella nostra testa. Punta tanto con le tue combinazioni migliori!

18 - Scegliere il seat

Tornando al discorso della posizione, è molto profittevole sedersi al tavolo in base al posto scelto dagli occasionali. Avere l’ultima parola contro questo tipo di giocatori vuol dire vincere!

19 - Evitare avversari aggressivi

L’altra faccia della medaglia riguarda i regular. Il consiglio è di tenere i giocatori aggressivi alla tua destra e non alla tua sinistra; questo permette di pianificare la mano conoscendo già l’action di questi players e semplifica gli spot contro gli occasionali.

20 - Evitare reg wars

Un buon giocatore non deve dimostrare in ogni momento la sua superiorità. Anzi, il modo migliorare per mostrare il proprio valore sta proprio nel saper aspettare. Stai giocando per vincere, non per sfidare gli altri regular.

21 - Essere fastidioso al tavolo

Allo stesso tempo, selezionare qualche regular particolarmente fumantino può essere utile. Giocare sui punti deboli di questi giocatori li manda in tilt e questo può solo essere un vantaggio.

22 - Bilanciare i range

Utile solo contro giocatori pensanti. Bilanciare i propri range tra value e bluff è il modo migliore per avere un gioco imprevedibile e vincere.

23 - Condividere pareri

Ascoltare il parere di altri giocatori vincenti aiuta a crescere sia nel gioco che nella vita. Grazie alla rete scambiare opinioni è semplicissimo, ad esempio via social.

24 - Concentrarsi sul lavoro

Molte persone sminuiscono enormemente la loro crescita nel poker pensando troppo ai soldi, “diventando pro” e contando tutte le loro future ricchezze. Se lavori abbastanza duramente in questo gioco, i soldi, i braccialetti e la fama verranno da soli. Ma questo è solo il sottoprodotto di anni e anni di applicazione.

25 - Gestire la varianza

I downswings fanno parte del gioco. Perdere in 10k, 30k o anche 100k mani oggi è possibile e non deve demoralizzarti: nel lungo periodo il tuo impegno verrà ripagato!

26 - Fare level down se necessario

Nessuno sceglie per te il livello da giocare. Fare level down non è motivo di vergogna ma di vanto: consolidare le proprie conoscenze per ripartire più forti di prima è un dovere in alcuni casi.

27 - Tablare responsabilmente

Provare a gestire 20 tavoli contemporaneamente è controproducente, salvo rari casi. È molto meglio concentrarsi su un numero inferiore di partite per giocare il tuo miglior poker: ad esempio, 6x può funzionare!

28 - Usare un HUD

L’hud è lo strumento più utile per un regular online: questo fornisce tutte le informazioni necessarie sui players seduti al tavolo con te e di conseguenza suggerisce le decisioni migliori. Ed è anche personalizzabile!

29 - Imparare a quittare

L’autocontrollo è tutto. Se uno spot perso ti ha fatto innervosire, non ti va di giocare o sei semplicemente stanco non è il momento adatto per iniziare la tua sessione. Ricorda che il tuo status si riflette ai tavoli!

30 - Controllare il tilt

Come per il punto precedente, la gestione emozionale ha un peso enorme durante una partita di poker. Un mindset di ferro è il primo alleato dei giocatori vincenti: devi mantenere la calma per essere un top winner!

31 - Condurre una vita sana

Mangiare cibi sani, esercitarsi regolarmente, dormire almeno 8 ore al giorno. Una player in forma ha tutte le carte in regola per essere un vincente.

32 - Giocare il proprio A game

Per ottenere risultati con costanza ai tavoli bisogna essere al top della condizione. Il mondo è pieno di giocatori pronti a tutto per guadagnare la fetta più grande della torta: servirà il tuo miglior gioco per vincere, sempre.

33 - Avere etica del lavoro

Per quanto qualcuno possa dire che non si tratti di una vera e propria professione, il poker è un lavoro a tutti gli effetti. Sei un imprenditore: guadagni in base al tempo che passi ai tavoli e alle scelte corrette che prendi con un click.

34 - Gestire il proprio tempo

Organizza ogni giornata in funzione dei tuoi impegni. Sapere quando e come fare una determinata attività influenza positivamente il tuo modus operandi.

35 - Avere pazienza

Non puoi aspettarti risultati magnifici in una settimana. Il poker è provare e riprovare sempre, sbattere la testa contro gli errori per diventare più bravi, fallire e ripartire. Questa è la chiave del successo: lavorare sodo e non arrendersi mai!

 

 

 

 

 

 



banner-calendario-tornei

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari