Wednesday, Dec. 19, 2018

Strategia

Scritto da:

|

il 27 Set 2018

|

 

Poker Strategy – La Triple Barrel Bluff secondo Jonathan Little

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

Poker Strategy – La Triple Barrel Bluff secondo Jonathan Little

Area

Vuoi approfondire?

In una delle sue ultime clip, Jonathan Little ha preso in esame uno spot (e una texture!) che si presta da esempio perfetto per capire quando come e perché effettuare una tripla puntata in bluff tra flop, turn e river.

Il coach americano fa riferimento a un torneo da 1.000$ di buy-in giocato da egli stesso. I blinds sono 50/100. Jonathan gioca con uno stack da 10.000 gettoni e decide di aprire a 300 da Utg+1 con KQ. Chiamano solamente cutoff e big blind, pari stack.

Il flop recita AJ3

Big blind checka, Little c-betta 500, cutoff passa, big blind chiama.

“Pur non avendo hittato nulla – spiega il Prof. – questa texture hitta molto di più il nostro range (con cui apriamo da early) rispetto a quello degli avversari. Detto questo abbiamo comunque gutshot e backdoor flush, elementi tutt’altro che da sottovalutare. Una bet di circa half pot è sicuramente l’opzione migliore.”

Il turn è un 4 che migliora decisamente l’equity di Jonathan. Big blind bussa, Little betta 1.400 (su pot da 1.950), big blind chiama ancora.

“Qui è importante selezionare accuratamente la size: bettare 1.000 o meno non ha troppo senso visto che rischiamo di tenere dentro troppe volte i suoi J-x. Puntando 3/4 pot restringiamo decisamente il range avversario e simuliamo di avere una mano intenta ad estrarre valore.”

Il 3 al river vanifica le speranze di Little di chiudere uno dei suoi due progetti. Ma a questo punto arrendersi non è necessariamente la scelta migliore, anzi…

“Il range di big blind qua è cappato su A-x. A essere pessimisti possiamo ipotizzare la sua best hand sia A-K, che talvolta deciderà di squeezare verosimilmente preflop e non passerà su questo river. Ma tutti gli altri Assi no kicker andranno in super difficoltà dinanzi a una big bet visto che nel range abbiamo sicuramente Assi migliori dei suoi, oltre alle combo di J-J che lui non ha praticamente mai. Inoltre, avendo in mano proprio K-Q, blockeriamo le possibilità lui abbia realmente un Asso forte. Se sapete che oppo è una calling station e non passerà mai nessun Asso, checkare back è ok. Ma in linea di massima la scelta migliore in questa situazione è puntare ancora, e completare così il triple barrel bluff”.

Little betta 3.900 su pot da 4.750, oppo passa.

“Ricordate sempre che dovete raccontare una storia credibile: rilanciando preflop e puntando su ogni strada da un lato ci polarizziamo, ma dall’altro mettiamo estrema pressione a un range cappato!”

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari