Wednesday, Nov. 21, 2018

Strategia

Scritto da:

|

il 8 Nov 2018

|

 

Jonathan Little torna in cattedra: “Ecco uno spot perfetto per bluff/catchare!”

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

Jonathan Little torna in cattedra: “Ecco uno spot perfetto per bluff/catchare!”

Area

Vuoi approfondire?

Torna la rubrica prodotta dal coach americano Jonathan Little, che in questa puntata analizza una perfetta situazione in cui mettere in atto il bluff catching.

Un errore che molti amatori commettono è quello di non porsi la domanda: “Da cosa posso estrarre valore?” Se la risposta è: “Da poco o nulla” è ovviamente proficuo bussare e indurre al bluff il nostro avversario.

Lo spot in esame è estrapolato da un 10.000$ 6-max delle WSOP giocato da Little nel 2016. Jonathan ha uno stack da 450.000 chips a T3.000 e apre a 7.500 con AJ da Utg. Chiama solamente un reg tight asiatica da middle position.

Il flop recita A34

Pur avendo hittato top pair, Little decide di checkare:

“Questa è una texture perfetta per mettersi in check/call all the way. Non ci sono troppi A-x che flattano da mp in un tavolo 6-max e non ci sono dunque combo da cui estrarre valore. Molto meglio bussare provando a indurre al bluff il nostro avversario. Oltretutto, checkando, avremo una strategia perfettamente bilanciata visto che potremo farlo sia con draw, sia con pocket pair sia, per l’appunto, con A-x.”

Oppo punta 7.000. Little chiama.

Il turn è un 9

“Il plan, a questo punto, è già ben definito. Dovremo per forza di cose check/chiamare nuovamente. Questa non è una carta fantastica poiché chiude colore, ma avendo noi il J blockeiamo tante combinazioni di flush del nostro avversario.”

Little check/calla la puntata a 18.000 del suo avversario.

Il river è un 7

Little bussa, oppo punta 42.000, Little chiama e si aggiudica lo spot alla vista del Q10 del suo avversario.

“Questo è una texture perfetta per spiegare al meglio il concetto di bluff catch. Se avessimo puntato al flop, qualche volta ci saremmo potuti trovare davanti a un call in floating, ma tante altre volte avremmo costretto al fold il nostro avversario… E non avremmo vinto praticamente nulla! Una volta tenuta questa linea è pressoché obbligatorio chiamare qualsiasi size scelga oppo al river (specie su quel river)!”

…tutto chiaro? 🙂

 

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari