Thursday, Aug. 21, 2014

Strategia

Scritto da:

|

il 13 mar 2012

|

con 21 Like

Vito “Invernomut0″ Planeta: come giocare i tornei Satellite

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Vito “Invernomut0″ Planeta: come giocare i tornei Satellite

Area

Vuoi approfondire?

Argomenti correlati

Il palinsesto dei tornei sulle varie poker room è sempre più ricco di una tipologia particolare di MTT: i Satelliti, ovvero i tornei che ci permettono di vincere la qualificazione ad un evento di maggiore importanza, di solito un torneo online dal buy-in elevato o un evento Live. Ma questi Satelliti vanno giocati allo stesso modo dei normali MTT Freezeout, o sono un capitolo a parte e vanno affrontati in modo diverso? Lo abbiamo domandato al Pro di Winga Poker Vito “Invernomut0″ Planeta, che di satelliti ne ha giocati davvero tanti… da una semplice chiacchierata è uscita una dissertazione tecnica davvero completa. Scopriamo insieme i consigli di “Invernomut0″!

Vito Planeta insieme a Rocco Palumbo e Carlotta Ceccatelli del Team Pro Winga

Il torneo MTT “Satellite” è una disciplina molto importante e soprattutto redditizia: per poterne trarre il massimo profitto, però, va studiata, al pari di altre modalità “non classiche” di torneo. Esattamente come gli MTT 6-max o Turbo, non si possono giocare come normali tornei Freezeout; anche i Satelliti hanno molte particolarità, e il nostro gioco deve essere adattato.

Questo è il principale motivo per cui i Satelliti sono estremamente proficui: la maggior parte dei giocatori, inclusi molto “skillati”, li giocano con lo stesso modus operandi di un normale torneo Freezeout, e questo è concettualmente sbagliato.

C’è un presupposto che sta alla base di tutte le considerazioni sui Satelliti: stiamo parlando di tornei che hanno una struttura WTA (Winner Takes All) o molto simile, con un payout chiuso e ristretto. In un torneo di tipo WTA, il valore delle chip non cambia in base allo stack proprio o altrui, non esiste più l’Independent Chip Model. Ogni chip ha lo stesso valore delle altre, quindi il cEV di ogni colpo è esattamente uguale al suo $EV, esattamente come nel Cash Game. Mano a mano che il pay-out del Satellite è diverso dal WTA puro (quindi ad esempio ci sono dei rimborsi al buy-in per un certo numero di classificati, oppure sono in palio 2 o più ticket, o entrambe le cose) le valutazioni da effettuare – in particolare nelle fasi finali – cambiano e sono sempre diverse al variare della struttura di pay-out.

Facendo un esempio, se in un MTT Freezeout mi trovassi a giocare tantissimi colpi al 53% di equity, a lungo termine risulterei un giocatore che perde soldi, a causa delle differenze tra cEV e $EV. Se invece giocassi tantissimi colpi al 53% in un tavolo Cash Game, a lungo termine vincerei del denaro, e questo è ciò che accade anche nei Satelliti WTA.

Il primo punto fondamentale è proprio quello di giocare fino in fondo molte mani in abbiamo un margine di equity risicato ma positivo, spot che in un normale MTT saremmo obbligati a “missare”.

Come in ogni disciplina del poker bisogna conoscere le caratteristiche degli avversari al nostro tavolo; in questo caso però dobbiamo fare un discrimine fondamentale, ovvero individuare quali giocatori sanno interpretare bene la modalità Satellite, e quali invece stanno giocando come in un normalissimo torneo Freezeout.

La fase più caratteristica di questi tornei è senza dubbio quella di “bolla“, che spesso si svolge al tavolo finale. La bolla di un Satellite è un concetto estremo, o tutto o niente, e va giocata di conseguenza, aggredendo davvero tantissimo.

Se il Satellite è un WTA puro, dimentichiamoci tutti i concetti validi per i freezeout; in quest’ultimo, da chipleader,  bulleremmo senza pietà soprattutto il secondo e il terzo stack al tavolo, soprattutto se li vediamo anche leggermente scared. In un WTA dobbiamo essere consci che il nostro avversario di turno, se ha capito la modalità, non avrà nessun timore ad andare ai resti se riterrà di avere anche un minimo di cEV positivo. Inoltre, gli short stack in un freezeout normale hanno comunque dei range di push/call/resteal che dobbiamo dimenticare totalmente in un WTA: saranno molto più larghi, e dovremo tenerne conto.

Se il Satellite invece non è un WTA puro ma, ad esempio, si assegnano 3 ticket, le logiche cambiano radicalmente, e addirittura si capovolgono. Se ci troviamo ad essere chipleader del tavolo finale dobbiamo repushare quasi ATC sugli altri big stack del tavolo, esercitando tantissima fold equity dato che loro non vorranno compromettere un successo ormai vicino. Chi ha familiarità con i Sit’n Go troverà abbastanza semplice approcciare queste fasi, mentre chi ha sempre praticato gli MTT classici deve fare un grosso sforzo di adattamento.

Capitolo a parte sono i Satelliti con pay-out che io chiamo “flat allargato”; ad esempio, € 10 buy-in e 10 ticket da € 100. Qui la fase decisiva è il “pre-bolla”, dove dovremo essere di volta in volta iper-aggressivi o iper-conservativi, in relazione alla posizione, allo stack, agli stack susseguenti e alla percezione che abbiamo del grado di conoscenza da parte del/degli oppo della formula Satellite.

Questo tipo di satelliti, nella fase early e middle stage vanno giocati in maniera abbastanza simile ai Freezeout classici, se non addirittura più tight; non abbiamo infatti un pay-out ristretto, e faremo valere la nostra edge nella fase pre-bolla. Se poi il pay-out è particolarmente largo (p. es.: 20% degli iscritti), il concetto si estremizza ancora di più: io considero quest’ultimo tipo di satelliti una disciplina a parte, paragonabile più ai Sit’n Go che agli MTT.

Quindi, ricapitolando:

  • Individuare quali avversari al tavolo stanno giocando “freeze-out mode” e quali “satellite-mode” e regolarsi di conseguenza.
  • Fase early e mid-stage tanto più aggressiva quanto più ristretto è il pay-out.
  • Fase late-stage da gestire tenendo conto del payout, delle condizioni di stack nostre e degli avversari e della loro padronanza della formula Satellite.

Il mio personale suggerimento è molto semplice: giocate tantissimi satelliti! Sono una disciplina divertente, stimolante e molto tecnica, e soprattutto c’è molta più dead money rispetto agli MTT Freezeout. Giocate i satelliti per gli eventi online, e anche quelli per i tornei Live, tenendo sempre presente che non sarete obbligati a giocare l’evento: quando si vince un Satellite è meglio fare subito cashout del ticket, convertirlo in denaro, e poi valutare se si vuole giocare veramente quel torneo o se è meglio lasciare il denaro nel bankroll o investirlo in altro.

Vito “Invernomut0″ Planeta



ps-ipad

Articoli correlati

Diventa nostro fan su Facebook, e ricevi i nostri aggiornamenti!

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari