Sunday, Jul. 22, 2018

Poker Live

Scritto da:

|

il 11 Lug 2018

|

 

WSOP – Che call per Jeff Trudeau! Con ‘Ace High’ elimina Levinskas nel Day 6 del Main Event

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

WSOP – Che call per Jeff Trudeau! Con ‘Ace High’ elimina Levinskas nel Day 6 del Main Event

Area

Vuoi approfondire?

Ci sta regalando un grandissimo spettacolo il Main Event delle World Series of Poker, che stanotte ha visto consumarsi il Day 6.

C’è una mano in particolare che in queste ore ha già fatto il giro della rete. Il protagonista si chiama Jeff Trudeau ed è un giovane grinder della Florida che si è inventato un hero call da paura nel momento più importante della sua carriera.

Tuffiamoci subito nell’action del colpo… Siamo nel 27esimo livello del Main Event con i bui saliti a 40-80k e ante 10k. Jeff Trudeau rilancia da early position e il lituano Laurynas Levinskas chiama dal bottone.

Flop 562. Trudeau checka fuori posizione e Levinskas punta quasi il piatto. Trudeau chiama.

Turn K. Trudeau checka e Levinskas punta 930.000 pezzi, di nuovo quasi il piatto. Trudeau ci mette un paio di minuti prima di chiamare.

River Q. Trudeau checka per l’ultima volta e Levinskas ci mette una ventina di secondi prima di pushare 3.300.000 chips. Trudeau ci pensa un minutino e chiama.

Allo showdown Levinskas gira 87 contro AJ di Trudeau! Levinskas esce al 79° posto incassando 91.610 dollari mentre Trudeau vola al secondo posto del count e scrive su Twitter:

 

 

Ci hanno pensato poi i colleghi di PokerNews (che ringraziamo anche per le immagini) a intervistare Trudeau e a chiedergli il suo thinking process della mano.

Trudeau ha chiarito il perché delle sue scelte su ogni street. Sul flop dice: “Non so, penso che avrebbe puntato di meno con una mano di valore. Gli ho fatto un draw“.

Sul turn spiega: “Ha puntato di nuovo quasi il pot e si è polarizzato ancor di più. Al turn è scesa un’altra carta di picche e quindi l’ho fatto ancora in draw. Se avesse avuto un set o qualcosa come K-Q avrebbe puntato meno per ricavare valore da assi oppure coppie di 8, 9 o 10. Perciò ho chiamato“.

E veniamo al river: “Di nuovo ho pensato che avrebbe investito meno con mani di valore. Gli ho fatto qualcosa come 89 o 7-8 suited o 10-J suited. Ho seguito le mie sensazioni e gli ho assegnato più bluff che mani di valore. Così ho chiamato“.

Trudeau aggiunge: “Questo è probabilmente il più importante piatto che io abbia mai giocato“. Eccolo in video:

 

 

Il 24enne Trudeau, regular della Florida, fino alla settimana scorsa vantava 875mila dollari di vincite in tornei live. Ora ha già ottenuto il suo best cash e sogna in grande a 26 left nel Main Event delle WSOP… È attualmente tra i più corti del count, però. Ci vorrà qualche altra giocata eroica per recuperare terreno.

 

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari