Sunday, Jul. 22, 2018

Poker Live

Scritto da:

|

il 12 Lug 2018

|

 

WSOP Main Event – I profili dei ‘fabulous’ 9!

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

WSOP Main Event – I profili dei ‘fabulous’ 9!

Area

Vuoi approfondire?

Un tempo li chiamavano ‘November 9’, in virtù di un Final Table fissato a cento giorni di distanza dalla chiusura del Day7.

In questo 2018 – così come lo scorso anno – nessuna interminabile attesa.  Tutt’altro. Ai 9 finalisti del torneo più prestigioso al mondo non verranno concessi nemmeno i 3 canonici giorni di break per prepararsi al meglio: alle 17:30 ore locali (le 01:30 di questa notte in Italia), avverrà lo Shuffle Up And Deal del final table milionario che eleggerà il nuovo campione del mondo di poker.

Dopo lo spot da fantascienza che ha sancito l’eliminazione in decima piazza di Yueqi Zhu, vi presentiamo, nel dettaglio, il portfolio dei 9 candidati eredi di Scott Blumstein.

Artem Metalidi – 15.475.000

Uno dei due europei ancora in gara è giocatore dal pedigree notevole: professionista con oltre 2.000.000$ di vincite in tornei live, sublimate da un secondo posto nell’evento #23 (un 3.000$ 6-max) delle WSOP 2012 che gli valse 350.806$, suo best result monetario in carriera. Nonostante i solo 25 blinds a disposizione, il 29enne di Kiev sembra essere discretamente confident: “Nella mia testa sono il più forte dei 9” ha dichiarato a caldo ai microfoni di Poker Central.

John Cynn – 37.075.000

944.766$ di vincite in tornei live, ma ben 650.000$ di questi derivano dall’11° posto… nel Main Event WSOP 2016! Ebbene sì, a soli 2 anni di distanza, John è riuscito a entrare nella magica elite dei 9 contendenti al titolo, a testimonianza che le WSOP,  sono casa sua. Americano di chiare origini asiatiche, John vanta oltre 10 ITM alle World Series. Prima di quell’incredibile shot, non risultano esserci particolari acuti. Da allora, il suo impegno ai tavoli è inevitabilmente aumentato e i risultati paiono decisamente soddisfacenti…

Alex Lynskey – 29.925.000

Nato a Melbourne e cresciuto al Crown Casino, Alex è un professionista australiano da 1.769.666$ di vincite in MTT live. Lo scorso anno chiuse runner-up il “The Marathon” da 2.620$ per un premio da 426.663$, lo shot più importante della sua giovane, ma già ricchissima carriera.

Tony Miles – 42.750.000

Eccoci dinanzi al primo vero ‘Carneade’ del Final Table: Tony è senza ombra di dubbio un giocatore ricreazionale, visto che prima dell’approdo a Vegas in questa estate 2018 aveva collezionato appena 38.000$ di vincite in tornei live. 2 ITM in queste WSOP e un 10° posto da 10.000$ al 570$ del Golden Nugget appena 2 settimane fa gli avevano permesso di superare quota 50k di vincite. Chissà che proprio grazie a quella vincita non abbia deciso di schierarsi al Main Event…

Nicolas Manion – 112.775.000

Foldare i cowboys nell’ultima mano del Day6 e chiudere il Day7 vincendo un pot da 112.000.000 di chips con A-A contro K-K e K-K. Signori, se c’è un predestinato per questo Main Event questi è senza ombra di dubbio il 35enne Nicolas Manion, chipleader del tavolo. Hendonmob non fornisce alcuna info sul suo conto. Documentandoci più approfonditamente, ma senza avere certezza assoluta, dovremmo trovarci dinanzi a un player che gioca gli small stakes online e conta circa 15.000$ di vincite in MTT Live.

Aram Zobian – 18.875.000

Il più classico dei Reg di circuiti minori. In carriera Aram è riuscito a mettersi in tasca 110.000$, ma circa la metà di questi sono frutto di un recente shot (runner-up per 47.000$ in un evento giocato nell’Indiana). Chipleader a inizio Day7, ripartirà 7/9 con circa 30bb a disposizione.

Michael Dyer – 109.175.000

E’ uno dei profili più curiosi, una delle storie più surreali di questo Main Event.

Un ottavo posto da 65.000$ in un evento WSOP del lontano 2009, poi, il nulla. 32 anni da Houston, Dyer ha dichiarato di essersi ripresentato al RIO dopo circa un anno senza poker: “Gioco le mie carte e quel che capita, capita”.

Joe Cada – 23.675.000

In questo caso non servono presentazioni: siamo di fronte al Main Event Champion del 2009. A 21 anni appena compiuti detiene ancora oggi il record come giocatore più giovane di sempre a vincere il torneo dei tornei.

In questi anni sono stato bustato diverse volte nel Main Event e quindi ho molta più esperienza. Ho giocato molto seriamente in questi giorni. A un certo punto del torneo mi sono ritrovato con appena 9.000 chips ma non ho mollato. Ho avuto circa un quinto dell’average per tutto il torneo“.

Ah, e per chi l’avesse missato, ricordiamo che 24 ore prima di sedersi al Day1C, Joe riusciva a mettersi al polso il terzo braccialetto in carriera.

Antoine Labat – 8.050.000

A poche ore dalla finale della Coppa del Mondo, un francese scende in campo a Las Vegas. Antonine, 194.000$ di vincite in carriera, frutto di una sequela di bandierine piazzate nel vecchio continente, proverà a risorgere dopo il terribile contro contro Manion che gli è costato oltre il 90% dello stack. Ripartirà con meno di 10 bui.

Il payout:

1st – $8,800,000
2nd – $5,000,000
3rd – $3,750,000
4th – $2,825,000
5th – $2,150,000
6th – $1,800,000
7th – $1,500,000
8th – $1,250,000
9th – $1,000,000

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari