Tuesday, Jul. 16, 2019

Scritto da:

|

il 6 Lug 2010

|

 

Sull’acqua nel deserto

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

Sull’acqua nel deserto

Area

Qualche giorno fa Dario Alioto e Marco Wegher erano andati a fare una gita sulle moto d’acqua; se n’era parlato tanto di questa esperienza e mi ero ripromesso di seguire il gruppo nella prossima eventualità.

Ieri sera sul mio facebook trovo il messaggio privato di Alioto: “domani jetski al lago, puntuale alle 10 in villa!”.

Nonostante il sonno, e la stanchezza, ci tenevo a fare questa esperienza quindi alle dieci sono in villa, e si parte; il team Sisal schiera nel lago Rebel, Guerra (e consorte), Alioto (e consorte) e Galb; rubyn blogga. In un continente diverso dal tuo, ogni viaggio è da guardare attraverso il finestrino, così in America passiamo per il classico paesino di poca importanza.

Stiamo andando al “lago”, Alioto, Rebel e Galb arrivano in Mustang.

Al porto si possono vedere dei pescigatto di dimensioni notevoli; e se provi a dargli una patatina, diventano mille.

Saranno pure grandi, ma chissà quante schifezze americane mangiano.

Ok, ci siamo; avevamo appuntamento, e non sono mancati, con Dario Minieri, Alessio Isaia, Claudio Rinaldi e Pier Paolo Fabbretti.

Saliamo in barca.


Prendiamo otto moto d’acqua e una barca, e ci alterniamo vicendevolmente sulle moto e la barca, essendo dodici persone.

Io salgo sulla moto.

Ci troviamo a Lake Mead, il lago Mead, il più grande lago artificiale degli Stati Uniti che si trova a circa 50 Km di Las Vegas.

Possiamo andare dove vogliamo, ma vi assicuro che è davvero immenso: abbiamo preso la barca come punto di riferimento raccomandandoci di non allontanarci da questa.

Per darvi un’idea, questa è la mappa; fate conto che per percorrere tutto il lago servono almeno 2 ore no stop di moto.

Il paesaggio è variante, a montagne e rocce di ogni tipo si alternano orizzonti sconfinati che solo le immagini possono raccontare.

Questa volta scelgo di bloggare in extremis: mi faccio passare la macchina fotografica (una reflex da 500 euro, ho rischiato!) sulla moto, e la porto con me durante il viaggio, per regalarvi parte di ciò che ho visto.

Qualche esperto sostiene che il lago sparirà fra vent’anni perchè il livello dell’acqua è in costante discesa; potete notarlo dall’erosione sulla roccia, lo stacco fra i colori.

Intanto, qui rimane un paesaggio stupendo.

Lo svizzero al volante, Isaia dietro.

Dario Alioto e Maurizio Guerra

Paola Calvaruso e Gabriele Lepore

Emanuele Marzano detto Rebel

rubyn, cioè io

Esperienza fantastica, ma giornata indimenticabile anche grazie ad Isaia che distrugge l’imbarcazione.

E’ andata più o meno così: oggi c’erano Isaia, uno svizzero, e uno con la sciarpa della roma.

Ad un certo punto torniamo e troviamo Isaia che ride e la barca distrutta.

Praticamente Alessio si è lanciato contro la barca son la sua moto, sfondandola; nel frattempo Swissy Rinaldi stava cedendo il timone a Dario Minieri, quindi la collision è stata assecondata ed inevitabile.

Nessuno si è fatto male, ma la moto di Isaia è entrata nel motore, distruggendolo.

Chiamiamo la polizia, trainano la barca, e ci dicono “You’ve just bought a boat!“, cioè, avete appena comprato una barca; il danno è talmente elevato che il costo è equiparabile al valore della barca stessa.

Minieri e Isaia scendono dalla barca, e Dario infierisce ridendo sul danno.

La banda del buco

Rebel, Guerra e Alioto

Torniamo, entriamo al ristorante a mangiare mentre Minieri e Isaia parlano con la polizia; durante il pranzo entra Alessio: “Ragazzi, ho comprato la barca. Ottomila euro. Però poi gliela ho rivenduta per 2800.”

Ma è stata epica la conversazione fra Isaia e il taxista; questo posto si trova fuori Vegas, una mezz’oretta di macchina; Isaia, Minieri, Swissy e Fabbretti devono tornare.

Isaia prenota il taxi.
Taxista: “Arrivare a Las Vegas non costa poco.”

Isaia: “Ho appena comprato una barca.

Las Vegas, dal nostro inviato Gianvito Rubino
IPC@WSOP2010 © Riproduzione vietata

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari