Conosciamo i Magnifici 8 – Intervista con Alberto Iacomucci | Italiapokerclub

Tuesday, Jun. 2, 2020

Scritto da:

|

il 16 Apr 2010

|

 

Conosciamo i Magnifici 8 – Intervista con Alberto Iacomucci

Area

Siamo arrivati all’epilogo di questa maratona che da un anno ha messo di fronte molti giocatori online e live nei circoli Italian Rounders: dopo la finale di Campione sono finalmente stati selezionati “I Magnifici 8“, 8 giocatori che si aggiudicano un contratto di sponsorizzazione con Poker Club che permetterà loro di viaggiare a Las Vegas per giocare uno dei tornei delle WSOP e di avere i buy-in pagati per le prossime tappe del Campionato Italiano di Lottomatica.
Gli 8 vincitori sono: Mattia Biancolino, Nicola Marongiu, Paolo Gobetti, Alberto Iacomucci, Giuseppe Palladino, Giuseppe Sabatino, Claudio Pittalis e Mirko Saligari. Oggi andiamo a conoscere meglio Alberto Iacomucci, secondo classificato al final table.

Alberto parlaci un pò di te

Mi chiamo Alberto Iacomucci, chiamato da tutti Beciu, Vivo a Pesaro da 32 anni, nato il 26/06/1977. Gioco online su Eurobet.it circa 1 ora al giorno e il mio nick name è beciuit, vinco regolarmente giocando tornei da 15 persone con max buy in da 20 euro.

Divento geometra nel 1996 per circa 10 anni lavoro in vari studi tecnici ma la mia passione per la borsa mi porta a diventare consulente finanziario nel 2007; infatti dopo l’aver conosciuto via internet tra il 2003 e il 2007 molte persone con la mia stessa passione per i mercati finanziari, consigliai loro di acquistare alcune azioni le quali nel giro di 18 mesi triplicarono il loro valore, negli anni successivi le stesse persone mi hanno proposto di essere il loro consulente di borsa ed io ho fatto diventare il mio hobby la mia attuale professione.

Oltre il mio lavoro ho coltivato la mia più grande passione per la pallacanestro facendo l’arbitro di basket dall’età di 17 anni e tutt’ora la svolgo nei campionati di C2 Regionali. Il mio traguardo massimo è stato la C1 Nazionale ma nel 2007, dopo l’ennesimo sgambetto fatto dalla federazione, ho dato le dimissione e fatto iniziare il famoso scandalo della pallacanestro con una lettera di 6 pagine, da li a poco tempo la lettera fece il giro d’Italia è nell’Aprile 2009 scoppio il caso comunemente denominato dalla stampa Baskettopoli, grazie appunto alla mia denuncia.

Come hai iniziato a giocare a Poker?

Più indietro nel 1985 all’età di 8 anni, mi ruppi una gamba e tra i corridoi degli ospedali stando a contatto con un sacco di vecchietti imparai un sacco di giochi soprattutto con le carte, tra i quali il poker a 5 carte. Negli anni questa passione aumentò fino alla fine degli anni 90, quando conobbi la famosa texana che chiaramente si giocava solamente on line in modalità cash game, in siti esteri!

Vedendo che aria tirava preferivo il gioco a 5 carte perché cash game si spendeva troppo e di solito chi giocava con molti soldi al tavolo riusciva sempre a spuntarla facendo sempre grosse puntate. Nel settembre 2008 finalmente inizia per me il vero gioco live, ormai il texas Hold’em diventa una moda in Italia e sento parlare del circolo carpediem di borgo massano (Pesaro), dove al ristorante “Il Cavaliere” di Arduini Luca (tra i finalisti a Campione D’Italia, si è piazzato 15esimo) giocano 2 volte a settimana tornei live.

Per curiosità io è il mio amico Andrea Medri andiamo a giocare, primo torneo live della mia vita arrivo subito secondo su 42 persone! Nel 2009 parte la nuova annata di poker al circolo ma quell’anno c’è una bella sorpresa organizzata da Italian runders, ogni 2 mesi giocando nei singoli circoli provinciali si partecipa ad una classifica speciale che permette di qualificarsi per le fasi regionali di un torneo nazionale che avrebbe sancito la vittoria finale di 8 giocatori, i magnifici 8!

Per una serie di eventi mi qualifico per la fase regionale nel Bimestre Luglio Agosto 2009, perché molti non possono partecipare e il mio amico Andrea Medri che arriva prima di me deve rifiutare la regionale perché è in Sicilia in vacanza.

Prendo il suo posto come ultimo posto disponibile, ma ci sono da pagare 66 euro ed io che non ho mai giocato più di 20 euro di buy in al tavolo verde, dico che preferisco non partecipare… il presidente Arduini riesce in qualche modo a farmi andare alla regionale gratis e inizia la mia avventura “ai magnifici 8”.

Alle Regionali di Martinsicuro mi qualifico tra i primi sette e accedo alle semifinali nazionali di saint vincent del 10 di ottobre 2009! La semifinale viene vinta da un certo Palladino Giuseppe un asso del poker, io mi piazzo lontano al 17esimo posto ma buono per qualificarmi alla finalissima di Campione d’Italia per provare a strappare il ticket per las vegas!!! Un sogno troppo distante per puntarci!

Parlaci del tuo torneo di Campione.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Inizio il torneo subito forte vinco le prime 4 mani del mio tavolo, ma dopo un ora di gioco con i Bui a 75/150 arriva la mano che ha deciso il torneo: alzo le carte il dealer mi serve una coppia di 4, sono in cattiva posizione ma decido, forte delle mie chip (23mila) di fare un sostanzioso raise di 800 per vedere i miei avversari cosa hanno, tutti fold tranne un call del giocatore più chiuso al tavolo che non aveva mai giocato.

In mano gli faccio due carte forti ma al flop il dealer fa uscire 4c Qc 2f… tris subito al flop e qui 1 minuto per pensare a come giocare questa mano. Avevo tris sicuramente il punto più alto, ma c’erano 2 cuori in tavola e la donna e allora faccio un bet di 1000… lui re-raise di 3000… a quel punto in mano gli faccio 2 combinazioni, o 2 cuori o asso donna. Se ha asso donna ho quasi vinto, se faccio all in mi viene a vedere e lo butto fuori… se invece ha 4 quinti di colore se faccio all in mi rispetta e se ne va, o almeno pensavo. Vado allin e lui fa call con Asso Kappa di Cuori!!!!!! Piatto da oltre 45mila chip Turn 6 di Picche…. River 2 di Picche… fullhouse di 4 con i 2!!!!!

Da li in avanti sono stato chip leader fino a quanto non siamo rimasti in 20 con lo stack sempre superiore all’avarage. Ho commesso qualche errore ma alla fine l’ho spuntata e sono arrivato tra i primi 10 che si sono contesi il tavolo finale il giorno dopo.

Una notte piuttosto insonne quella tra l’8 e il 9 aprile, ma alle 15 siamo di nuovo sul panno verde e nel giro di un ora ci sono i due eliminati che sanciscono i magnifici 8; merita attenzione l’uscita della bolla che aveva giocato benissimo fino a quel momento ma forse un momento di stanchezza gli ha offuscato la ragione in quanto colla un all in con asso 6 off, Nicola gira asso donna e al flop chiude subito la scala!!

Siamo rimasti in 8, Mattia chip leader indiscusso, io rimango corto ma l’obbiettivo è stato centrato, al tavolo finale senza togliere nulla a nessuno ci sono 2 forti campioni, il provocatore Paolo Gobetti, un leader, ho giocato con lui mezzo torneo è ho capito quanto io sia indietro nei suoi confronti come giocatore, la cosa più bella è che trasmette vitalità ed io grazie a lui mi sono divertito tantissimo, senza di lui non sarebbe stata la stessa cosa al tavolo finale… uno show man che ha promesso che a Las Vegas si sposerà!!!! Siamo tutti invitati ovviamente….

Il secondo giocatore di cui parlare è Palladino Giuseppe, un giocatore che oltre a saper molto giocare fa paura, ti trasmette forza da tutti i pori, serissimo non accenna mai ad un sorriso o ad una battuta, dietro i suoi occhiali c’è uno sguardo freddo che minaccia sempre! Credo che il giocatore più forte al tavolo sia stato proprio Giuseppe Palladino ma per i miei gusti lo scettro di miglior giocatore nel complesso spetta a Paolone Gobetti. E’ stato bellissimo vederli giocare insieme, 2 veri campioni che mi hanno insegnato tanto in 2 giorni di poker!

Quale è il tuo stile di gioco?

Il mio stile di gioco non esiste, è proprio quello il mio punto forza credo, conto molto le probabilità e leggo molto bene le carte dell’avversario, i miei punti critici sono le puntate, sparo sempre alto quando ho il punto e molte volte raccolgo poco! Devo dire però che i giocatori mi hanno sempre rispettato simbolo che il mio modo di giocare aggressivo ha destato preoccupazioni in loro.

Prossimi obiettivi?

L’unico obiettivo per il futuro è continuare a divertirmi giocando a poker, guadagnare con il mio lavoro, finire i lavori appena iniziati nella mia nuova casa e prossimamente formarmi una famiglia con mia attuale ragazza. Per il momento gustiamoci Las Vegas e speriamo che qualcuno della squadra di poker club vinca qualche bel premio!!

Visita il Sito di Poker Club per saperne di più

570x90_2

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari