Sunday, Oct. 20, 2019

Poker Online

Scritto da:

|

il 7 Nov 2016

|

 

Luca Cristantielli, campione ICOOP PLO Turbo: “Il cash game al casinò era noioso, così ho aperto quel torneo”

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

Luca Cristantielli, campione ICOOP PLO Turbo: “Il cash game al casinò era noioso, così ho aperto quel torneo”

Area

Vuoi approfondire?

Un titolo che è nato dalla noia.

Più o meno è andata così la serata di Luca ‘LiuckCrista’ Cristantielli, neo campione italiano dell’evento PLO Deepstack Turbo da 100 euro, il quale ha giocato il torneo dal Casinò di Campione d’Italia, nel bel mezzo di una partita di cash game.

“La sensazione provata – ci ha raccontato Lucaè stata simile a quella provata quando ho vinto l’anello del WSOP Circuit. Ero nello stesso luogo, stavo giocando una 2/5 di hold’em e ho deciso di aprire il torneo in quanto la partita era un po’ noiosa. Una volta arrivato al tavolo finale si è formata una curva da stadio dietro di me, addirittura il floorman si è raccomandato di non fare troppo casino in caso di vittoria (ride). Dopo avercela fatta, ho abbracciato solamente un amico e offerto una cena notturna a Claudio Rinaldi…”.

Chiaramente ha runnato bene per riuscire a centrare il titolo, ma è stata fondamentale anche un po’ di audacia.

“Di colpi ne ho giocati parecchi, ma non ne ricordo qualcuno particolare. Ho fatto tre/quattro tuffi e per fortuna non mi hanno mai callato. Già a 15/16 left pensavo di vincerlo, ero chipleader, con un tavolo molto facile, raisavo e tutti passavano. Ho incrementato talmente lo stack che a inizio del final table avevo il doppio delle chips rispetto al secondo”.

Cristantielli non fa dell’online il suo pane quotidiano, si guadagna da vivere, infatti, col cash game live.

“Il mio nickname non si vede spesso, è vero. Qualche anno fa grindavo seriamente, ma non fa per me. Non che non vincessi, però non era lo stile di vita che volevo. Ora gioco tre tornei all’anno su PokerStars, il Sunday Million e qualcuno di omaha. Gioco comunque di professione, praticamente tutti i giorni live al Casinò di Campione: 1/2, 2/5 di hold’em e 5/5 di omaha. Il mio main game è il cash, però qualche shot in mtt l’ho fatto, tra Barracudas e WSOP Circuit, dove nel 2015 vinsi l’evento di omaha. Preferisco di gran lunga il cash game, troppo stress negli mtt!”.

Gli avversari possono dormire sonni tranquilli, Luca non ha idea di lottare per la leaderboard dell’ICOOP.

“Non mi interessa molto, non so nemmeno cosa vince il primo. Di sicuro non mi metto ora a grindare gli eventi. Giocherò il 150€ KO di omaha e l’heads up di PLO… sono davvero molto pigro”.

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari