Tuesday, Aug. 4, 2020

Poker Online

Scritto da:

|

il 29 Nov 2016

|

 

Rino Fusco vince il terzo Explosive del 2016: “Gioco solo mtt che mi stimolano e tablo massimo 9x”

Rino Fusco vince il terzo Explosive del 2016: “Gioco solo mtt che mi stimolano e tablo massimo 9x”

Area

Vuoi approfondire?

Non è un amante di Facebook, ma l’ennesimo successo ottenuto quest’anno non poteva non comunicarlo.

explosiveI quasi 5.000€ dell’Explosive Sunday iPoker, infatti, se li è aggiudicati il pro napoletano Rino ‘zicchillo88’ Fusco, che abbiamo sentito telefonicamente poco fa.

“E’ diventato il mio torneo preferito – ha commentato con la pacatezza che lo contraddistingue Rinocredo infatti di averlo vinto sei o sette volte in carriera, di cui tre solo quest’anno. Prima che lo togliessero, un record simile lo avevo ottenuto con l’Eldorado…”.

Un mix di fattori, chiaramente, ha favorito la performance di Fusco, che non ha avuto particolari noie al final table.

“La struttura è molto buona, in più in questo torneo il field è ben delineato: oltre ai regular, infatti, ci sono veri e propri occasionali decisamente poco preparati. La fase finale, ieri, è stata piuttosto semplice, ho potuto gestire una netta chiplead che mi ha permesso di non avere grosse sorprese fino alla fine. E’ stata interessante una mano contro Angelo Mirabella a 18 left, ragazzo che stimo solo come player visto quello che ha fatto e continua a fare”.

Con Fusco abbiamo toccato il discorso sulle problematiche che affliggono, purtroppo, il poker nostrano.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

“Non vedo molte soluzioni, l’unica, che però credo impossibile da attuare per stoppare il multiaccount e altri tipi di collusion, sarebbe quella di confiscare i fondi. Persi i soldi sul conto una volta, uno ci pensa bene prima di continuare ad agire illegalmente, magari aprendo un nuovo account. Su PokerStars, dato che gira più denaro, il problema è più frequente, ma è anche vero che c’è un maggiore controllo da parte della security. E’ infatti molto complesso che accadano casi di collusion in tornei di rilievo, perché questi sono attenzionati. Sugli altri circuiti, invece, è più frequente che venga fatto account sharing, in alcuni casi a causa di eccessiva leggerezza. Tutto ciò dà fastidio, ma è impossibile quantificare quanto tali pratiche scorrette influiscano sul profit annuale”.

Rino è un grinder sui generis, di certo non un ‘cliccatore bot-style’. Predilige la qualità e il focus.

“Non ho problemi di roll, quindi gioco solamente quei giorni in cui sono motivato e ho voglia. Grindo quando su PokerStars ci sono gli mtt da 250€, quindi tre/quattro sere alla settimana. Mi schiero solamente a mtt da 50€, 100€ e 250€ e non tablo più di 7x/9x. Per fare bene devo giocare tornei che mi stimolino, anche se hanno un field più piccolo ma difficile. Non avendo problemi di bankroll, appunto, so che long term sarò vincente. Quest’anno i primi tre mesi sono stati ottimi, discorso diverso da aprile a giugno, poi le cose sono tornate a posto. Attualmente credo che un atteso buono sul punto it sia di 50.000€ annui, cifra ottenibile con sforzi non eccessivi”.

Nel suo futuro prossimo non c’è aria di punto com, perché ha una vita stabile in Campania, con la fidanzata che lavora e una convivenza alle porte.

“No, per adesso non è un passo fattibile. Tra un mese infatti andremo a convivere, in più ho una nipote che voglio veder crescere. Mi piacerebbe fare qualche live, ma logisticamente Napoli è abbastanza scomoda. Lo farei soprattutto per vedere i pochi amici che ho nel mondo del poker. Non mi piace comunque l’aria che si respira nei grandi eventi, c’è abbastanza falsità, gente che si scanna su Facebook e poi si riappacifica in un amen come se nulla fosse successo quando si incontra. In chiusura, ci terrei a salutare gli sciacalli Andrea Mavaro e Filippo Carandente”.

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari