Wednesday, Aug. 21, 2019

Poker Live

Scritto da:

|

il 18 Gen 2019

|

 

Andrea Benelli al rientro dalle Bahamas: “Il Championship? Nessun rammarico, penso di aver giocato alla grande”

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

Andrea Benelli al rientro dalle Bahamas: “Il Championship? Nessun rammarico, penso di aver giocato alla grande”

Area

Vuoi approfondire?

67° per 56.800$.

Al suo primo torneo da 25.000$ di buy-in Andrea Benelli si è fatto valere. Il player toscano, che aveva conquistato il pass chiudendo runner-up l’IPO by PokerStars del gennaio scorso, sta rientrando in Italia in queste ore.

Dopo il Poker Players Championship, Benelli si è disimpegnato senza fortuna anche al Main Event, ma nel tirare le somme Andrea sembra decisamente soddisfatto.

“Giocare un torneo con un buy-in del genere non è roba da tutti i giorni, ma sono davvero contento di come l’ho affrontato. Penso di aver fatto un ottimo torneo. L’unico rammarico è legato a uno spot in cui ho difeso da big blind con 8-9 e al river non ho trovato la forza di chiamare in puro bluff catch contro un avversario che ha overshovato 220k su pot da 180. Non ci fosse stato lo shot clock forse avrei trovato la forza per il call e in quel caso sarebbe cambiato tutto il mio torneo visto che avrei toccato quota 1.000.000 a T20.000. Per il resto non ho davvero alcun rimpianto.”

Benelli, ritrovatosi al TV table per ben 2 volte, pare non aver minimamente sofferto le telecamere:

“Ho sempre preso le decisioni giuste. Quando si è lì – confessa – è impossibile non pensare ai 5.000.000$ di primo premio; ci speravo veramente tanto, ma si sa, i tornei son così.”

Lo Shuffle Up And Deal del grande evento

Nel Day3, Andrea si ritrova in un tavolo lontano dai riflettori e le cose sembrano andare ancor meglio, ma un doppio gancio inflittogli dal poi terzo classificato Marc Rivera lo condanna all’eliminazione:

“Quello è stato il tavolo più bello in assoluto, un redraw da sogno. Penso che un tavolo così facile non esisteva: fatta eccezione per Sam Greenwood, tra l’altro uscito dopo sole 3 orbite di gioco, non c’era alcun player di livello ed ero certo di poter dire la mia. Era filato tutto liscio, ma dopo aver perso un colpo son stato costretto a giocarmele tutte con K-Q suited: purtroppo per me oppo, che mi aveva già preso una buona parte di stack, aveva soltanto coppia di Kappa…!”

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari