Wednesday, Aug. 21, 2019

Poker Live

Scritto da:

|

il 2 Mag 2019

|

 

Giuseppe Caridi e la picca nell’EPT Cup: ho spento il final table in 30 minuti

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

Giuseppe Caridi e la picca nell’EPT Cup: ho spento il final table in 30 minuti

Area

Vuoi approfondire?

Italia protagonista all‘EPT Montecarlo by Pokerstars e una parte del merito va sicuramente a Giuseppe Caridi. Il player calabrese ha sbaragliato la concorrenza nell’EPT Cup vincendo la sua prima picca nel circuito.

Così abbiamo colto l’occasione per contattarlo e parlare con lui di questa grande impresa. E non può che essere raggiante il buon “Cucciolo“, dopo aver sbancato in terra monegasca.

E’ un’emozione incredibile, attacca Giuseppe. Vincere in questo circuito ti regala sensazioni uniche. Non è il main event, ma resta pur sempre una vittoria di cui vado fiero. La cercavo da tempo questa picca all’European Poker Tour e centrarla a Montecarlo diventa ancora più speciale. La dedico all’ultimo arrivato nella mia famiglia, il piccolo Alessandro“.

Raggiungere il trionfo in un evento EPT, oltre che bello, può risultare difficile. Ma a quanto pare il cammino di Giuseppe Caridi è stato quasi tutto in discesa all’EPT Cup.

Sono partito subito forte, i colpi più importanti hanno retto e poi nel momento decisivo ero dalla parte giusta del cooler. In pratica con 10-10 sono finito ai resti su 7-7-2-10. Il mio avversario gira tutto felice 7-2, ma ho il full più alto e da quel momento ho macinato chips e rivali. Il final table in pratica è durato poco meno di 30 minuti”. 

Insomma una vittoria netta e indiscutibile per Caridi, che in realtà ha già vinto in carriera un’altra picca: ma si tratta della London Cup ad un Pokerstars National.

Vincere è sempre bello, ma questa in particolare mi ha dato una grande gioia. Probabilmente dopo quella mano ho scatenato l’inferno al tavolo e allora certe cavalcate restano più nel cuore di altre”. 

Ottimi score per un giocatore che si diletta nel poker come hobby e non come professione. “Gioco da 10 anni a poker, ma il mio lavoro è un’altro, Mi occupa della distribuzione all’ingrosso di bevande. E’ un settore sempre in grande espansione e che nel periodo estivo mi occupa tantissimo tempo. Infatti quest’anno dovrò rinunciare a Las Vegas“.

Se la trasferta WSOP salta per motivi di lavoro, il player di Gallico Marina (provincia di Reggio Calabria) ha comunque in mente quelli che sono i prossimi eventi a cui prenderà parte.

Adesso mi sto spostando da Montecarlo a Sanremo per IPO. Poi prossimamente, penso che mi getterò nella mischia dell’EPT Madrid. Il resto del programma lo devo confrontare con gli impegni di lavoro e con la mia famiglia. La cosa più bella e importante della mia vita”. 

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari