Sunday, May. 26, 2019

Scritto da:

|

il 28 Feb 2011

|

 

Mariano Cafagna runner up al Mini IPT di Malta : “il mio sogno è il Main Event delle WSOP”

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

Mariano Cafagna runner up al Mini IPT di Malta : “il mio sogno è il Main Event delle WSOP”

Area

Si è da poco concluso l’IPT di Malta con al vittoria di Giacomo Loccarini, che abbiamo intervistato in esclusiva subito dopo la splendida vittoria. Ma poco prima dell’inizio della fortunata edizione dell’ IPT di Malta si è disputato nella stessa località anche il Mini IPT. Torneo dal Buy In di soli, si fa per dire, € 360+40 e che ha visto Daniel Sartori prevalere su Mariano Cafagna. Da quest’ultimo abbiamo deciso di farci raccontare quest’esperienza.

Ciao Mariano, e complimenti per il bel risultato ottenuto al Mini IPT di malta. Ma cominciamo per gradi, ti presenteresti ai nostri lettori ?

Ciao Fabio e grazie mille a te ed IPC, dunque mi presento. Mi chiamo Mariano Cafagna, ho 30 anni e gioco a poker da quando ne avevo 15 anni e a texas hold’em da 5.

Ho conosciuto questo sport grazie ad un mio carissimo amico (il grande PabloDeRuba! Che vorrei salutare.) che giocava on line su una .com, da lì a poco siamo venuti a conoscenza dell’esistenza di uno dei primi circoli di texas hold’em a Bari, ci siamo avvicinati quasi per caso ma il fato ha voluto che vincessimo i primi tornei a cui partecipavamo, il resto ormai è storia…

Come professione, sono un medico e nel tempo libero gioco su Scommettendo.it che mi sponsorizza, il mio nick è “TeamScomm_DoctorM”

Hai avuto altre esperienze live in tornei di questo tipo ?

Ho partecipato ad altri eventi live riuscendo a fare alcuni ITM (tra cui un secondo posto al GPT) e sono anche stato l’uomo bolla alla finale del Campionato Italiano FIGP, sempre a Malta, torneo che assegnava il pacchetto per il Main Event delle WSOP!!! Il sogno per ogni giocatore di Poker.

Quando hai pensato che stavi per realizzare un risultato come questo ?

Il torneo si è messo bene sin dalle prime battute, non ho avuto tanti colpi sfortunati e il primo showdown l’ho giocato dopo il flop a 16 left, diciamo che avevo sensazioni positive: ho giocato un buon poker e poi Malta era in debito con me…
C’è stato un momento in cui hai pensato di poter vincere ?

Si, quando è stato eliminato Andrea Galassi (bravissimo giocatore di Imola) ero sicuramente tra i migliori 3 al tavolo quindi un pensierino l’ho fatto, poi ci vuole sempre un pizzico di fortuna che nei tornei live è importantissima.

Che esperienza è stata questa per te, come è nata e come la valuti al di là del risultato ottenuto ?

Bellissima!, aldilà del risultato che fa ovviamente piacere, sono stato accompagnato da 3 amici che mi hanno incoraggiato sino alla fine.

Quando possiamo ci prendiamo una pausa dal lavoro e andiamo in giro per tornei, conosciamo tanta gente, facciamo un sacco di esperienze ed ogni tanto portiamo a casa qualche soldino e questo è solo uno dei tantissimi motivi per cui adoro questo sport!

Hai pagato direttamente il buy in, o ti sei qualificato tramite satelliti ?

Ho vinto il ticket tramite un satellite live, in genere partecipo a questi eventi sempre tramite satelliti perchè non dispongo di un bankroll tale da potermi permettere buy in, viaggio, vitto e alloggio… trovo che rappresentino una ottima possibilità per partecipare a questo genere di eventi.

Mi pare di aver capito quindi che non sei un grinder di professione, che da buon appassionato gioca su internet e di tanto in tanto si concede qualche esperienza live nei casinò, ma cosa pensi del fatto che in italia non sia ancora regolamentato il gioco del poker fuori dai casinò ?

In effetti non sono un vero e proprio grinder, ho cominciato a giocare on line sulle .com ma devo ammettere che con l’avvento del .it l’offerta di tornei è nettamente peggiorata. Inoltre io sono un “romantico” e in quanto tale preferisco di gran lunga il gioco live.

Questa passione mi ha spinto a diventare il cofondatore (insieme a PabloDeRuba) di uno dei più vecchi circoli pugliesi “Big Blind” di Barletta (approfitto dell’occasione per salutare tutti i soci!) e trovo veramente grottesca la situazione in cui ci troviamo: siamo in attesa del famoso regolamento per il gioco live da ormai 2 anni mentre si sta facendo tanto per implementare il gioco online ad esclusivo beneficio delle grandi lobby che non fanno altro che arricchirsi, insieme allo Stato, sfruttando un movimento che è stato creato dai più di 3000 circoli italiani che hanno dato vita a delle realtà sane, creato posti di lavoro e soprattutto hanno sdoganato questo fantastico gioco  facendo ricredere chi lo riteneva un mero gioco d’azzardo.

Cosa cambia questo risultato nei tuoi programmi? reinvestirai questi soldi nel poker o ne farai altro ?

Gran parte l’ho investita a livello personale e un’altra parte la reinvestirò sicuramente in tornei. Di certo un bel risultato come questo è molto importante sia perché va a rimpinguare il mio bankroll sia perché ho acquistato ulteriore fiducia nei miei mezzi!

Ad ogni modo i miei programmi sono sempre gli stessi: il mio obiettivo/sogno è il Main Event delle WSOP e visto che già una volta ci sono arrivato vicinissimo non è detto che non ci riesca!.

Che dire grazie mille Mariano ed in bocca al lupo per il tuo futuro pokeristico e non solo.

Grazie a voi, un saluto agli amici di ItaliaPokerForum ed ItaliaPokerClub.

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari