Thursday, May. 26, 2022

Storie

Scritto da:

|

il 22 Giu 2012

|

 

Irene Baroni – “Sfrattati per colpa del poker”

Irene Baroni – “Sfrattati per colpa del poker”

Area

Vuoi approfondire?

Che il poker sia ormai una disciplina largamente diffusa è un fatto certo. Così come si comincia pian piano a vedere questo gioco anche dal punto di vista “sportivo” più che d’azzardo. Ma come spesso accade i grandi cambiamenti sono difficili da metabolizzare, ancora di più per quella tipologia di persone radicata nei vecchi ragionamenti e che non ha forza, voglia e coraggio di informarsi meglio per saltare l’ostacolo delle antiche convinzioni ed entrare in nuove dinamiche e nuovi ragionamenti.

Io stesso quando parlo con persone che non hanno nessuna dimestichezza con il mondo del poker, faccio fatica a descrivere il mio lavoro tanto che spesso chiudo ogni discorso dopo la prima smorfia del mio interlocutore con un semplice “Faccio il giornalista sportivo”. Al che il loro viso si illumina pensandomi probabilmente in giro per stadi di calcio. Ma li lascio pensare.

E’ così che quando ieri ricevo questo messaggio da parte di Irene Baroni, sono più dispiaciuto che “sbigottito”. A lei, e a Davide Costa, è capitata questa spiacevole situazione proprio in virtù della poca conoscenza da parte di alcuni del nostro mondo del poker, e come ben sappiamo si può combattere tutto tranne che l’ignoranza.  Vi lascio il racconto direttamente dalle parole di Irene ricche, come potrete leggere, di tante emozioni per questo sfogo che forse non varrà per la restituzione dell’appartamento, ma di certo potrebbe servire a far luce su altri casi del genere.

“Ho bisogno di sfogarmi per quel che mi è successo in questi giorni.
Io e il mio fidanzato stiamo cercando casa a milano. Dopo varie ricerche avevamo trovato la casa perfetta per noi, un appartamento in ripamonti molto carino, con un bel terrazzo, non arredato, sugli 80 mq. a 1000 euro mensili…

…ottime condizioni, il pavimento in marmo bianco fino alle camere,dove invece è parquet. La zona è immersa nel verde, e avendo preso una bellissima cagnetta da poco, ero entusiasta. L’avrei portata a fare giretti tutti i giorni, e non avendo un lavoro che mi tiene fuori casa, avremmo potuto esplorare il quartiere, pieno di negozietti adorabili e parchi per bambini.
La proprietaria voleva garanzie, giustamente, e volendo cointestare il contratto di affitto, pretendeva che entrambi mandassimo qualcosa.
Davide, lavorando nell’azienda di famiglia, ha mandato la visura camerale (o qualcosa di simile, non me ne intendo e potrei aver utilizzato il termine sbagliato), mentre io ho mandato la copia del contratto che mi lega a pokeroom.

Non appena ho inoltrato i miei dati, è scoppiato un pandemonio. Mi ha chiamato immediatamente l’agente immobiliare, una ragazza molto gentile, dicendo incredula che la proprietaria si era infuriata, perchè una pokerista non era persona gradita nella sua casa, e che nella sua fervida immaginazione io avrei sicuramente organizzato una bisca clandestina nel suo appartamento (certo,se sono pokerista sono anche una delinquente, e nel tempo libero dalle ore in cui gioco online e dalle numerose trasferte mi diletto nell’illegalità, mettendo a rischio il mio lavoro con La Multipla…).
Non c’è stato verso di farle cambiare idea. Sono rimasta senza parole. Anche perchè abbiamo offerto varie opzioni, far intestare il contratto di affitto ai genitori di Davide, creare una polizza fideussoria assicurativa o addirittura bancaria. Niente.

Come mai questa esagerazione? Ho ripensato al nostro primo e unico incontro, cercando di trovare qualche indizio se fosse qualcosa che avevo detto, o fatto. Certo, ero stata vaga sul mio lavoro, ma sinceramente volevo parlare della casa, e non di quanto fosse interessante o pericoloso quello che faccio per vivere. Tanto avrebbe letto il mio contratto il giorno successivo, niente di segreto. Poi mi son ricordata che aveva tenuto a dirci che lei lavora nell’antifrode. Così ho fatto due + due. Una signora di mezza età, che per tutta la vita ha investigato sulle truffe in italia. Ne avrà viste di tutti i colori. E ormai non si fida più di nessuno, nonostante ci siano prove certe che siamo due ragazzi affidabili, con uno stipendio dignitoso, e senza nessun precedente penale.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Penso che ormai veda cospirazioni e truffe da tutte le parti. Se fossimo stati agricoltori, avrebbe rifiutato di affittarcela, sicuramente avremmo creato una piantagione di marijuana in casa. Se fossimo stati chimici, avremmo sicuramente costruito una raffineria di oppio. Ci disse pure che ha una figlia di 16 anni. Poverina! me la immagino, quando torna a casa dopo essere uscita, viene sottoposta a interrogatorio. Se ha bevuto una birra, allora è diventata alcolista, se ha baciato un ragazzo, sta per diventare una prostituta, e se ha copiato un compito in classe, una falsificatrice! Chissà se ha investigatori che la seguono 24 ore su 24, o se ci pensa la mammina apprensiva in persona (figurarsi se si fida degli investigatori, dei guardoni di professione!).

Sicuramente è così, ma penso che con me abbia avuto un riguardo particolare. Non è una novità che siamo malvisti dai bigotti (bigottismo=ignoranza). Quanta gente si è rovinata col poker? d’altra parte, il poker è l’unico lavoro in cui si spostano somme di denaro, negli investimenti in borsa, nell’aprire un ristorante, o un negozio, si utilizzano caramelle gommose! e in questi lavori, nessuno mai si è rovinato,giusto?
La gente non capisce che il poker è un gioco di abilità, se sei abile nel capire le situazioni al tavolo, nella strategia di gioco, e  nell’aministrare il capitale di investimento, alla fine vinci. Ci sono momenti in cui va male, e momenti in cui va meglio, un pò come tutti i lavori in cui si spostano soldi. Se sei bravo, farai investimenti promettenti in borsa, il tuo ristorante frutterà dei guadagni, il negozio andrà a gonfie vele.

E così siamo ancora senza casa per colpa del mio lavoro. O meglio, per colpa di chi interpreta male il mio lavoro. E mi chiedo: se questa regina del perbenismo sapesse che a 18 anni (ora ne ho 29) sono andata a fare l’università a firenze,senza chiedere un soldo ai miei,e da allora mi son sempre mantenuta con le mie forze, non ho mai avuto un debito con nessuno, nemmeno nei momenti difficili, cambierebbe qualcosa? Credo di no.

Vorrei essere furiosa con la proprietaria, ma non lo sono. Certe persone mi rendono triste. Passano tutta la vita a cercare di non venire imbrogliate, pretendono precisione, puntualità, e sicurezza. Giudicano da quel che vedono, senza cercare di vedere da un’altra prospettiva. La terra per loro è piatta! Così vivono nella paura tutta la vita, vivendo come  i prigionieri nella caverna di Platone, vedono solo le ombre che vengono proiettate dal fuoco dietro di loro, ma hanno paura di girarsi e  scoprire la verità. Si lasciano cullare dalle certezze che hanno davanti, perchè è troppo difficile, faticoso, e sconveniente cambiare opinione, capire cosa sta succedendo davvero.

Mi dispiace davvero, perchè la maggior parte delle persone è così, ancora oggi, nel 2012″.

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari