Friday, May. 24, 2019

Poker Live

Scritto da:

|

il 15 Apr 2013

|

 

Daniel Negreanu vince il Main Event WSOP Asia Pacific e il quinto braccialetto!

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

Daniel Negreanu vince il Main Event WSOP Asia Pacific e il quinto braccialetto!

Area

Vuoi approfondire?

Fortuna e sfortuna hanno accompagnato Daniel Negreanu in questo final table del Main Event WSOP Asia Pacific che conclude la kermesse pokeristica del Crown Casino di Melbourne.

Il final table è stato costellato di mani davvero surreali, turn e river inaspettati, scoppi e controscoppi all’insegna della varianza più pazza, e tutti i giocatori a turno ne hanno sofferto o gioito.

Ma a gioire più di tutti è proprio lui, “Kid Poker”, che alla fine è riuscito a sconfiggere Daniel Marton nell’heads up conclusivo, a mettersi al polso il quinto braccialetto in carriera, e a vincere anche un milione di dollari (australiani) che di sicuro non disdegnerà!

Come dicevamo, un final table caratterizzato dall’estrema influenza di board piuttosto beffardi, e in generale di episodi di fortuna e sfortuna altalenanti per ogni giocatore. Due di loro, però, non hanno avuto momenti di gloria con la dea bendata: per questi giocatori il tavolo finale è stato davvero una tragedia.

Benny Spindler, tedesco, ha iniziato il tavolo finale da chipleader, ma nelle prime mani è subito stato coinvolto in numerosi spot dove è stato costretto a trovare difficili fold, regalando piatti piuttosto corposi agli avversari, e specialmente a Negreanu che ha subito preso il volo con uno stack che dopo 30 mani era già enorme. Il tedesco ha continuato a soffrire, non è riuscito mai ad avere la mano giusta al momento giusto per guadagnare un po’ di chips. Alla fine ha dovuto mettere il suo ormai corto stack in mezzo al tavolo con AT suited, trovando il call di Kahle Burns con KJ e un K al flop che lo ha mandato a casa, fumante, in sesta posizione.

Ancora più sfortunato è stato George Tsatsis, che dopo la pausa cena a 5 left sembrava aver ingranato davvero la marcia giusta, e stava addirittura arrivando ad insidiare la chip lead di Negreanu. Purtroppo per lui, due episodi gli hanno pregiudicato il torneo.

Prima si è trovato in mano KK e non ha esitato un attimo a chiamare la cold 4-bet all-in di Daniel Marton, che tra lo stupore generale ha girato un Dieci e un Sette di fiori per un totale bluff… ma il board 8 T 9 6 4 gli ha fatto chiudere scala e scoppiare i cowboys del povero Tsatsis. Ma non è finita qui: poche mani dopo, su un board che al turn recitava Q J J 4 con due possibili progetti di colore, Daniel Negreanu ha deciso di mandare i resti con AQ. Tsatsis ha chiamato forte del suo trips con J9, solo per vedersi buttato fuori dal torneo da una Donna al river. Un colpo al 4% che ha lanciato Negreanu verso la dominazione totale, e spedito a casa il povero australiano in quarta posizione.

A godere di questa situazione è stato di certo Winfred Yu, canadese di evidenti origini asiatiche, che era già short stack con 10 bui quando c’erano ancora sei giocatori al tavolo. Yu ha trovato però alcuni raddoppi in momenti chiave, riuscendo sempre a galleggiare con uno stack molto corto, e dopo la mattanza degli avversari è riuscito ad acchiappare il terzo posto ed il conseguente premio da più di 400.000 $.

L’heads up tra i due Daniel, Marton e Negreanu, iniziava con il canadese in netto vantaggio di stack, circa 10 milioni contro 1,5 milioni. La fortuna sembrava non sorridere a Negreanu: prima Marton ha trovato un raddoppio con JQ contro A8, poi ne ha combinata un’altra “delle sue” (come quella contro Tsatsis con T7 suited di cui raccontavamo poco fa…) e ha mandato i resti con 84 off-suit. Negreanu ha chiamato con A8 ma il board ha decretato A 5 7 6… 9 per uno split pot che Kid Poker pensava addirittura di aver perso, lasciandosi andare ad un “Fuck!” prima di capire che era riuscito a non perdere l’intero piatto grazie al river e mettersi a ridere insieme all’intera sala.

Ma alla fine (dopo un altro split pot davvero “lol” nel quale entrambi hanno girato la stessa scala floppata) è stato Negreanu ad avere la meglio: il suo all in preflop con 22 è stato chiamato da Marton con A7 suited, e il board è filato liscio: 6 J K T 4, braccialetto e un milione di dollari per Kid Poker al termine di questa odissea!

  1. Daniel Negreanu $1,038,825
  2. Daniel Marton $637,911
  3. Winfred Yu $423,225
  4. George Tsatsis $284,715
  5. Kahle Burns $201,994
  6. Benjamin Spindler $146,205
  7. Mikel Habb $107,730
  8. Russell Thomas $82,721

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari