Sunday, Aug. 9, 2020

Storie

Scritto da:

|

il 25 Giu 2013

|

 

Jackson Genovesi: “Ero molto concentrato e voglioso di vincere: alla fine ho shippato!”

Jackson Genovesi: “Ero molto concentrato e voglioso di vincere: alla fine ho shippato!”

Area

Vuoi approfondire?

Argomenti correlati

Ha sbaragliato la concorrenza di oltre 500 giocatori all’ultimo DEEP Sunday Master, conquistando il primo posto ed un premio di quasi 10.500 euro.

Il protagonista di questo successo è stato Jackson Genovesi, pro di Glaming: così, poche ore dopo la vittoria, l’abbiamo intervistato, cercando di scoprire alcune curiosità.

IPC: Prima di shippare il DEEP Sunday Master, ti abbiamo visto in deep run al PPT di Malta. Avevi già buone sensazioni per la sessione online che ti aspettava?

JG: Si, peccato per il PPT, sono stato chipleader o top 3 per quasi tutto il day 2, giocando molto bene ma facendo anche qualche errore: per vincere un torneo live “qualche” è decisamente troppo, anche se non posso definirli errori gravissimi. Comunque ero molto soddisfatto del mio gioco, mi sono confrontato con molto stranieri top reg che stanno vivendo a Malta per giocare, è stato stimolante…

IPC: Come hai gestito il passaggio da un MTT live ad un MTT online?

JG: Sono stra-abituato a “switchare” da live a online, ormai è una cosa meccanica: non devo neanche più pensarci, ho le impostazioni già pronte! Alla fine credo di averlo gestito senza problemi. Certamente posso dire che ero molto positivo e che stavo giocando bene già dalle prime fasi.

IPC: La vittoria è arrivata in terra straniera: come si gioca da Malta? Hai aneddoti da raccontare?

JG: Musta (Mustapha Kanit) ci ha ospitato a casa sua: erano presenti anche Alessio Di Cesare e Marco Figuccia. Abbiamo deciso di giocare i domenicali insieme: da Malta si può giocare su Stars.com e Full Tilt ed è stata un’esperienza divertente. Al 530 di Stars sono arrivato 20esimo ed è stato un peccato. Alla fine stavo bitablando il 530 e il Sunday Master: ero molto concentrato e voglioso di vincere … Alla fine … Taaaaaccc … Shippato …

IPC: Allora ripercorriamo il DEEP Sunday Master: è stato un torneo tutto in discesa o hai affrontato fasi difficili?

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

JG: Da subito avevo il doppio e poco dopo il triplo dello stack iniziale: ho giocato abbastanza aggro preflop, mentre postflop cercavo di non perdere grosse percentuali di chips. Poi arriva una mano che mi avrebbe portato chipleader, ma purtroppo la perdo: apre BTN, tribetta SB, 4Betto io da BB, passa original e shova SB. Allo showdown io mostro AQs e lui AK. Al flop hitto una dama, ma al river si gira un K, molto sick!genovesi glaming

IPC: Al tavolo finale hai spinto sull’acceleratore?

JG: Tra i finalisti c’era Grounder e ci siamo più o meno sempre evitati o comunque rispettati, per il resto è andato tutto liscio. Rimasti in 5 ho dato tutto, dove passo da ultimo in chips a secondo, senza mai girare le carte. Alla fine in HU mi sentivo decisamente più forte del mio avversario, abbiamo fatto 3 volte il cambio della leadership. Poi vinco un flip gigantesco: il mio oppo 5betta all-in con 88 lui e io gioco con AK: arriva un K COSì GROSSO al river! A quel punto io avevo 4M e lui 1M ed è finita poco dopo. GG to me.

IPC: Facciamo finta di stare a “Come Giochi?”: come valuti il tuo torneo?

JG: Quando si arriva primi, solitamente qualcosa di giusto si è fatto. Credo di aver giocato molto bene e alla fine è arrivato questo primo posto. In passato l’avevo già conquistato più volte, ma vincerlo da Malta, specialmente dopo essere uscito al PPT in fase finale, ha un gusto particolare.

IPC: Diamo uno sguardo al tuo futuro: cosa hai in mente di fare nell’immediato? Un pensierino alle WSOP l’hai fatto?

JG: Inizialmente sarei voluto andare a Vegas per 15-20 giorni, poi si sono messe in mezzo altre mille cose, tra cui, amici, ragazza, altri viaggi (Barcellona e Malta) e il mio compleanno fra 3 giorni: tutti fattori contro e pochi pro. D’estate ho sempre preferito il mare, la vacanza e il divertimento: andare a Vegas vorrebbe dire 20 giorni di gioco full-time, troppo stress. In ultima analisi credo di raggiungere Vegas per il Main Event. Alessandro Chiarato e Musta mi stanno spingendo ad andare: tra qualche giorno avrò le idee più chiare e prenderò una decisione definitiva.

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari