Sunday, Feb. 23, 2020

Storie

Scritto da:

|

il 21 Lug 2013

|

 

Campione d’Italia, lembo tricolore in terra crociata…

Campione d’Italia, lembo tricolore in terra crociata…

Area

Vuoi approfondire?

Forse non tutti sanno la storia di Campione d’Italia, piccolo fazzoletto di terra di un chilometro quadrato che porta la bandiera italiana, ma si trova incastonato nel territorio svizzero. Questo lembo di terra animato da 2.300 persone è un ex borgo di pescatori molto poveri (oggigiorno non si direbbe visti gli elevati costi per viverci).

Posizionato di fronte a Lugano, separato soltanto dalle acque del lago, Campione d’Italia parla svizzero, dai numeri telefonici alle targhe delle macchine che si mescolano con quelle italiane dei visitatori del Casinò.

La storia di Campione d’Italia parte da una data: l’8 marzo 777 il commerciante Totone, di famiglia nobile longobarda, conferisce le terre di Campione e la chiesa di San Zeno al capitolo di Sant’Ambrogio di Milano. Il legame del villaggio col territorio della Lombardia subisce dei mutamenti quando il 12 febbraio 1797 il borgo viene occupato dalla Repubblica transpadana, il 4 aprile affrancato dal feudalesimo e, infine, il 21 maggio riformato a municipio repubblicano, poi collegato alla Repubblica cisalpina.

Successivamente, Campione vive sotto più influenze: Austria (1799), seconda Cisalpina (1801), Repubblica italiana (1802), Regno italico (1805), Impero asburgico (1814), Regno lombardo-veneto (1815), Secondo impero francese e pure l Regno di Sardegna (1859). Il 17 marzo 1861, invece, in corrispondenza dell’unità d’Italia, il territorio è incluso nel Regno d’Italia.

Ulteriori dettagli sarebbero da approfondire, ma essendo giocatori di poker spostiamo l’attenzione su quando nasce, invece, il Casinò di Campione d’Italia.

Una casa da gioco è installata a Campione d Il Servizio informazioni della Marina militare già nel 1917 apre una casa da gioco che viene chiuso nel 1919per essere rimesso in auge per un breve periodo tra il 1921 e il 1922.

Tra il 1931 e il 1932, invce, è il governo Mussolini a sviluppare il progetto turistico per Campione e il suo territorio, in concorrenza con Lugano e le altre località dell’area del Ceresio e del Verbano che sono in piena espansione.

Il fascino del Casinò di Campione aumenta durante il periodo della guerra, dove prima funge da copertura per una centrale di spionaggio in stile “Mata Hari” per spiare il consolato austro-ungarico di Zurigo e poi, invece, diviene dopo l’8 settembre 1943 la base per l’intelligence statunitense e britannica contro le forze occupanti del Terzo Reich in Italia e la repubblica di Salò, senza per questo mettere in pericolo la neutralità elvetica.

Insomma, il Casino di Campione ne ha da vendere di spunti, da quelli storici a quelli attuali con l’organizzazione di eventi incredibili come le IPO da 1 milione di €uro garantiti e, forse, le sorprese non finiranno qui!

Attendiamo, dunque,  l’evento di ottobre con trepidazione….

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari