Wednesday, Nov. 20, 2019

Storie

Scritto da:

|

il 12 Apr 2014

|

 

Quando il poker abbatte le barriere: la storia di Alexander Hendriks

Quando il poker abbatte le barriere: la storia di Alexander Hendriks

Area

Vuoi approfondire?

Argomenti correlati

Parliamo spesso del poker come di un gioco d’abilità. Per qualcuno è addirittura uno sport, per altri soltanto un modo per buttare soldi. Troppo spesso dimentichiamo che il poker è prima di tutto uno strumento d’aggregazione, il frutto della passione di tante persone.

Ecco, persone. Che sono poi l’unica cosa che importi davvero.  E se il poker riesce ad avvicinarle, allora poco importa quanto incide la fortuna e quante ingiuste siano a volte le carte. Se il poker è un gioco di tutti e per tutti allora, a me, va bene così.

Conoscete sicuramente la storia di Hal Lubarsky, il primo giocatore cieco a vincere un evento delle World Series of Poker. Accadeva nel 2004.

Nel 2008 Hal fu sponsorizzato da Full Tilt Poker e, grazie a una versione speciale del software, riuscì finalmente a giocare regolarmente online senza l’aiuto di nessun altro. Inutile dire che vinse molti tornei anche seduto dietro il computer.

Alexander Hendriks

Alexander Hendriks

Storie così, fanno pensare. E quando ai tavoli dell‘Italian Poker Tour di Sanremo ho visto Alexander Handriks ho capito che non potevo esimermi dal raccontarvela. Lui è paralizzato.

Muove la parte superiore del busto, ma non può flettersi verso il tavolo. Come fosse legato allo schienale della sua sedia.

Ma è difficile fermare un uomo che insegue le sue passioni.

Alexander si è dotato di uno speciale lettore per le carte, una sorta di scatola che, attraverso un sistema di specchi, riesce a riflettere le carte che il dealer gli consegna all’inizio di ogni mano.

Seduta accanto a lui c’è la sua pregnant nurse, che si occupa di sistemare le carte affinché Alexander possa vederle e di posizionare ante, bui e puntate quando necessario.

«Il poker è sempre stata la mia passione — mi dice Alexander — e fortunatamente ho chi mi ama abbastanza per sopportare assieme a me le lunghe giornate di torneo!».

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari