Christian Scalzi sul Battle of Malta terminato a tavolino: “La decisione presa dal casino non è sbagliata” | Italiapokerclub

Friday, May. 29, 2020

Poker Live

Scritto da:

|

il 10 Nov 2014

|

 

Christian Scalzi sul Battle of Malta terminato a tavolino: “La decisione presa dal casino non è sbagliata”

Christian Scalzi sul Battle of Malta terminato a tavolino: “La decisione presa dal casino non è sbagliata”

Area

Vuoi approfondire?

Un vera e propria battaglia terminata alle cinque del mattino dopo lunghe giornate interminabili.

Il finale, però, è stato decisamente anomalo con un deal fra gli ultimi due giocatori che conferiva ad Anton Katsarov una prima moneta pari a 122.750€ e a ad Alan James Brincat un premio di consolazione pari a 107.250€.

Certo, il successo di iscrizioni, con 1447 giocatori ai nastri di partenza va a favore degli organizzatori, ma il modo in cui è calato il sipario è stato unico.

Del resto all’inizio di questo Battle of Malta 2014 nessuno avrebbe messo la firma su dei numeri così elevati. Ma un finale del genere, deciso a tavolino alle prime luci dell’alba perchè la struttura del torneo non prevedeva più livelli, è senza dubbio qualcosa che non avevamo mai sentito.

Prima volta per un evento del genere in un torneo di poker live? Lo abbiamo chiesto al Tournament Director del WPT Christian Scalzi che pochi minuti fa abbiamo contattato telefonicamente.

“Diciamo che mi è successa una cosa analoga al WPT National di Barcellona, quando sono stato costretto a far tornare il giorno dopo i giocatori per l’Heads-Up. In quel caso, però, sono stato fortunato perché erano tutti e due spagnoli e hanno preferito tornare piuttosto che dividere in base ai gettoni. Non si possono forzare i player a prendere una decisione – prosegue Scalzi – e noi del WPT siamo contrari a questo tipo di deal, ma se il casino chiude alla cinque devi prendere una decisione.”

A quanto pare, però,  potrebbero essere stati i giocatori stessi a decidere per questo deal finale. E in base a quello che ci ha detto Christian Scalzi sembrerebbe che sia stato proposto loro di tornare il giorno dopo. Una decisione giusta o sbagliata?

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Secondo me – prosegue Scalzi – la decisione presa dal casino di Portomaso riguardo il Battle of Malta non è sbagliata. Sicuramente avranno proposto ai giocatori di tornare il giorno dopo, ma è probabile che almeno uno di loro dovesse prendere l’aereo per tornare a casa. D’altra parte si sapeva che il torneo sarebbe finito nella giornata di ieri e non si può neanche forzarlo a proseguire il giorno dopo.”

Del resto secondo il Tournament Director del WPT, in strutture giocabili e piuttosto deep come questa, gli imprevisti possono capitare.

A proposito riporta un esempio di quanto successo nella precedente edizione del Battle of Malta dove era presente in qualità di Tournament Director.

“Per fare un esempio l’anno scorso io ero il direttore del Battle of Malta e ci aspettavamo un’affluenza di 500 persone. Alla fine ne sono arrivate 888 quando il limite previsto era di 800 giocatori. A quel punto, visto che tutti avevano voglia di iscriversi e la late registration lo permetteva, abbiamo deciso di farli giocare”.

Resta il fatto che quanto successo al Battle of Malta è certamente un evento unico. E se qualche volta è successo che l’Heads-Up venisse rimandato al giorno dopo, far calare il sipario con un deal ‘forzato’ è certamente un finale inaspettato. Tutto questo senza togliere niente allo strepitoso successo del torneo, che ha ritoccato verso l’alto il record di iscritti dell’isola al centro del Mediterraneo.

 

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari