Sunday, Sep. 27, 2020

Poker Online

Scritto da:

|

il 19 Mag 2015

|

 

Verso il monopolio nel poker online: Amaya acquisisce anche Bwin.Partypoker?

Verso il monopolio nel poker online: Amaya acquisisce anche Bwin.Partypoker?

Area

Vuoi approfondire?

Bwin.party è la società creata nel 2011 dalla fusione tra Bwin e Partypoker. La fusione dopo svariate vicissitudini ha portato anche all’unione dei due software per ciò che concerne il poker italiano e da qualche settimana abbiamo ogni domenica un nuovo Sunday Master. Ovviamente è rientrata nell’operazione anche Gioco Digitale di proprietà della casa austriaca Bwin.

I rumours sulla vendita di bwin.party negli ultimi mesi sono incessanti e la corsa all’acquisizione negli ultimi giorni si è fatta calda dopo diverse manovre speculative.

E’ Deutsche Bank che si sta occupando dell’audit dei potenziali acquirenti dallo scorso mese di Novembre. Inizialmente sono stati Playtech e William Hill a interessarsi a bwin.party ma entrambe le case si sono poi defilate.

Nell’ultima settimana la battaglia si è accesa con due grandi protagonisti a scendere in campo.

Dapprima è stata 888 a confermare le voci di una possibile acquisizione di bwin.party. In un comunicato stampa infatti i manager del colosso online britannico (gestore tra l’altro dei satelliti online all’estero per le World Series of Poker) hanno spiegato di vedere una significativa logica industriale in una fusione della propria liquidità con quella di bwin.

Il 60% dei soci di 888 sarebbero pronti ad approvare un’offerta di acquisto e questo ha fatto schizzare in alto il valore delle azioni di bwin nelle borse europee.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Ieri invece è arrivata la notizia che una nuova cordata si sta presentando con un’offerta che potrebbe essere di circa 1 miliardo e mezzo di euro. Parliamo del gruppo Amaya, leader del settore del poker online essendo proprietario di Pokerstars e Full Tilt.

L’interesse di Amaya è stato in realtà esplicitato dal partner sceso in campo per questa acquisizione. La GVC Holdings infatti, leader del settore scommesse con il marchio SportingBet, che era già scesa in campo con un’offerta solitaria per bwin.party, ha dichiarato che starebbe per stringere un accordo con la società canadese Amaya per la creazione di una nuova società creata ad hoc proprio per comprare il gruppo austriaco.

Pare scontato che se GVC si occuperà del settore scommesse sarebbe invece Amaya a prendersi cura del comparto poker di bwin.party creando una sorta di monopolio del settore. Trust ancora più accentuato in Italia dalla mancanza di alcuni competitors presenti invece nel pianeta delle room dot com.

La palla passa ora alla dirigenza di bwin che dovrà decidere a chi dare ascolto e capire quale sia l’offerta migliore per il proseguimento del proprio asset societario.

Gli scenari per i giocatori italiani potrebbero essere quindi molto diversi: da un lato l’ingresso nel mondo del poker online di un colosso come 888, dall’altro una probabile nuova contrazione dell’offerta e dei palinsesti.

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari