Sunday, Aug. 18, 2019

Poker Live

Scritto da:

|

il 15 Gen 2018

|

 

Maria Lampropulos campionessa di umiltà: “Non sono una pro, devo migliorare molto”

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

Maria Lampropulos campionessa di umiltà: “Non sono una pro, devo migliorare molto”

Area

Si può shippare due primi premi milionari nel giro di dieci mesi e restare con i piedi per terra?

Sì. Maria Lampropulos ne è la prova vivente. La 36enne argentina è la giocatrice più in forma del momento ma ci tiene a sottolineare che non è una professionista.

Nell’intervista da vincitrice dopo la PCA una pacata Maria ha mostrato infatti tanta umiltà. Sentite cosa ha dichiarato: “Io non sono una giocatrice professionista, devo migliorare ancora molto.

Cerco di dare sempre il massimo e ogni tipo di spot è nuovo per me. Ecco perché ho tankato spesso nel Main Event. Ci vogliono anni di esperienza per agire velocemente al tavolo. Non sono arrabbiata per i tanti time che mi hanno chiamato“.

Non male per una che ha shippato premi milionari sia a Nottingham che a Nassau. Il suo rush ha dato gli stessi frutti in Inghilterra e alle Bahamas, location decisamente differenti.

Andiamo allora ad analizzare qualche spot cruciale che Maria ha giocato nel Main Event della PCA appena finito in archivio.

Tre mani hanno colpito la nostra attenzione e curiosamente Maria le ha giocate tutte contro degli avversari canadesi che hanno difeso il loro grande buio…

Nel primo spot torniamo indietro nel momento della bolla, a 88 left. Maria sta bullando il suo tavolo. I bui sono 2/4k. Lei apre da HJ a 10k con K2. Il canadese Farrow con QQ fa solo call da grande buio.

Il flop è 676. Farrow checka, Maria cbetta 9.000 e Farrow fa ancora solo call.

Il turn è un 10. Farrow checka ancora, Maria spara 30.000 con il suo draw di picche. Farrow chiama.

River A. Farrow checka per l’ultima volta e Maria lo mette ai resti overpottando. Farrow ha ancora 124.500 chips e ci pensa per due minuti buoni prima di foldare…

 

 

Passiamo a una mano giocata a 10 left. I bui qui sono 15/30k. Maria da bottone apre a 65.000 con A7. Il canadese Coupal difende il grande buio con 42.

Il flop è 7108. Coupal checka, Maria checka dietro.

Turn J. Coupal punta 75.000 e Maria chiama con la sua bottom pair accompagnata dall’asso di cuori.

River 5. Coupal spara 200.000 e Maria ci mette circa 90 secondi per fare il call vincente!

 

 

La terza e ultima mano che abbiamo selezionato per voi si è giocata a 5 left al Final Day. Bui 40/80k. Maria apre con Q3 da piccolo buio e Shawn Buchanan difende il grande buio con A7.

Il flop è 472. Maria cbetta 230.000 e Shawn chiama.

Turn 7. Maria checka, Shawn punta 375.000 e a Maria viene chiamato il tempo una prima volta. Call.

River 4. Maria checka, Shawn punta 1.100.000 e Maria ci pensa di nuovo parecchio. Dopo diversi minuti di attesa Shawn chiama il tempo e Maria fa il call, stavolta perdente. Maria infatti non mostra nemmeno le carte: fa muck.

 

 

Dopo il suo trionfo Maria ha commentato anche il call con Queen-High contro Buchanan ma a riguardo ha detto solo: “Ci sono tante piccole cose che ti fanno propendere per una scelta al tavolo. Prima di quello spot mi avevano chiamato il tempo per due volte e per due volte io avevo fatto call“.

Chiudiamo con una curiosità che riguarda l’Italia del poker. Abbiamo visto Kanit, Speranza e Sorrentino festeggiare con Maria durante gli scatti di rito a fine torneo. Maria conferma il legame con i nostri connazionali: “Festeggeremo lo shippo con Mustapha Kanit, la sua ragazza e i suoi amici. Sono persone davvero splendide“.

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari