Tuesday, Aug. 20, 2019

Poker Live

Scritto da:

|

il 13 Ago 2018

|

 

Phil Galfond sulla via della redenzione: “Col tempo sono diventato un nittone al tavolo!”

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

Phil Galfond sulla via della redenzione: “Col tempo sono diventato un nittone al tavolo!”

Area

Vuoi approfondire?

“Sì, anche Phil Galfond, Sì!

Chi ha conosciuto il poker negli anni d’oro ricorderà la sommessa esultanza di Pippo Candio dopo aver vinto una mano nientemeno che a Phil Galfond: correva il 2010 e lui era già un’istituzione del poker mondiale.

A distanza di 8 anni le cose non sono cambiate più di tanto: Phil è ancora oggi tra i più amati e rispettati cash gamer high stakes, sia per quanto dimostrato al tavolo da gioco che per il suo ruolo di poker coach su RunItOnce.

Nell’episodio di ‘Deep Issue‘ che andremo a presentarvi quest’oggi, il format condotto da Drea Renee su PokeGo, Galfond parla un po’ della sua vita trasmettendo una calma invidiabile. Ed è proprio da questo punto che cominciano le domande:

Nessuno ha qualcosa da dire conto di te, come è possibile?

Dovresti chiedere a loro! – esordisce Phil – Sono generalmente un tipo positivo, e più di chiunque altro mi piace star bene con le persone. Quando ho cominciato a giocare tanto ai tavoli live mi sono accorto che i dealer iniziavano a ringraziarmi per il mio comportamento, senza che io facessi nulla di trascendentale s’intenda.

Qual è il tuo rapporto coi soldi dopo tanti anni di carriera?

Col tempo son diventato più nitty, ma non dal punto di vista delle spese nella vita privata! Solamente nel poker: più alzavo il livello e più diventavo oculato, ricordo che acadde quando passai alla 100/200 e allo stesso modo successe per la 200/400. Prima invece shottavo le partite high stakes avendo a disposizione una decina di buy-in: ricordo una volta che tentai uno shot alla 300/600 (in quel periodo giocavo la 50/100 e qualche volta la 100/200). Ai tempi la game selection non era così importante come lo è ora, una partita era una partita: insomma, mi son trovato heads-up contro Phil Ivey! Alla seconda mano ho 3-3 da BB, il flop è 9-8-3 con due fiori, check-raiso e andiamo all-in. Lui ha due Nove e io perdo tutto lo stack in sole due mani. Tutavia non mi destabilizzò e tornai a giocare i limiti abituali senza problemi.”

Come gestisci i downswing?

Premesso che non sono facili per nessuno, lo spettro emozionale che attraverso è lo stesso di qualsiasi altro giocatore, semplicemente non sono uno che tende a manifestazioni esteriori troppo eclatanti, quindi potrebbe sembrare che sia quasi indifferente ad essi anche se non è così. Un downswing non è solamente una perdita economica, in quei momenti si mette in discussione il proprio modo di giocare, il livello di competenze, ecc. Se non è troppo pesante faccio una pausa e tutto passa, quando è più brutto c’è bisogno di più tempo.”

Tua moglie ha cominciato a giocare qualche partita high stakes…(qui il piatto gigantesco perso da Farah contro Bellande)

L’esperienza con gli high stakes le ha fatto capire molto di più sugli swing e su tante cose che prima non le erano chiare sul poker e sui tavoli nosebleed in generale.”

Cambierai come giocatore dopo la nascita di tuo figlio?

Sto già cominciando a essere più responsabile, almeno da quando mi sono sposato! Ora sto facendo degli investimenti e per il poker c’è sempre meno spazio. Attualmente ho un approccio più da live poker player che da pro dell’online.”

Si dice che nel poker in tv manchino i personaggi di una volta, come mai?

Oggigiorno nel poker trasmesso in tv ci sono talmente tanti soldi in ballo che è difficile anche solo pensare di chiedere a un Jason Koon, o chi per lui, di prenderla ‘più alla leggera perché tanto è un gioco’ e lasciarsi andare a qualche sorriso o altre esternazioni. Con tavoli più bassi le dinamiche sarebbero più divertenti e rilassate.”

Phil Hellmuth?

Lo conosco bene. Prima di conoscermi ero uno dei suoi obiettivi, da giovane era molto più aggressivo, alcune cose che dice o fa sono un po’ fuori luogo, ma non penso sia una brutta persona. In fondo gli interessa solo fare il meglio e continuare a vincere: lo definirei un bravo ragazzo con grandi problemi di self control!

Infine piccolo gioco di associazioni: un aggettivo per ogni nome.

Phil Ivey:  Duro.

Erik Seidel: Gentile.

Jason Koon: Teddy Bear.

Vanessa Selbst: Acuta.

Daniel Negreanu: Divertente.

Phil Hellmuth: Intrattenitore.

 

E voi cosa ne pensate di Phil Galfond? Scrivetecelo lasciando un commento sulla nostra Fanpage!

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari