Monday, Mar. 18, 2019

Strategia

Scritto da:

|

il 13 Feb 2019

|

 

Le 5 abilità del poker che ti permettono di avere successo nella vita

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

Le 5 abilità del poker che ti permettono di avere successo nella vita

Area

Vuoi approfondire?

Se siete degli appassionati di poker, vi sarà sicuramente capitato di fare dei parallelismi tra il vostro gioco preferito e la vita di tutti i giorni.

Forse vi sarete anche resi conto che il pokerista può contare su una marcia in più in certe situazioni rispetto a chi non sa nulla di draw, guerre di bui o gestione del bankroll…

Non ci credete? Prendiamo spunto allora da un interessante post pubblicato sul blog di PokerStars per stilare cinque skill tipiche del poker che possono tornare utili nelle decisioni quotidiane.

Si parta da un presupposto: il poker è un gioco di informazioni incomplete. Dunque spetta a noi raccogliere tutti gli indizi che possiamo trovare per assicurarci di sapere più dei nostri avversari. O almeno per avere una migliore idea della situazione in cui ci troviamo.

Perché dovremmo limitare questi approcci al poker? Ci sono lezioni che puoi imparare dal gioco e applicare in ambiti diversi. Ecco qualche esempio…

 

Negoziazione

Se ti è capito di bloccarti discutendo del tuo salario con il tuo capo, forse dovresti giocare di più a poker. Non nell’orario di lavoro, ovviamente. Giocando lontano dall’ufficio potrai acquisire una mentalità che ti può avvantaggiare.

Probabilmente ti sei già trovato in una situazione in cui avevi il nuts e dovevi provare a determinare quanto il tuo avversario era disposto a pagare al river. Parlando con lui ti puoi fare un idea di dove abbia la testa. Ciò ti aiuta a determinare la size corretta.

Non c’è motivo per non usare lo stesso set di abilità nella sala riunioni e garantirsi qualche soldo in più ogni mese. Tutto ciò mentre il tuo capo ha la sensazione di aver fatto un affare.

Maria Konnikova, ambasciatrice di PokerStars, durante il suo discorso al World Economic Forum di Davos, in Svizzera, ha sottolineato un altro modo in cui il poker può aiutare in questi negoziati: applicando la logica della posizione al tavolo da poker per darti il ​​vantaggio dell’ultima mossa.

Ecco cosa dice la Konnikova: “Al di fuori del poker devi chiederti chi sono le persone che hanno un vantaggio posizionale su di te. Quelle che prenderanno la loro decisione per secondi.

C’è sempre un vantaggio della seconda mossa in ogni trattativa. Se sei il primo a parlare, sarebbe sciocco da parte tua dichiarare subito le tue reali aspettative di stipendio. Non devi ancorarti troppo in basso. C’è un enorme vantaggio da guadagnare dalla posizione“.

 

Guarda dietro per guardare avanti

Se riesci a insegnare a te stesso a pensare in modo logico dopo una bad beat, sarai in grado di riconoscere che non c’è niente che puoi fare per tornare indietro nel tempo. Capirai anche che andare in tilt probabilmente danneggerà le tue possibilità nel lungo periodo.

La Konnikova valorizza il concetto di conoscere se stessi. Questo può rivelarsi utile nel poker, quando analizzi le hand histories e riconosci gli errori fatti, piuttosto che cercare scuse facili.

Usa il tuo poker brain in altre aree della tua vita. Potresti riuscire a impedirti di fare qualcosa che peggiora solo la situazione. Più avanti potrai ringraziare il tuo poker brain per aver sistemato il tuo passato.

 

Capire il rischio

La Konnikova aggiunge: “Sembra che la fiducia sia una cosa naturale, che sia in realtà il nostro stato di default. Sembra invece che la mancanza di fiducia venga appresa“.

Espandendosi nel poker, spiega come un grande fold è segno di un grande giocatore di poker. Forse più di una grande chiamata. Questo è dovuto al processo mentale che determina quando i nostri avversari sono onesti con noi.

Applicato al mondo reale, un atto di fiducia verso coloro che ci circondano può essere di grande aiuto. Ma è qualcosa che dobbiamo qualificare attraverso le informazioni che abbiamo a nostra disposizione.

Il modo migliore per applicare il pensiero del poker alla vita reale può riguardare la velocità con cui eseguiamo i ragionamenti. Per esempio, nelle situazioni in cui siamo stati condizionati a credere che qualcuno potrebbe sfruttarci.

Il pensiero del poker, quindi, ci aiuta a capire rapidamente quando un venditore sta piegando la verità e quando è onesto con noi.

Come dice la Konnikova: “Le persone che hanno livelli più alti di fiducia generalizzata tendono a fare meglio accademicamente, sono più felici, sono più sani, si assumono più rischi, danno vita a più imprese, sembrano più intelligenti“. Questi rischi, tuttavia, devono spesso essere calcolati, utilizzando le informazioni a nostra disposizione.

 

Imparare la disciplina

Quando giochi a poker, sai cosa significa annoiarsi. E sai quando le dimensioni del tuo stack possono rendere non ottimale rilanciare con certe carte da determinate posizioni.

Se insegni a te stesso la disciplina e l’attenzione necessaria per evitare queste giocate perdenti a lungo termine, i tuoi risultati nel lungo periodo inizieranno a mostrare un miglioramento.

Allo stesso modo, nella vita di tutti i giorni, potresti mangiare meglio per raggiungere un obiettivo finale. Una perdita di peso, un guadagno muscolare o semplicemente una migliore forma fisica generale.

Mangiare qualcosa di “proibito” può essere allettante nel breve termine, ma non si avvicina al beneficio che otterrai una volta raggiunto il tuo obiettivo dopo tante settimane.

Insegnando al cervello la pazienza e la concentrazione, puoi sentirti più a tuo agio perdendo il “colpo a breve termine” e assicurandoti di avere ciò di cui hai bisogno a lungo termine.

 

Sapere quali discussioni puoi permetterti di perdere

In tutte le relazioni, siano esse romantiche, platoniche o lavorative, esiste la tentazione di emergere in ogni discussione. Quando si sa di aver ragione è difficile lasciar perdere. Tuttavia, il poker può aiutarti a capire a guardare oltre.

Nel poker a volte si folda una buona mano ragionando in base all’ICM. Oppure si rinuncia a uno showdown al 55% contro un avversario debole confidando di trovare uno spot migliore in futuro.

È la stessa cosa. C’è un momento in cui bisogna dare alle persone delle piccole vittorie che non ti svantaggiano troppo, per guadagnare un po’ di margine quando ne hai davvero bisogno.

La Konnikova cita un altro giocatore di poker, il compianto Amarillo Slim, il quale diceva: “Puoi tosare una pecora un sacco di volte, ma puoi scuoiarla una volta sola“. Alcune grandi decisioni, nella vita e nel poker, si presenteranno solo per un certo numero di volte, quindi è necessario identificare i momenti in cui è necessario avere ragione e quelli in cui la strategia migliore è fare piccoli sacrifici per mantenere vivo il tuo obiettivo finale.

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari