Tuesday, Oct. 22, 2019

Storie

Scritto da:

|

il 19 Feb 2019

|

 

Salvatore Bonavena tra i nove denunciati della operazione ‘Vibo Poker Tour’: “La mia non è una bisca!”

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

Salvatore Bonavena tra i nove denunciati della operazione ‘Vibo Poker Tour’: “La mia non è una bisca!”

Area

Vuoi approfondire?

A Vibo Valentia Guardia di Finanza e Carabinieri hanno scoperto “una bisca clandestina” in un locale iscrivendo nove persone nel registro degli indagati.

Tra loro c’è anche Mister EPT Salvatore Bonavena: secondo quanto riporta l’agenzia Ansa, che in prima battuta aveva scritto di “un giocatore di poker di fama internazionale di 54 anni, originario del Vibonese”, Salvo è il legale rappresentante del Circolo e in quanto tale è stato denunciato per esercizio aggravato di gioco d’azzardo.

“I militari, circondato lo stabile e rese inoffensive le vedette, hanno fatto irruzione cogliendo in flagranza i giocatori seduti ai tavoli con ingenti quantitativi di fiche – scrive l’agenzia.

Subito è scattato il sequestro del Circolo e anche dei contanti rinvenuti:

“Il locale è stato sequestrato così come diverse migliaia di euro in contanti custodite nella cassa del locale. Recuperati anche documenti su cui erano annotati i nomi dei giocatori e la quota versata”.

Oltre al giocatore sono state denunciate altre otto persone presenti in quel momento nel locale.

Secondo gli investigatori, tra questi ci sarebbero anche “figure organiche alla ‘ndranghenta”.

 

Le prime parole di Salvo

Subito abbiamo contattato Salvatore Bonavena per saperne di più e sentire la sua campana.

Dopo aver dato la sua versione sulla tempistica della operazione (i fatti, secondo Bonavena, risalgono alla sera di sabato e non a ieri pomeriggio) ‘Mister EPT’ ci ha rilasciato le seguenti dichiarazioni:

“La mia non è una bisca, la gente per entrare deve firmare e non accettiamo pregiudicati. Non stavamo facendo niente di male, stavamo solo passando un sabato sera tranquillo a divertirci”.

Secondo Bonavena tutta questa vicenda sarebbe frutto di un equivoco:

“Purtroppo hanno trovato dei soldi perché qualcuno aveva portato la cassa al tavolo. Da lì è nato il disguido e hanno scritto tante cose sbagliate. La Gazzetta ha già modificato il suo articolo. Io volevo rispondere di getto ma il mio avvocato mi ha consigliato di aspettare un attimo. Stasera ne saprete di più, prepareremo una lettera”.

Per ulteriori dettagli stay tuned!

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari