Wednesday, Dec. 11, 2019

Storie

Scritto da:

|

il 3 Ago 2019

|

 

La storia di The Hendon Mob: il nuovo millennio, il boom e la consacrazione mondiale

La storia di The Hendon Mob: il nuovo millennio, il boom e la consacrazione mondiale

Area

Vuoi approfondire?

La Storia di The Hendon Mob sembra uscita da una pellicola di Hollywood. E invece è la vera metamorfosi di un gruppo di 4 amici londinesi: appassionati del gioco, pokeristi infallibili e con una visione lungimirante. Dal soprannome The Hendon Mob per indicare i quattro inglesi, al The Hendon Mob nome dato a quello che sarà il più grande database nella storia del poker live.

Nella prima parte del nostro racconto, vi abbiamo parlato dei primi passi mossi sia dai quattro amici e sia dal sito. Con l’ingresso del nuovo millennio, il poker sta per entrare nel suo boom più totale: dal vivo e online, il nuovo grande mercato è pronto a conquistare il mondo. Il quartetto è ormai conosciuto nel mondo del poker live, grazie anche alle partecipazione ai primi tavoli televisivi trasmessi in TV.

L’incontro con Full Tilt

Se le loro carriere pokeristiche decollano, anche il sito The Hendon Mob è un fiume in piena. I tornei nascono come funghi nel mondo, si gioca a tutte le latitudini e arrivano risultati su risultati da inserire nel database. Con i quattro impegnati sia nel gioco e sia nelle pubbliche relazioni, serve “mano d’opera” per l’aggiornamento e lo sviluppo continuo del sito.

Saranno ben 7 i dipendenti full time e altri 3 part time a mandare avanti The Hendon Mob seguendo le linee guida dei “titolari”. Un’escalation continua che culmina con la sponsorizzazione di Full Tilt. Siamo alla fine del 2003 e il sito di poker online è in espansione: negli USA Full Tilt viaggia a velocità altissima, mentre in Europa trova qualche resistenza. Serve dunque un aggancio per sbarcare nel vecchio continente. E il database inglese è quanto di meglio possa esserci.

Un beneficio comune: per The Hendon Mob che fa il suo definitivo salto di qualità e per Full Tilt che per la prima volta sponsorizza al di fuori dei confini a stelle e strisce. Un contratto milionario, dove i quattro londinesi vendono la pubblicità sul loro sito a peso d’oro. Potremmo definirla l’operazione del secolo, per quello che concerne un database così particolare.

Tutto questo mentre i quattro amici shippano eventi a ripetizioni nei vari tornei live: dal trionfo EPT al primo bracciale alle WSOP. Una società perfetta anche nel gioco, visto che le vincite prevedono un 5% da destinare ad un fondo cassa comune. I risultati nel poker dal vivo arrivano senza sosta e così le tasche dei quattro giocatori si gonfiano a dismisura. Ma l’orizzonte sta per diventare scuro. Sta arrivando un maledetto venerdì di aprile del 2011.

Il Black Friday

Il Black Friday si abbatte anche The Hendon Mob. Essendo legati a Full Tilt subiscono a loro volta pesanti perdite. In sei mesi il database passa da 10 a 2 dipendenti fissi. Una crisi che mette i quattro davanti al bivio: chiudere e dividere gli ultimi utili, oppure rilanciare con un salto nel vuoto? Essendo gambler nell’animo, ci si aspetterebbe la seconda opzione, ma improvvisamente si fa avanti una terza strada.

Il noto imprenditore Alex Dreyfus è interessato all’acquisto di The Hendon Mob. Siamo nel 2013 e dopo due anni difficili a causa del BlackFriday i quattro amici accettano l’offerta e vendono il sito in blocco ad Alex. Senza più sponsorizzazioni alle spalle, si sono resi conto di non avere quelle risorse economiche per portare avanti il progetto. Così davanti ad un’occasione del genere dicono di si.

Saranno anche gambler, ma in questo caso hanno dimostrato di essere degli ottimi giocatori che sanno quando arriva il momento di mollare la mano. Probabilmente dopo 15 anni sulla cresta dell’onda, immersi full time fra poker giocato e poker da inserire nel database, i quattro amici hanno voglia di riprendersi le loro vite. Quello che si dice in gergo tirare il fiato. Dopo tre lustri a gas aperto è arrivato il momento di riposare e guardarsi attorno.

Con l’uscita da  The Hendon Mob ognuno dei membri del quartetto prende la sua strada, ma l’amicizia e la stima resta invariata fra di loro. E guardando indietro si rendono conto di aver percorso un meraviglioso viaggio. Partiti con la passione del gioco, hanno creato uno dei siti più importanti e ricchi al mondo. Ovunque andranno le loro strade, essi saranno sempre la banda del ” The Hendon Mob“. Un nome e una garanzia che dura da 20 anni.

 

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari