Tuesday, Sep. 22, 2020

Storie

Scritto da:

|

il 16 Giu 2020

|

 

Il giorno in cui Dario Minieri diventò campione del Mondo di Poker a Las Vegas

Il giorno in cui Dario Minieri diventò campione del Mondo di Poker a Las Vegas

Area

Vuoi approfondire?

Per l’Italia calcistica era la vigilia della decisiva partita dell’Europeo con la Francia, dopo la pesante sconfitta all’esordio contro l’Olanda e il pareggio con la Romania.

Per l’Italia del poker invece il 16 giugno 2008 fu il momento dell’apoteosi. Esattamente due giorni prima a Las Vegas era arrivato il terzo braccialetto tricolore di sempre, vinto da Max Pescatori al $2.500 Pot-Limit Hold’em/Omaha.

Quel torrido lunedì a fregiarsi del titolo di campione del Mondo toccò a Dario Minieri, il divo del poker italiano, colui che più di ogni altro fu artefice del boom delle due carte nello Stivale e che a ogni apparizione nei casinò veniva circondato per foto e autografi manco fosse un divo del calcio o una stella del cinema.

 

L’inizio del torneo

A Vegas la temperatura sfiorava i 40 gradi, quel sabato di giugno in cui partì il torneo numero 31 della 39° edizione World Series. A pagare i 2.500$ di buy-in dell’evento 6-max di No Limit Hold’Em furono in 1.062.

Al termine della giornata erano 73 i sopravvissuti che imbustarono le loro chips per il Day2. Il chipleader Alon Shahar aveva accumulato un monster stack di 264.100, seguito a ruota dal nostro mitico Darietto con 191.600 chips.

Il Day2 vide tantissime defezioni eccellenti. Con la bolla in the money già scoppiata per 108 giocatori a premio, in questa giornata dissero addio ai sogni di gloria Max Pescatori, che fermò la sua corsa in 41° posizione, Jason Mercier 22°, il francese Bruno Fitoussi in 11° posizione.

Uomo bolla del Tavolo Finale fu Scotty Nguyen che incappò in un allin preflop sfortunato contro Seth Fisher: Nguyen con TT, Fisher 79 trova colore su board 6Q5JJ.

La mano segnò la fine della giornata. Dario Minieri sarebbe tornato chipleader a lottare per il primo posto più ambito.

 

Il tavolo finale

Ecco il chipcount e le posizioni di partenza del tavolo finale:

Seat 1: Kevin Song (Rowland Heights, California) — 1,173,000
Seat 2: Justin Filtz (Stevens Point, Wisconsin) — 891,000
Seat 3: Dario Minieri (Rome, Italy) — 1,721,000
Seat 4: Stuart Marshak (Chicago, Illinois) — 183,000
Seat 5: John O’Shea (Dublin, Ireland) — 589,000
Seat 6: Seth Fischer (Palm Harbor, Florida) — 508,000

Pronti via e alla decima mano c’è il primo eliminato del Tavolo Finale. Ad avviarsi alla cassa è Stuart Marshak che dopo l’apertura di Song e i flat di Flitz e Minieri decide di pushare con Q-Jo schiantandosi sulla coppia di Re slowplayata da Flitz.

Nove mani e c’è un altro player out. Dopo aver chiamato da big blind, l’irlandese John O’Shea check-pusha con 24 su flop 5A2 trovando lo snap call di Seth Fischer con A9.

La fase a 4 left va avanti fino alla mano numero 51 della giornata, quando Dario tribet-chiama con A-8 il push di Kevin Song da bottone. L’americano gira K-J e su board liscio si dirige alla cassa del Rio.

Dario arriva a due eliminazioni di distanza dal braccialetto con la più consistente dotazione di chips, ma nel tavolo a tre i giochi si fanno macchinosi con tante mani che si esauriscono preflop, sia con raise / fold che con dei grandi giri di walk, in particolare quando su big blind c’è Dario.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

La crudele eliminazione di Justin Flitz in terza posizione arriva più di 100 mani dopo, allo spot numero 164 del Final Day.

Con AA Flitz cold 4-betta all-in sulla apertura di Dario e la tribet di Fischer, che dopo il fold dell’italiano chiama con AK.

Il board 9JKKJ materializza lo scoppione che porta Minieri all’heads-up. Tra l’italiano e il braccialetto è rimasto un solo avversario.

 

Le mani del trionfo

Nelle prime 26 mani dell’heads-up i giocatori arrivano al river due volte, in entrambe Minieri folda, la prima sulla bet di Fischer, la seconda sull’all-in avversario dopo aver puntato.

Poi arriva la mano 191. Cruciale per gli esiti del torneo. Uno scoppio storico. Sulla apertura di Fischer da bottone Dario pusha all-in con 34, l’avversario snappa e gira coppia di Re!

Il flop 28J consegna a Minieri un progetto a colore, il turn 4 aumenta il numero degli outs a disposizione. Sul turn Fischer ha un moto di disgusto come a intuire l’incredibile scoppio che si materializza puntuale con un 4 river!

Con questo double-up Minieri sale a più di tre milioni di chips e prende il comando del testa a testa.

La mano seguente Dario apre 180.000, Fischer chiama.

Flop 33K, entrambi i giocatori checkano.

Turn T, Fischer punta 200.000, Dario chiama

River 8, Fischer punta 400.000, Dario chiama e incamera il pot con Coppia di Donne contro il T-9 avversario.

Seguono cinque walk vicendevoli di fila, prima della mano decisiva. Su apertura di Minieri da bottone Fischer pusha, Dario snappa e si va a showdown.

Fischer KT contro Minieri QQ.

Il board AA523 sancisce la fine dei giochi, dal rail italiano parte un boato, tutti si riversano sul neo campione del Mondo cantando cori: per Dario è il trionfo che lo consegna alla storia!

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari