Tuesday, Oct. 20, 2020

Poker Live

Scritto da:

|

il 31 Ago 2020

|

 

WSOP 2018: Pollak vs Phan, un fold troppo conservativo?

WSOP 2018: Pollak vs Phan, un fold troppo conservativo?

Area

Ci siamo passati tutti quanti: può capitare, talvolta, di ottenere un punto molto forte, magari un “trips” in un board pairato, con inaspettate annesse difficoltà davanti ad una forte puntata avversaria: il nostro kicker, non particolarmente alto, ci pone nella situazione di doverci chiedere se il nostro punto sia in effetti sufficientemente forte.

Un po’ quello che è passato per la mente al francese Benjamin Pollak, nelle fasi finali del Main Event WSOP 2018.

Kicker problem?

E’ il 2 luglio del 2018, e sono in corso le fasi finali del Main Event WSOP a Las Vegas. Il tavolo finale si avvicina sempre più, infatti sono solo 46 i players rimanenti dei 7874 partenti.

I “gradini” del payout si fanno sempre più ripidi: attualmente il prossimo eliminato incasserà poco più di 150 mila dollari, ma fra due eliminazioni si passerà a percepire quasi 190 mila dollari. Nulla in confronto, comunque, al payout del final table, che va dal milione del nono classificato agli 8,8 milioni del vincitore.

In questa mano, a bui 60.000/120.000, il belga Bart Lybaert apre a 280.000 con 10 10, trovando il call di Benjamin Pollak dallo small blind con K 8 e di Ryan Phan da big blind con A J. Il francese ha uno stack di circa 2,5 milioni mentre lo statunitense di oltre 6.

Si va al flop K K A.

Check, check, Lybaert va in c-bet per 275.000, Pollak chiama, così come Phan.

Turn: 2

Triplo check.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

River: 6

Pollak bet 425.000, Phan riflette sul da farsi prima di rilanciare a 1,5 milioni. Lybaert folda e la palla passa a Pollak, che si chiude in un mare di pensieri.

Dopo lunghe riflessioni (del resto, se chiamasse e perdesse resterebbe con una manciata di bui), e un paio di ipotesi a voce alta sulla mano avversaria, Pollak decide per un soffertissimo fold.

 

La community pokeristica si è interrogata su due questioni: la prima, circa la bontà del fold di Pollak; la seconda, circa il motivo del raise di Phan (se fosse stato in bluff o per valore).

Forse una diversa linea per Pollak si sarebbe rivelata più produttiva? Magari un check-call al river? O che altro? Voi che dite?

 

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari