Tuesday, Oct. 20, 2020

Poker Live

Scritto da:

|

il 3 Set 2020

|

 

Big Game Pokerstars: quando rilanciare col nuts non è così scontato

Big Game Pokerstars: quando rilanciare col nuts non è così scontato

Area

Avere il nuts al river, nel poker, è la sensazione più bella del mondo. Sappiamo di non poter perdere la mano (il che non è poco), e l’unica preoccupazione che ci resta è quella di definire quanto i nostri avversari possano pagare il nostro punto.

Ci sono situazioni, però, che ci mettono comunque di fronte a scelte non scontate. Un po’ come capitato all’americano William Reynolds in una partita del “Big Game” di Pokerstars, in una mano che si rivelerà tecnicamente e strategicamente interessantissima. Andiamo a vedere il perché.

Chiamare o rilanciare col nuts?

Siamo ad un cash game televisivo nel contesto del programma “Big Game” di Pokerstars, e tutti i giocatori hanno uno stack che si aggira sui 100.000$. La partita è un pesante $400-$800 e l’azione è aperta dal pro americano William Reynolds, che rilancia a $2.500 con J 8. TonyG, da bottone, tribetta a 5.000$ con A 5 ; dallo small blind Lex Veldhuis fa call con 7 7. La parola torna a Reynolds che completa.

Si va quindi al flop per tre giocatori.

Flop: 7 A 9

C’è qualcosa per tutti quanti: set per Veldhuis, top pair per TonyG e combo draw per Reynolds.

Tutti optano per il check.

Turn: 10

Altra action card. Veldhuis col suo set esce puntando 13.000$, Reynolds chiama con  scala e la parola va a TonyG, che inizia a riflettere a voce alta. “Non so se chiamare o rilanciare. E’ una carta per cui, vi giuro, potrei anche fare all-in.”

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Dopo un po’, giunge alla soluzione: “Ok, faccio solo call, tanto sono in posizione su di voi.”

River: 4

Veldhuis esce puntando 31.400$, parola a Reynolds che deve decidere il da farsi, con TonyG dietro. Con scala nuts, si limita al call. TonyG, dopo altre considerazioni a voce alta, folda.

Vi è inizialmente un po’ di stupore allo showdown, così Reynolds spiega che sperava in un call o in un raise di TonyG.

La domanda, ovvia, è questa: avrebbe dovuto rilanciare al river? In linea teorica ci sono più chance di prendere soldi da due avversari chiamando o da solo uno rilanciando? A Reynolds è riuscita la cosa peggiore, certo, ma se TonyG avesse chiamato o addirittura rilanciato staremmo parlando di una giocata geniale.

Che ne pensate? Cosa avreste fatto al posto suo? Call o raise?

 

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari