Tuesday, Oct. 20, 2020

Poker Live

Scritto da:

|

il 5 Set 2020

|

 

Pokerstars EPT Barcellona 2019: una scelta complessa al Final Table

Pokerstars EPT Barcellona 2019: una scelta complessa al Final Table

Area

Molte volte, nell’economia di un torneo di poker, il fold di un punto molto forte (se corretto) può fare la differenza nell’ottenimento di un piazzamento significativo.

Non è cosa così facile, però: sappiamo bene quanto raro sia ottenere, specie in late stage, delle grandi mani; figuriamoci quanto difficile sia foldare.

Chissà cosa ha pensato il cinese Yunye Lu, che al tavolo finale EPT di Barcellona 2019 si è trovato di fronte ad una scelta veramente complessa.

Raise per valore?

E’ il 30 agosto del 2019. Siamo al tavolo finale dell’EPT di Barcellona: torneo incredibilmente grande, da quasi duemila partecipanti (anzi, per la precisione: 1489 partecipanti e 499 re-entries), per un prizepool complessivo di circa 10 milioni di euro.

Siamo a quota sette players left, col prossimo ad uscire che percepirà 226 mila euro: bella cifra, ma poca roba davanti al milione e seicentomila del vincitore.

I protagonisti di questa mano sono l’ungherese Czuczor, che a bui 100k/200k rilancia a 450k con Q J (suo stack 9 milioni), con il cinese Lu che da big blind, con Q J fa call dal grande buio (con uno stack di 3,5 milioni).

Si va al flop per due: J 5 J

Trips per tutti e due, quindi.

Check di Lu, Czuczor va in c-bet per 300k, Lu si limita al call.

Turn: 10

Lu decide di uscire puntando, scommettendo 500k.  Czuczor, che in gergo sta “freerollando” col draw di picche, fa solo call.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

River: 9

Carta terribile per Lu, stupenda per il suo avversario. Il cinese, infatti, punta 1 milione, restando con poco più di un milione dietro. L’ungherese, con colore, ci pensa su parecchio, poi va in all-in.

La parola torna al cinese, messo davanti ad una scelta particolarmente complessa. Resterebbe con soli 6 big blind, cortissimo.

Dopo qualche altra riflessione, Lu folda correttamente la sua mano.

Gli spunti di carattere strategico, qui, sono molti.

Anzitutto: come vediamo le giocate al flop di entrambi? La gestione del trips appare corretta o andava spinto maggiormente?

Il river, poi, vediamolo nei panni di Lu: c’è la possibilità che l’avversario bluffi o rilanci con una mano meno forte? Il trips, al river, può mai essere buono?

Infine: con un piatto così grosso e soli 6 bui dietro, a prescindere dalla mano avversaria può essere corretto foldare nell’economia del tavolo finale?

Voi che dite?

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari